Agenzia SIR

Subscribe to Agenzia SIR feed
Servizio Informazione Religiosa
Updated: 44 min 12 sec ago

London, the Italian food bank for the poor in the City. An Italian community whose history dates back almost two hundred years.

Thu, 18/01/2018 - 18:48

 

First course, second course, fruit or dessert. At the Italian food bank of Saint Peter’s church in Clerkenwell, in the City of London, the meals for the homeless are warm as in the best Italian tradition. No canned food and cold pasta, as is customary in the rest of the United Kingdom.

A long story. It’s the Italian parish in London, founded on the initiative of Saint Vincent Pallotti in 1845 to care for the souls of approximately two-thousand Italian immigrants who arrived in the Country to work as itinerant musicians, accordion-players and artisans. Although today our fellow nationals live in other areas of the city, having become successful artists, this basilica remains an important point of reference. A port of call for the many homeless and the poor that are welcomed by the parish priest, Father Andrea Fulco, in the belief – following the spirit of Pope Francis’ Pontificate – “that the poor are our evangelizers.”

The volunteer workers. “Our door is always open”, said Fr Fulco. “Although the charter of the ‘Saint Peter project’ charity, conceived for the poor, states that we ought to give priority to Italian-speaking people.”

Indeed, the two volunteer workers, Elena Plenzich, 73, who arrived in London from Benevento in 1972, and her friend Rosa De Sio, one year younger, the cook of the soup-kitchen who has been living in the British capital since 1964, are both Italian.

For years, together with Paola, Lucia, Annamaria and Gabriella, they have been cooking lasagne and cannelloni served twice a week, ensuring a veritable dinner every Thursday evening at 6:00 p.m. Here too there is occasional talk of Brexit and its possible consequences on Italian immigrants, but in the meantime life goes on.

 

 

 

Material help and counselling. Also Sister Giuliana, from the Order of the Marcelline, and Francesco Fiorini, 26, doctor at the “Chelsea and Westminster Hospital”, give a helping hand. The initiative is coordinated by Alessandra Pischi, in her forties, with a long experience as social worker at San Vincenzo de’ Paoli, offering free counsel on State subsidies to indigent people. “More than twenty people arrive every Thursday for a warm meal, but those without a home knock on our doors every week”, said Alessandra. “I indicate them the offices to which they must file their requests. If they are homeless I give them the address of hostels where they can spend the night. We also help pay household bills to those with a home. Sometimes we give the possibility of taking a shower, along with clothing and blankets.”

Prayers, sacraments. “In addition to isolation and loneliness, which affects the poor, there is also a moral, social, spiritual form of poverty”, added the parish priest, don Andrea. “We try to counter this situation by offering prayer meetings and opportunities to draw near the sacraments. For example, the four Eucharistic celebrations held on Sundays are attended by approximately one thousand people.

The youth group meets every fortnight on Wednesday evenings. This theme of this year’s reflections is a phrase from the Creed: “one, holy, Catholic and apostolic Church.”

Some fifteen families meet once a month, on Saturdays, they come in with their children who are entrusted to the care of baby-sitters while they meditate on the document “Amoris laetitia”.

The Brixton district.  The point of reference of Italian youths arriving from London in search of a job are also the Salabrinian fathers, in the difficult district of Brixton. They run a youth hostel, a kindergarten, an old-age home, and an “Italian women’s club.” Today, the parish of the Redeemer, at 20, Brixton road, which, as the Saint Peter’s parish, was established to help Italian immigrants, is rejuvenated by the songs of the Philippine and Portuguese communities who brought here their traditions. Two sprouts that germinated on Italian roots and kept them thriving. In the simple rooms with old, fitted-carpeting and draughts gushing through the cracks in the windows, live Father Francesco Buttazzo, who speaks Italian, Portuguese, English, and French, together with Ronan Ayag from the Philippines, Jean Philippe Alexis from Haiti, and Luc Nguyen from Vietnam.

