rifer


Capitolo Precedente
Riferimento: Is 3,13-14
Capitolo Successivo
RIFERIMENTI   | NUOVA CEI  Sfoglia il Testo   | NUOVA RIVEDUTA  Sfoglia il Testo   | NUOVA DIODATI  Sfoglia il Testo
   
1 Sì, ecco il Signore, il Signore degli eserciti, toglie a Gerusalemme e a Giuda ogni genere di risorsa, ogni risorsa di pane e ogni risorsa d’acqua, 1 Ecco, il Signore, il SIGNORE degli eserciti, sta per togliere a Gerusalemme e a Giuda ogni risorsa e ogni appoggio, ogni risorsa di pane e ogni risorsa d'acqua, 1 Ecco, il Signore, l'Eterno degli eserciti, sta per togliere a Gerusalemme, e a Giuda ogni sostegno e appoggio, ogni sostegno di pane e ogni sostegno di acqua,
2 il prode e il guerriero, il giudice e il profeta, l’indovino e l’anziano, 2 il prode e il guerriero, il giudice e il profeta, l'indovino e l'anziano, 2 il prode e il guerriero, il giudice e il profeta, l'indovino e l'anziano,
3 il comandante di cinquanta e il notabile, il consigliere e il mago astuto e l’esperto d’incantesimi. 3 il capo di cinquantina e il notabile, il consigliere, l'artefice esperto, e l'abile incantatore. 3 il capo di una cinquantina e il notabile, il consigliere, l'esperto in arti magiche e l'abile incantatore.
4 Io metterò dei ragazzi come loro capi, dei monelli li domineranno. 4 Io darò loro dei ragazzini come prìncipi, e dei bambini domineranno su di essi. 4 Darò loro dei ragazzi come principi, e dei bambini li domineranno.
5 Il popolo userà violenza: l’uno contro l’altro, individuo contro individuo; il giovane tratterà con arroganza l’anziano, lo spregevole il nobile. 5 Il popolo sarà oppresso, uomo da uomo, ciascuno dal suo prossimo; il giovane sarà arrogante con il vecchio, l'infame contro colui che è onorato. 5 Il popolo sarà oppresso, l'uno dall'altro, e ognuno dal suo prossimo; il fanciullo sarà insolente verso il vecchio, lo spregevole verso l'uomo onorato.
6 Perché uno afferrerà il fratello nella casa del padre: «Tu hai un mantello: sii nostro capo; prendi in mano questa rovina!». 6 Quando uno prenderà il fratello nella sua casa paterna e gli dirà: «Tu hai un mantello, sii nostro capo, prendi in mano queste rovine», 6 Uno afferrerà il proprio fratello nella casa di suo padre e dirà: «Tu hai un mantello, sii nostro capo e prenditi cura di questa rovina».
7 Ma lui si alzerà in quel giorno per dire: «Non sono un guaritore; nella mia casa non c’è pane né mantello. Non ponetemi a capo del popolo!». 7 egli, in quel giorno, alzerà la voce, e dirà: «Io non sarò vostro medico, nella mia casa non c'è né pane né mantello; non fatemi capo del popolo!» 7 Ma in quel giorno egli dichiarerà solennemente, dicendo: «Io non fascerò le vostre ferite, perché in casa mia non c'è né pane né mantello; non fatemi capo del popolo».
8 Certo, Gerusalemme va in rovina e Giuda crolla, perché la loro lingua e le loro opere sono contro il Signore, e offendono lo sguardo della sua maestà. 8 Infatti Gerusalemme vacilla e Giuda crolla, perché la loro lingua e le loro opere sono contro il SIGNORE, al punto da provocare l'ira del suo sguardo maestoso. 8 Gerusalemme infatti barcolla e Giuda cade, perché la loro lingua e le loro opere sono contro l'Eterno, per provocare ad ira lo sguardo della sua maestà.
9 La loro parzialità li condanna ed essi ostentano il loro peccato come Sòdoma: non lo nascondono neppure; disgraziati loro, poiché preparano la loro rovina. 9 L'aspetto del loro volto testimonia contro di essi, proclamano il loro peccato, come Sodoma; non lo nascondono. Guai a loro, perché procurano a sé stessi del male. 9 La loro parzialità con le persone testimonia contro di essi; mettono in mostra il loro peccato come Sodoma e non lo nascondono. Guai a loro, perché fanno del male a se stessi.
10 Beato il giusto, perché avrà bene, mangerà il frutto delle sue opere. 10 Ditelo che il giusto avrà del bene, perché egli mangerà il frutto delle sue opere! 10 Dite al giusto che avrà bene, perché mangerà il frutto delle sue opere.
11 Guai all’empio, perché avrà male, secondo l’opera delle sue mani sarà ripagato. 11 Guai all'empio! Il male ricadrà sul suo capo, perché gli sarà reso quanto le sue mani hanno fatto. 11 Guai all'empio! Gli verrà addosso la sventura, perché gli sarà reso quel che le sue mani hanno fatto.
