Home

Parola del Giorno

6.a di Pasqua - Domenica
Ti lodino i popoli, o Dio, ti lodino i popoli tutti.
Prima Lettura
Salmo
Seconda Lettura
Vangelo
Commenti

Mc 9,30-37

Commento su Marco 9,30-37

Commento su Marco 9,30-37
... "avevano discusso tra loro di chi fosse il più grande" ...

Pregare con i Salmi ...

... un versetto da portare con te oggi

Sapienza d'Oriente: un passo al giorno ...


Antonhy Bloom
IL SILENZIO DI DIO
L'incontro fra Dio e noi nell'orazione continua parte sempre dal silenzio. Dobbiamo imparare a distinguere due generi di silenzio: il silenzio di Dio e il nostro silenzio interiore. Anzitutto il silenzio di Dio, spesso più difficile da sopportare del suo rifiuto, quel silenzio assente di cui già abbiamo detto. In secondo luogo, il silenzio dell'uomo, più fecondo del nostro parlare, in una comunione più stretta con Dio di quella mediata da qualsiasi parola. Il silenzio di Dio di fronte alla nostra preghiera può durare solo per un attimo, o può sembrare che vada avanti all'infinito. Cristo restò in silenzio di fronte alle suppliche della cananea, e questo lo condusse a raccogliere tutta la propria fede, la speranza e l'amore umano per offrirli a Dio, per far sì che egli potesse estendere i confini del suo regno al di là del popolo eletto. Il si1enzio di Cristo suscitò quindi la risposta della donna, la fece crescere di qualità. E Dio può fare lo stesso nei nostri riguardi, con silenzi di maggiore o minore durata, che chiamano a raccolta le nostre forze e la nostra fedeltà e ci conducono a un rapporto più profondo con lui rispetto a quello che si sarebbe potuto realizzare se la via fosse stata facile. Ma a volte il silenzio per noi assume il suono tetro dell' irrevocabile.

(Tratto da "LA PREGHIERA GIORNO DOPO GIORNO" di Anthony Bloom - edizioni QIQAJON Comunità Di Bose)

Oggi si ricorda ...

Cambia Martirologio: CHIESA CATTOLICA - ECUMENICO

san Beda il Venerabile, sacerdote e dottore della Chiesa
san Gregorio VII, papa
santa Maria Maddalena de' Pazzi, vergine carmelitana
san Canione, vescovo e martire
san Dionigi, vescovo
san Zenobio, vescovo
san Leone, abate
sant'Adelmo, abate di Malmesbury e poi vescovo di Sherborne
san Gennadio, abate e poi vescovo di Astorga
beato Gerio
beato Giacomo Filippo Bertoni, sacerdote servita
san Pietro Ðoàn V?n Vân, catechista e martire
santa Maddalena Sofia Barat, vergine, fondatrice della Società del Sacro Cuore di Gesù
san Dionigi Ssebuggwawo, martire ugandese
santi Cristoforo Magallanes e Agostino Caloca, sacerdoti e martiri
beato Nicola Cehelskyj, sacerdote e martire
Commenti

Gv 6,41-51

Commento a Gv 6,41-51

Commento a Gv 6,41-51
«Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire:“Sono disceso dal cielo”?»