Home

Parola del Giorno

2.a Tempo Ordinario - Giovedì
Ecco, Signore, io vengo per fare la tua volontà.
Prima Lettura
Salmo
Seconda Lettura
Vangelo
riflessioni

Lavoro: mezzo di santificazione

Lavoro: mezzo di santificazione

È Dio che svela l’u ...

Commenti

Gv 21,1-19

E' il Signore

E' il Signore
Gesù non solo parlò del Regno, ma si mise subito a costituirne l'inizio e la primizia, che è la sua Chiesa ...

Pregare con i Salmi ...

... un versetto da portare con te oggi

Sapienza d'Oriente: un passo al giorno ...


Antonhy Bloom
CROCE E INCARNAZIONE
Per comprendere il significato della morte redentrice di Cristo, dobbiamo cogliere il senso dell'incarnazione. Ognuno di noi è nato nel tempo, dal non-essere. Entriamo in una vita precaria e fugace, per crescere nella stabilità della vita senza fine. Chiamati dal nulla dalla Parola di Dio entriamo nel tempo, ma nel tempo possiamo trovare l'eternità, perché l'eternità non è un flusso di tempo che, non ha mai fine. L'eternità non è qualcosa. E Qualcuno. L'eternità è Dio stesso, che è possibile incontrare nel fluire effimero del tempo e attraverso quest'incontro, tramite la comunione che Dio ci offre per grazia e amore nella libertà reciproca, possiamo accedere all' eternità e condividere la vita stessa di Dio, diventare, nelle parole audaci di Pietro: "Partecipi della natura divina" (2Pt 1,4). La nascita del Figlio di Dio è diversa dalla nostra. Egli non entra nel tempo dal nulla. La sua nascita non è l'inizio di una vita, di una vita destinata a crescere per sempre; è la limitazione di una pienezza che esisteva prima che il mondo avesse inizio. Colui che possedeva la gloria eterna con il Padre, prima di tutti i secoli, entra nel nostro mondo, nel mondo creato, nel quale l'uomo ha portato il peccato, la sofferenza, la morte. La nascita di Cristo è per lui non l'inizio della vita, bensì l'inizio della morte. Egli accetta tutto ciò che appartiene alla nostra condizione e il primo giorno della sua vita sulla terra è il primo giorno della sua ascesa verso la croce.

(Tratto da "LA PREGHIERA GIORNO DOPO GIORNO" di Anthony Bloom - edizioni QIQAJON Comunità Di Bose)

Oggi si ricorda ...

Cambia Martirologio: CHIESA CATTOLICA - ECUMENICO

santi Severiano e Aquila, martiri
sant'Emerenziana, martire
santi Clemente, vescovo, e Agatangelo, martiri
sant'Amasio, vescovo di Teano
sant'Ildefonso, vescovo di Toledo
san Maimbodo, pellegrino ed eremita
sant'Andrea Chong Hwa-Gyong, catechista e martire di Corea
Commenti

Lc 15,1-3.11-32

Sono andato, mi sono lavato, e ora ci vedo

Sono andato, mi sono lavato, e ora ci vedo
Noi siamo cioè chiamati a testimoniare agli altri questa nuova identità che il battesimo ci assicura, e divenire così, come ci dice Gesù, sale, luce, lievito per tutti i nostri fratelli.

Prayer

Preghiera: il "navigatore" della vita

Preghiera: il

Immersi nei fatti di ogni giorno ...