rifer


Capitolo Precedente
Riferimento: Sal 88,1
Capitolo Successivo
RIFERIMENTI   | NUOVA CEI  Sfoglia il Testo   | NUOVA RIVEDUTA  Sfoglia il Testo   | NUOVA DIODATI  Sfoglia il Testo
   
1 Canto. Salmo. Dei figli di Core. Al maestro del coro. Sull’aria di «Macalàt leannòt». Maskil. Di Eman, l’Ezraita. 1 Cantico. Salmo dei figli di Core. Al direttore del coro. Da cantarsi mestamente. Cantico di Eman, l'Ezraita. SIGNORE, Dio della mia salvezza, io grido giorno e notte davanti a te. 1 [Cantico. Salmo dei figli di Kore. Al maestro del coro. Da cantarsi mestamente. Cantico di Heman, l'Ezrahita.] O Eterno, DIO della mia salvezza, io grido giorno e notte davanti a te.
2 Signore, Dio della mia salvezza, davanti a te grido giorno e notte. 2 Giunga fino a te la mia preghiera; porgi orecchio al mio grido, 2 Giunga fino a te la mia preghiera, tendi l'orecchio al mio grido,
3 Giunga fino a te la mia preghiera, tendi l’orecchio alla mia supplica. 3 perché l'anima mia è sazia di mali e la mia vita è vicina al soggiorno dei morti. 3 perché l'anima mia è sazia di male, e la mia vita è giunta fino allo Sceol.
Gb 10,15
Gb 17,1
4 Io sono sazio di sventure, la mia vita è sull’orlo degli inferi. 4 Io sono contato tra quelli che scendono nella tomba; sono come un uomo che non ha più forza. 4 Sono ormai annoverato fra quelli che scendono nella fossa, sono come un uomo che non ha più forza.
Nm 16,33
5 Sono annoverato fra quelli che scendono nella fossa, sono come un uomo ormai senza forze. 5 Sto disteso fra i morti, come gli uccisi che giacciono nella tomba, di cui non ti ricordi più, e che la tua mano ha abbandonato. 5 Sono abbandonato fra i morti come gli uccisi che giacciono nel sepolcro, di cui tu non ti ricordi più e che sono recisi e allontanati dalla tua mano.
Sal 143,7
6 Sono libero, ma tra i morti, come gli uccisi stesi nel sepolcro, dei quali non conservi più il ricordo, recisi dalla tua mano. 6 Tu mi hai messo nella fossa più profonda, in luoghi tenebrosi, negli abissi. 6 Tu mi hai posto nella più profonda fossa, in luoghi tenebrosi, negli abissi.
7 Mi hai gettato nella fossa più profonda, negli abissi tenebrosi. 7 L'ira tua pesa su di me, tu mi hai travolto con tutti i tuoi flutti. [Pausa] 7 Su di me si è abbattuta la tua ira, e tu mi hai travolto con tutti i tuoi flutti. (Sela)
Sal 42,8
Sal 18,5
8 Pesa su di me il tuo furore e mi opprimi con tutti i tuoi flutti. 8 Hai allontanato da me i miei amici, m'hai reso abominevole per loro. Io sono imprigionato e non posso uscire. 8 Tu mi hai privato dei miei amici, mi hai reso per loro un oggetto abominevole; sono rinchiuso e non posso uscire.
Sal 38,12
Sal 142,8
Lam 3,7
9 Hai allontanato da me i miei compagni, mi hai reso per loro un orrore. Sono prigioniero senza scampo, 9 I miei occhi si consumano di dolore; io t'invoco ogni giorno, SIGNORE, e tendo verso di te le mie mani. 9 Il mio occhio si strugge dal dolore; ti invoco ogni giorno, o Eterno, e tendo le mie mani verso di te.
10 si consumano i miei occhi nel patire. Tutto il giorno ti chiamo, Signore, verso di te protendo le mie mani. 10 Farai forse qualche miracolo per i morti? I defunti potranno risorgere a celebrarti? [Pausa] 10 Farai forse dei prodigi per i morti? Risorgeranno i defunti a lodarti? (Sela)
Sal 6,6
Is 38,18
11 Compi forse prodigi per i morti? O si alzano le ombre a darti lode? 11 La tua bontà sarà narrata nel sepolcro? O la tua fedeltà nel luogo della distruzione? 11 Si celebrerà la tua benignità nel sepolcro e la tua fedeltà nel luogo di distruzione?
12 Si narra forse la tua bontà nel sepolcro, la tua fedeltà nel regno della morte? 12 Le tue meraviglie saranno forse conosciute nelle tenebre, e la tua giustizia, nella terra dell'oblìo? 12 Saranno le tue meraviglie conosciute nelle tenebre e la tua giustizia nella terra dell'oblìo?
13 Si conoscono forse nelle tenebre i tuoi prodigi, la tua giustizia nella terra dell’oblio? 13 Ma io grido a te, o SIGNORE, e la mattina la mia preghiera ti viene incontro. 13 Ma io grido a te, o Eterno, e la mia preghiera ti viene incontro al mattino.
14 Ma io, Signore, a te grido aiuto e al mattino viene incontro a te la mia preghiera. 14 Perché, SIGNORE, respingi l'anima mia? Perché mi nascondi il tuo volto? 14 Perché mi respingi, o Eterno, perché mi nascondi il tuo volto?
15 Perché, Signore, mi respingi? Perché mi nascondi il tuo volto? 15 Io sono afflitto e agonizzante fin dalla mia gioventù; io porto il peso dei tuoi terrori e sono smarrito. 15 Sono stato afflitto e moribondo fin dalla giovinezza; ho sofferto i tuoi terrori e sono smarrito.
16 Sin dall’infanzia sono povero e vicino alla morte, sfinito sotto il peso dei tuoi terrori. 16 Il tuo sdegno mi travolge, i tuoi terrori m'annientano, 16 Sopra di me è passata la tua ardente ira; i tuoi terrori mi hanno annientato,
17 Sopra di me è passata la tua collera, i tuoi spaventi mi hanno annientato, 17 mi circondano come acque tutto il giorno, mi stringono tutti assieme. 17 mi hanno circondato come acque tutto il giorno e tutti assieme mi hanno sommerso.
18 mi circondano come acqua tutto il giorno, tutti insieme mi avvolgono. 18 Hai allontanato da me amici e conoscenti; le tenebre sono la mia compagnia. 18 Hai allontanato da me amici e conoscenti; i miei amici più intimi sono le tenebre.
Gb 17,13-14
19 Hai allontanato da me amici e conoscenti, mi fanno compagnia soltanto le tenebre. 19 19