 

 

 

The  “new Londoners.” “We offer our halls to local Portuguese and Philippine faithful to celebrate their festivities” said Father Francesco Buttazzo. “It’s extremely important in London, where exhausting working hours cause widespread isolation. The church  is filled with hundreds of Portuguese faithful, while there are less Philippines and Italians, for they prefer to leave London as soon as their family living conditions improve.”

“Italian migration has changed”, the priest added.

“Today our fellow-nationals are less patriotic and less inclined to gather together in associations compared to the post-war years. Club of Italian regions, and organizations of Italians abroad are dying out: Italian migrants speak good English and they use social networks to meet. We are seeking new ways to reach out to them, but it’s not easy. This year I started holding catechesis meetings on the ten commandments. I draw them near the Word of God with an existential and psychological approach, making young people understand that it speaks about them.”

 

 

 

Categories: Notizie

Pope Francis in Peru. Mons. Salvador Piñeiro (President bishop’s conference): “He is visiting a divided Country; he will help us face new challenges”

Thu, 18/01/2018 - 18:13

Mons. Salvador José Miguel Piñeiro García-Calderón, Archbishop of Ayacucho, President of the Peruvian Bishops’ Conference, is going through hectic and busy days. The preparations for the Pope’s arrival are coupled by concerns for the earthquake that hit the south of the Country, and – with a relatively lighter impact – also his diocese. “Fortunately the seism in the area of Ayacucho did not cause severe damage”, he said outright. In the interview, Msgr. Piñeiro gave SIR an in-depth overview of the Peruvian people’s expectations and preparations for the meeting with Pope Francis: three-and-a-half days marked by a very busy program, from the afternoon of Thursday, January 18, to Sunday 21st (with visits to the capital city of Lima, to Puerto Maldonado and Trujillo). He equally addressed a set of “controversial” issues linked to the visit – the political situation and corruption, or, in the ecclesial realm, the Vatican’s decision to place the society of Apostolic Life “Solidalitium of Christian Life” under Compulsory Administration.  A decision described as “opportune” by the CEP President.

“Unidos por la esperanza” is the slogan of the papal visit. Why does Peru need to combine union and hope? Peru is a divided Country today, and for various reasons that include the characteristics of its geography, economic inequalities, political ideologies. However, the Country is kept together by Jesus, along with deep-rooted spirituality, Marian devotion, the people’s deep affection for the Pope. Hope is the virtue that makes us live out the Gospel every day, it’s an operative virtue. In fact, in our meeting with the bishops, those were the terms that recurred more frequently. Moreover, we were inspired by the Pope, by his words, by his magisterium, by his reference to the great Saints of Peru when he announced the visit.

Could you briefly explain the significance of this visit to three very different and distant cities? How can this itinerary be best described?

For sure the Pope is not coming as a tourist! He will be visiting those places that most need his magisterium, especially where there is suffering.

On Friday the Pope will be in Puerto Maldonado. In the Amazon region there are many situations of suffering, such as the trafficking of human beings, deforestation, the ongoing environmental devastations, illegal mining activity … We addressed these themes with the Pope during the Ad Limina visit past May, and we shared the idea of a Synod for the Pan-Amazon region, which was later officially announced. On Saturday the Pope will be in the north of the Country, in Trujillo, that still bears the scars of  last year’s floods. The Pope will bring his comfort also to the peoples living in these areas. He will then proceed to Lima, the capital city, where Sunday’s closing Mass will be celebrated. The urban area numbers 11 million inhabitants, with all the problems that ensue: peripheries, traffic, pollution …

How did you prepare for the visit?
To my knowledge the communities have put great effort in the preparations, with catechesis and prayer. Great hopes are placed in the aftermath of the visit,

that it may provide pastoral momentum and help us address new challenges.

 

As relates to the organization, everything is ready. The Government’s cooperation was conspicuous.

Are pilgrims expected in high numbers?
It is expected that more than a million people will crowd the streets for the Pope’s arrival. The Holy Father will pass by the Avenida de Brasil, a very large street, that can contain a large number of people. Over a million faithful are expected to attend Sunday Mass in the “Las Palmas” air base.

