rifer


Capitolo Precedente
Riferimento: Gb 22,3
Capitolo Successivo
RIFERIMENTI   | NUOVA CEI  Sfoglia il Testo   | NUOVA RIVEDUTA  Sfoglia il Testo   | NUOVA DIODATI  Sfoglia il Testo
   
1 Elifaz di Teman prese a dire: 1 Allora Elifaz di Teman rispose e disse: 1 Allora Elifaz di Teman rispose e disse:
2 «Può forse l’uomo giovare a Dio, dato che il saggio può giovare solo a se stesso? 2 «Può l'uomo recare qualche vantaggio a Dio? No; il savio non reca vantaggio che a sé stesso. 2 «Può forse l'uomo recare qualche beneficio a Dio? Certamente il saggio reca beneficio a se stesso.
3 Quale interesse ne viene all’Onnipotente che tu sia giusto, o che vantaggio ha, se tieni una condotta integra? 3 Se sei giusto, ne viene forse qualche vantaggio all'Onnipotente? Se sei integro nella tua condotta, ne trae egli un guadagno? 3 Quale piacere ne riceve l'Onnipotente, se tu sei giusto, o quale guadagno ne ha, se la tua condotta è integra?
4 È forse per la tua pietà che ti punisce e ti convoca in giudizio? 4 È forse per la paura che ha di te che egli ti castiga o viene con te in giudizio? 4 È forse per la paura che ha di te che ti castiga e viene in giudizio con te?
5 O non piuttosto per la tua grande malvagità e per le tue iniquità senza limite? 5 La tua malvagità non è forse grande, e le tue iniquità non sono infinite? 5 Non è piuttosto per la tua grande malvagità e per le tue innumerevoli colpe?
6 Senza motivo infatti hai angariato i tuoi fratelli e delle vesti hai spogliato gli ignudi. 6 Tu, per un nulla, prendevi pegno dai tuoi fratelli, spogliavi delle loro vesti gli ignudi. 6 Senza motivo infatti prendevi pegni dai tuoi fratelli e spogliavi gli ignudi delle loro vesti.
7 Non hai dato da bere all’assetato e all’affamato hai rifiutato il pane. 7 Allo stanco non davi da bere l'acqua, all'affamato rifiutavi il pane. 7 Non davi da bere acqua allo stanco e rifiutavi il pane all'affamato.
8 Ai prepotenti davi la terra e vi abitavano solo i tuoi favoriti. 8 La terra apparteneva al più forte, l'uomo influente vi piantava la sua casa. 8 La terra apparteneva all'uomo potente e vi abitava l'uomo onorato.
9 Le vedove rimandavi a mani vuote e spezzavi le braccia degli orfani. 9 Rimandavi a vuoto le vedove, le braccia degli orfani erano spezzate. 9 Rimandavi la vedova a mani vuote, e le braccia degli orfani erano spezzate.
10 Ecco perché intorno a te ci sono lacci e un improvviso spavento ti sorprende, 10 Ecco perché sei circondato di lacci, spaventato da improvvisi terrori. 10 Ecco perché sei circondato ovunque da lacci e spaventi improvvisi ti turbano,
11 oppure l’oscurità ti impedisce di vedere e la piena delle acque ti sommerge. 11 O non vedi le tenebre che ti avvolgono, la piena d'acque che ti sommerge? 11 oppure un'oscurità non ti permette di vedere e una piena di acque ti sommerge.
12 Ma Dio non è nell’alto dei cieli? Guarda quanto è lontano il vertice delle stelle! 12 «Dio non è forse lassù nei cieli? Guarda lassù le stelle eccelse, come stanno in alto! 12 Non è forse Dio nell'alto dei cieli? Guarda le stelle eccelse, quanto sono alte!
13 E tu dici: “Che cosa ne sa Dio? Come può giudicare attraverso l’oscurità delle nubi? 13 E tu dici: "Dio che sa? Può egli giudicare attraverso il buio? 13 E tu dici: che cosa sa Dio? Può forse giudicare attraverso dense tenebre?
14 Le nubi gli fanno velo e non vede quando passeggia sulla volta dei cieli”. 14 Fitte nubi lo coprono e nulla vede; egli passeggia sulla vòlta dei cieli". 14 Fitte nubi lo coprono così non può vedere, e passeggia sulla volta dei cieli.