12 Il mio popolo! Un fanciullo lo tiranneggia e delle donne lo dominano. Popolo mio, le tue guide ti traviano, distruggono la strada che tu percorri. 12 Il mio popolo ha come oppressori dei bambini, e delle donne dominano su di lui. Popolo mio, coloro che ti guidano ti sviano, e distruggono il sentiero per cui devi passare! 12 Gli oppressori del mio popolo sono fanciulli, e donne dominano su di lui. O mio popolo, quelli che ti guidano ti conducono fuori strada e distruggono il sentiero che tu percorri.
13 Il Signore si erge per accusare, egli si presenta per giudicare il suo popolo. 13 Il SIGNORE si presenta per discutere la causa, e sta in piedi per giudicare i popoli. 13 L'Eterno si presenta per accusare e prende posto per giudicare i popoli.
14 Il Signore inizia il giudizio con gli anziani e i capi del suo popolo: «Voi avete devastato la vigna; le cose tolte ai poveri sono nelle vostre case. 14 Il SIGNORE entra in giudizio con gli anziani del suo popolo e con i prìncipi di esso: «Voi siete quelli che hanno devastato la vigna! Le spoglie del povero sono nelle vostre case! 14 L'Eterno entra in giudizio con gli anziani, del suo popolo e con i suoi principi: «Siete voi che avete divorato la vigna; le spoglie del povero si trovano nelle vostre case.
15 Quale diritto avete di schiacciare il mio popolo, di pestare la faccia ai poveri?». Oracolo del Signore, il Signore degli eserciti. 15 Con quale diritto opprimete il mio popolo e pestate la faccia agli indifesi?» dice il Signore, il SIGNORE degli eserciti. 15 Quale diritto avete di calpestare il mio popolo e di pestare la faccia dei poveri?», dice il Signore, l'Eterno degli eserciti.
16 Dice il Signore: «Poiché si sono insuperbite le figlie di Sion, procedono a collo teso, ammiccando con gli occhi, e camminano a piccoli passi, facendo tintinnare gli anelli ai piedi, 16 Il SIGNORE dice ancora: «Poiché le figlie di Sion sono altere, camminano con il collo teso, lanciando sguardi provocanti, procedendo a piccoli passi e facendo tintinnare gli anelli dei loro piedi, 16 L'Eterno dice ancora: «Poiché le figlie di Sion sono altezzose e procedono con il collo teso e con sguardi provocanti, camminando a piccoli passi e facendo tintinnare gli anelli ai loro piedi,
17 il Signore renderà tignoso il cranio delle figlie di Sion, il Signore denuderà la loro fronte». 17 il Signore farà venire la tigna sulla testa delle figlie di Sion, il SIGNORE metterà a nudo le loro vergogne. 17 il Signore colpirà con la scabbia la sommità del capo delle figlie di Sion, e l'Eterno metterà a nudo le loro vergogne».
18 In quel giorno il Signore toglierà l’ornamento di fibbie, fermagli e lunette, 18 In quel giorno, il Signore toglierà via il lusso degli anelli dei piedi, delle reti e delle mezzelune, 18 In quel giorno il Signore toglierà l'ornamento degli anelli alle caviglie, i cappellini e le lunette,
19 orecchini, braccialetti, veli, 19 degli orecchini, dei braccialetti, dei veli, 19 gli orecchini, i braccialetti e i veli,
20 bende, catenine ai piedi, cinture, boccette di profumi, amuleti, 20 dei diademi, delle catenelle dei piedi, delle cinture, dei vasetti di profumo, degli amuleti, 20 i turbanti, le catenine ai piedi, le cinture, i vasetti di profumo e gli amuleti,
21 anelli, pendenti al naso, 21 degli anelli, dei cerchietti da naso, 21 gli anelli, i gioielli al naso,
22 vesti preziose e mantelline, scialli, borsette, 22 degli abiti da festa, delle mantelline, degli scialli, delle borse, 22 gli abiti da festa, le mantelline, gli scialli e le borsette,
23 specchi, tuniche, turbanti e vestaglie. 23 degli specchi, delle camicie finissime, dei turbanti e delle mantiglie. 23 gli specchi, le camicette, i cappucci e le vestaglie.
24 Invece di profumo ci sarà marciume, invece di cintura una corda, invece di ricci calvizie, invece di vesti eleganti uno stretto sacco, invece di bellezza bruciatura. 24 Invece del profumo si avrà fetore; invece di cintura, una corda; invece di riccioli, calvizie; invece di ampio mantello, un sacco stretto; un marchio di fuoco invece di bellezza. 24 E avverrà che invece di profumo vi sarà marciume, invece della cintura una corda, invece di riccioli calvizie, invece di una veste costosa un sacco stretto, un marchio di fuoco invece di bellezza.
25 I tuoi prodi cadranno di spada, i tuoi guerrieri in battaglia. 25 I tuoi uomini cadranno di spada, e i tuoi prodi in battaglia. 25 I tuoi uomini cadranno di spada, e i tuoi prodi in battaglia.
26 Si alzeranno lamenti e gemiti alle sue porte ed essa, disabitata, giacerà a terra. , 26 Le porte di Sion gemeranno e saranno in lutto; tutta desolata, siederà per terra. , 26 Le sue porte gemeranno e saranno in lutto; tutta desolata siederà per terra. ,