A few days ago the Vatican decided to place the society of Apostolic Life “Solidalitium of Christian Life”, founded in Peru, under compulsory administration. What is the opinion of the Peruvian Church?

It is an opportune decision, which I mentioned past May on the occasion of the ad Limina visit. Already then there arose grounded reasons, although the Vatican justly decided to follow the necessary procedures. On our part we are serene, and in fact we are reassured by the fact that the Pope addresses the problems.

Although to a minor agree compared to Chile, also in Peru there have been protests and some small attacks.
The most severe one was the attack on the statue of Christ that overlooks Lima, however, in the most part these attacks are committed by small groups, and such deeds have had little visibility. The majority of the population is happy and is cooperating for the positive outcome of the visit.

Corruption is another major issue…
Indeed, it is a major problem experienced across Latin America. The Pope’s words help us and strengthen us in the fight against this scourge. As regards the political situation in the Country, the President  created a new Government and appealed to dialogue and reconciliation. It’s important

for discord to be vanquished.

Of course, there can be disagreements, or different viewpoints, it’s part and parcel of democracy. But we must remain united. Could I add one last thought?

Please do.
In Peru six bishops are Italian, there are many missionaries, we also share a martyr, Blessed Alessandro Dordi. I wish to avail myself of this interview to highlight the deep bond with the Italian Church as well as our gratitude.

 

 

 

 

Categories: Notizie

Papa Francesco in Cile: abbraccia i mapuche e piange con le vittime degli abusi e della dittatura

Thu, 18/01/2018 - 18:12

Ascolto. È la parola chiave del viaggio del Papa in Cile, prima tappa del suo 22° viaggio apostolico internazionale, che lo ha visto tornare per la sesta volta, dall’inizio del pontificato, in America Latina. Ascolto, innanzitutto, del dolore delle vittime degli abusi, nominate già nel suo primo discorso alla Moneda e poi incontrate personalmente in privato per piangere con loro. Ascolto delle donne, quelle del carcere femminile di Santiago, fazzoletti bianchi e tanta commozione per salutare un Papa che entra per la prima volta in un penitenziario di sole donne e parla loro di riscatto. Ascolto dei popoli autoctoni, anch’essi menzionati già nella parte politica del discorso alle autorità e poi abbracciati nella messa all’aerodromo di Maquehue e durate il pranzo a Temuco con i mapuche. Ascolto dei giovani, ai quali nel Santuario di Maipù ha consegnato la “password” di Alberto Hurtado, il santo gesuita che con la sua “camioneta” verde girava per raccogliere gli emarginati da ospitare nel suo Hogar de Christo. La prima giornata cilena è finita per il Papa nel suo santuario, a pregare nella sua tomba, così come era cominciata con il “fuori programma” della sosta presso un’altra tomba: quella del “vescovo dei poveri”, mons. Enrique Alvear Urrutia. Ascolto, infine, di due vittime della dittatura di Pinochet durante la repressione degli anni Settanta, che hanno consegnato una lettera al Papa prima del congedo dal Cile.

Dolore e vergogna.

“Non posso fare a meno di esprimere il dolore e la vergogna che sento davanti al danno irreparabile causato a bambini da parte di ministri della Chiesa”.

Il Papa entra, il 16 gennaio, nel palazzo presidenziale de La Moneda, per l’incontro con le autorità, e fa subito riferimento al tema degli abusi, su cui torna anche nel discorso al clero dalla cattedrale di Santiago:

“Conosco bene il dolore che hanno significato i casi di abusi contro i minori”, dice Francesco. “So – aggiunge – che a volte avete subito insulti sulla metropolitana o camminando per la strada; che andare ‘vestiti da prete’ in molte zone si sta ‘pagando caro”.