15 Vuoi tu seguire il sentiero di un tempo, già battuto da persone perverse, 15 Vuoi dunque seguir l'antica via per cui camminarono gli uomini malvagi, 15 Vuoi tu seguire la via antica già percorsa da uomini malvagi,
16 che prematuramente furono portate via, quando un fiume si era riversato sulle loro fondamenta? 16 che furono portati via prima del tempo, e il cui fondamento fu come un torrente che scorre? 16 che furono portati via prima del tempo, e il cui fondamento fu spazzato via da un fiume in piena?
17 Dicevano a Dio: “Allontànati da noi! Che cosa può fare a noi l’Onnipotente?”. 17 Essi dicevano a Dio: "Allontànati da noi! Che ci può fare l'Onnipotente?" 17 Essi dicevano a Dio: Allontanati da noi! Che cosa ci può fare l'Onnipotente?
18 Eppure è lui che ha riempito le loro case di beni, mentre il consiglio dei malvagi è lontano da lui! 18 Eppure Dio aveva riempito le loro case di beni! Ah, lungi da me il consiglio degli empi! 18 Eppure Dio aveva colmato le loro case di beni. Ma io mi tengo lontano dal consiglio degli empi.
19 I giusti vedranno e ne gioiranno e l’innocente riderà di loro: 19 I giusti, vedendo la loro rovina, ne gioiscono, e l'innocente si fa beffe di loro: 19 I giusti vedono ciò e si rallegrano, e l'innocente si fa beffe di loro:
20 “Finalmente sono annientati i loro averi e il fuoco ha divorato la loro opulenza!”. 20 "Vedete se non sono distrutti gli avversari nostri! La loro abbondanza l'ha divorata il fuoco!" 20 sì certo, i nostri nemici sono distrutti, e il fuoco ne divora quel che resta.
21 Su, riconcìliati con lui e tornerai felice, e avrai nuovamente il tuo benessere. 21 «Riconcìliati dunque con Dio; avrai pace, ti sarà resa la prosperità. 21 Riconciliati dunque con Dio e sarai al sicuro; così avrai benessere.
22 Accogli la legge dalla sua bocca e poni le sue parole nel tuo cuore. 22 Ricevi istruzioni dalla sua bocca, riponi le sue parole nel tuo cuore. 22 Ricevi istruzioni dalla sua bocca e riponi le sue parole nel tuo cuore.
23 Se ti rivolgerai all’Onnipotente, verrai ristabilito. Se allontanerai l’iniquità dalla tua tenda, 23 Se torni all'Onnipotente, se allontani l'iniquità dalle tue tende, sarai ristabilito. 23 Se ritorni all'Onnipotente, sarai ristabilito; se allontani dalle tue tende l'iniquità
24 se stimerai come polvere l’oro e come ciottoli dei fiumi l’oro di Ofir, 24 Getta l'oro nella polvere, l'oro di Ofir tra i ciottoli del fiume, 24 e getti l'oro nella polvere e l'oro d'Ofir tra i sassi del torrente,
25 allora l’Onnipotente sarà il tuo oro, sarà per te come mucchi d’argento. 25 e l'Onnipotente sarà il tuo oro, egli ti sarà come l'argento acquistato con fatica. 25 allora l'Onnipotente sarà il tuo oro, il tuo tesoro d'argento.
26 Allora sì, nell’Onnipotente ti delizierai e a Dio alzerai il tuo volto. 26 Allora l'Onnipotente sarà la tua delizia, e alzerai la faccia verso Dio. 26 Poiché allora troverai il tuo diletto nell'Onnipotente e alzerai la faccia verso Dio.
27 Lo supplicherai ed egli ti esaudirà, e tu scioglierai i tuoi voti. 27 Lo pregherai, egli ti esaudirà, e tu scioglierai i voti che avrai fatti. 27 Lo pregherai ed egli ti esaudirà, e tu adempirai i tuoi voti.
28 Quando deciderai una cosa, ti riuscirà e sul tuo cammino brillerà la luce, 28 Quello che intraprenderai, ti riuscirà; sul tuo cammino risplenderà la luce. 28 Deciderai una cosa e ti riuscirà, e sul tuo cammino splenderà la luce.
29 perché egli umilia l’alterigia del superbo, ma soccorre chi ha lo sguardo dimesso. 29 Se viene l'umiliazione, tu pregherai per essere rialzato: Dio soccorre chi ha gli occhi a terra; 29 Quando ti umiliano, dirai: "L'innalzamento verrà". Egli soccorrerà l'umile
30 Egli libera chi è innocente, e tu sarai liberato per la purezza delle tue mani». 30 libererà anche chi non è innocente, egli sarà salvo per la purezza delle tue mani». 30 e libererà anche chi non è innocente sì, egli sarà liberato per la purità delle tue mani».