Non ha dubbi, il Papa, la soluzione è una sola: “Chiedere a Dio che ci dia la lucidità di chiamare la realtà col suo nome, il coraggio di chiedere perdono”. Poche ore prima, l’incontro strettamente privato, subito dopo il pranzo in nunziatura, con alcune vittime delle violenze.

Prossimità. L’invito nella Messa, nel Parque O’Higgins di Santiago davanti a 400mila persone, è a “seminare la pace a forza di prossimità, a forza di vicinanza”, quello ai vescovi è ad evitare il clericalismo. Intensa e commovente la visita al carcere femminile di Santiago, in cui il Papa esorta la società cilena a garantire il reinserimento e le detenute a pretenderlo. Nel discorso al clero – come in tutta la trasferta, in cui Francesco cita anche il poeta cileno Pablo Neruda – ritorna il riferimento a Hurtado. Per lui, come per il santo gesuita, il problema non sta nel dar da mangiare al povero, vestire il denudato, assistere l’infermo, ma

“nel considerare che il povero, il denudato, il malato, il carcerato, i senzatetto hanno la dignità di sedersi alle nostre tavole di sentirsi a casa tra noi, di sentirsi in famiglia”.

Unità.

“Abbiamo bisogno gli uni degli altri nelle nostre differenze affinché questa terra possa essere bella”.

La Messa nell’aerodromo di Maquehue, che ha inaugurato la seconda giornata del Papa in Cile, comincia con il saluto ai Mapuche nella loro lingua e culmina nell’invito – pronunciato il 17 gennaio di fronte a 150mila persone – ad essere “artigiani di unità”. Nella Casa Madre de la Santa Cruz di Temuco, Francesco pranza con 11 abitanti dell’Araucanìa, di cui 8 mapuche. Ai giovani, incontrati nel pomeriggio nel Santuario di Maipù a Santiago, il Papa affidato la “password” di Hurtado, da memorizzare sul telefonino per non perdere mai la “connessione” nella vita, e chiede di far sentire la propria voce al Sinodo. Tra le molte aggiunte a braccio con cui infarcisce il suo discorso, l’invito ad essere “patrioti, non patriottici”. Infine la visita all’Università Cattolica, durante la quale Francesco chiede ancora una volta di prestare particolare attenzione alle comunità aborigene, cercando spazi sempre nuovi di dialogo più che di scontro.

“Questa terra è terra di sogni, ma facciamo in modo che continui a essere anche terra di ospitalità”.

È il sogno del Papa, affidato ai cileni del Nord nell’ultima tappa del suo viaggio: la Messa al Campus Lobito, una festa di danze, luci e colori sulla spiaggia con le Ande come sfondo.

“Non c’è gioia cristiana quando si fa sentire agli altri che sono di troppo o che tra di noi non c’è posto per loro”,

ammonisce Francesco esortando ad essere attenti, nelle nostre piazze e nei nostri villaggi – come ha fatto Maria a Cana – a coloro che hanno una vita “annacquata”:  a tutte le situazioni di ingiustizia e di sfruttamento vecchie e nuove, alla precarizzazione del lavoro “che distrugge vite e famiglie”,

a quelli “che approfittano dell’irregolarità di molti migranti, perché non conoscono la lingua o non hanno i documenti in regola”,

alla mancanza di casa, terra e lavoro di tante famiglie. Gesù i miracoli li fa con noi, con quel poco che abbiamo. Impariamo dai migranti, dalle “anfore” piene di sapienza e di storia che portano. E autore non di un miracolo, ma certo di un fuori programma a ben 36mila piedi di altitudine, è stato proprio Francesco, che sul volo da Santiago a Itique ha unito in matrimonio due assistenti di volo, Paula Podestà Ruiz, 39 anni, e Carlos Cuffando Elorriaga, 41. I due, già uniti civilmente, avevano in programma di sposarsi in Chiesa, ma prima a causa del terremoto del 2010, poi per altri impedimenti, erano  stati costretti a rimandare le nozze. Di certo non avrebbero mai immaginato un celebrante così d’eccezione.

 

 

 

Categories: Notizie

Famiglia. Il Forum lancia il #pattoXnatalità. De Palo: “Politica non perda più tempo. E’ in gioco il destino del Paese”

Thu, 18/01/2018 - 16:38

Un patto per la natalità (#pattoXnatalità) per chiedere alla politica di accantonare “tutte le controversie ideologiche” e di fare fronte comune “affinché fare un figlio non sia più per gli italiani una delle prime cause di povertà”. Gianluigi De Palo, presidente del Forum delle associazioni familiari, presenta oggi 18 gennaio a Roma, presso la sala Nassirya del Senato, un “patto” che sottolinea l’urgenza di interventi decisi per invertire il calo demografico che sta portando l’Italia “verso un domani senza prospettive”. “Basta perdere tempo – avverte -: è in gioco il destino del Paese”, ma questi interventi “devono essere universali, coerenti e garantiti nella loro esistenza e durata, e non semplici aiuti occasionali”.

Sette i punti del documento che prende il via dall’allarme culle vuote lanciato dall’Istat: nel 2016 sono stati iscritti all’anagrafe 473.438 nuovi nati, oltre 12mila bambini in meno rispetto al 2015, e il saldo naturale (cioè la differenza tra nati e morti) segna nel 2016 il secondo maggior calo di sempre (-134 mila), è destinato verosimilmente a salire nel 2017 a meno 202 mila unità. Ma Giancarlo Blangiardo, docente di demografia all’università di Milano Bicocca, rincara la dose: “Se continueremo così tra meno di 30 anni saremo a meno 400 mila e nel 2060 avremo due milioni e mezzo di persone con più di 90 anni, in un Paese di 60 milioni di abitanti”. Per il demografo

è urgente intervenire passando dalla logica delle misure di contrasto alla povertà (aiuti solo ai nuclei indigenti) alla logica di una seria politica demografica e familiare a carattere universale.

Solo così si può invertire il trend. La fecondità italiana – spiega Alessandro Rosina, docente di demografia all’Università Cattolica di Milano – alla fine degli anni Settanta del secolo scorso è scesa sotto i 2 figli per donna (livello di equilibrio generazionale). Ora “è pari a 1,34” ma “il numero medio di figli desiderato non è invece mai sceso sotto i 2”. Il demografo, che è anche coordinatore scientifico del Rapporto Giovani promosso dall’Istituto Toniolo, spiega che “l’Italia, rispetto al resto d’Europa, si caratterizza per la peggiore combinazione tra bassa fecondità, bassa occupazione femminile e alto rischio di povertà infantile. L’evidenza empirica dimostra che avere una fecondità vicina ai 2 figli per donna e una occupazione femminile oltre il 60% sono obiettivi compatibili, a patto di investire adeguatamente in servizi di conciliazione”.

Per De Palo basta avere un figlio per rischiare di cadere in povertà. Conferma Rosina:

“L’incidenza della povertà assoluta dei nuclei con capofamiglia under 35 è pari a 10,4% contro il 3,9% dei nuclei con capofamiglia di età 65 e più. Per una coppia con 3 o più figli l’incidenza è 14,7%”.

E a parlare sono i dati di uno studio di Federconsumatori sul costo del mantenimento di un figlio fino alla maggiore età: “Ad una famiglia con reddito medio di 34 mila euro netti l’anno portare un figlio da 0 a 18 anni costa quasi 170 mila euro”.

Secondo il demografo è urgente “mettere in atto politiche efficaci di sostegno alle scelte di formazione delle famiglie” anche perché “la denatalità passata sta erodendo le potenziali madri di oggi (e del futuro): le donne arrivate alla fine della loro vita riproduttiva, ovvero attorno ai 50 anni, sono oltre mezzo milione, mentre le donne che stanno entrando nella fase di formazione della famiglia, ovvero attorno ai 25 anni, sono poco più di 300 mila (il 40% in meno)”.

“Il tema natalità deve diventare una priorità trasversale per tutti i partiti”,

insiste il presidente del Forum.

Serie e strutturali politiche economiche e fiscali a favore delle famiglie, sostegni concreti alla natalità, promozione di una cultura dell’accoglienza dei bambini, consolidamento del lavoro femminile con soluzioni di conciliazione lavoro – famiglia, servizi adeguati e a basso costo” le richieste del patto.

Di qui la sollecitazione a tutti i segretari, presidenti e portavoce dei partiti e delle liste in corsa per la prossima tornata elettorale, a

“considerare il tema della natalità e delle politiche familiari priorità assoluta all’interno dei vari programmi”.

La Conferenza sulla famiglia (28-29 settembre 2017) “è stato il primo passo di questo percorso. Non si può più perdere tempo, dobbiamo spingere sull’acceleratore”, conclude De Palo sottolineando che oggi ha preso il via “un’azione di stimolo alle istituzioni e alla società civile che durerà cinque anni”. Prossima tappa, annuncia, una seconda presentazione del patto, il 26 gennaio a Santa Maria in Aquiro, “con le donne dell’associazionismo, dei sindacati e del terzo settore”, mentre è in via di organizzazione un incontro con i direttori delle maggiori testate giornalistiche.

Categories: Notizie

Architettura sacra contemporanea. Longhi: “progetti inclusivi sono frutto del dialogo con le comunità”

Thu, 18/01/2018 - 09:10

“Un edificio di culto, griffato o anonimo che sia, è affidato ad una comunità. E la qualità di un progetto non sta solo nella capacità di prevedere tutti i problemi. Progetti che potremmo definire inclusivi, progetti che sanno assorbire delle cose che non erano state previste, solitamente sono frutto comunque di un dialogo approfondito con le comunità”. Ne è convinto Andrea Longhi, storico dell’architettura e docente al Politecnico di Torino, autore del libro “Storie di chiese, storie di comunità. Progetti, cantieri, architetture” (Gangemi Editore) che viene presentato oggi, giovedì 18 gennaio, a Roma. Nel volume sono raccolte 30 storie relative ad edifici di culto costruiti in Italia appena prima o nei 50 anni successivi al Concilio Vaticano II.

Professore, com’è nato questo libro?
Da un progetto dell’allora Servizio per l’edilizia di culto della Cei, guidato all’epoca da mons. Giuseppe Russo, che ha portato alla realizzazione della rubrica “Una Chiesa al mese”. C’era l’esigenza di mettere a punto criteri di valutazione e interpretazione delle chiese contemporanee che non facessero unicamente riferimento a questioni di gusto personale e neanche a categorie di tipo formale, storico-architettonico. L’idea era quella di far incontrare un’analisi di tipo storico-architettonico con una dimensione più sociale dell’architettura. Si voleva cercare di introdurre una lettura di tipo pastorale, sociale e istituzionale dell’architettura delle chiese. E l’unico modo per riuscire a fare questo percorso era quello di raccontare storie vere, reali andando sui posti.

In che modo lo avete fatto?
Partendo da una rete di contatti con studiosi, con responsabili regionali si è cercato di individuare 30 storie diverse: si va dalla chiesa della località di villeggiatura turistica alpina a quelle nelle periferie metropolitane. Questo viaggio attraverso l’Italia, in 30 piccole sequenze, restituisce una complessità: sono coinvolte tutte le regioni italiane e tutte le fasi storiche, da subito prima del Concilio Vaticano II fino al 2010. Abbiamo voluto parlare con i parroci, perché potessero esporre le cose convincenti ma anche quali erano stati i problemi e le difficoltà. E il libro non nasconde i fallimenti, le difficoltà, gli insuccessi.

Cosa caratterizza le storie che avete raccontato?
Le 30 storie sono state scelte non solo sulla base della qualità architettonica degli edifici ma per la pluralità dei percorsi fatti: ci sono stati importanti concorsi, incarichi diretti; sono stati coinvolti professionisti che hanno progettato molte chiese nella loro vita, altri attivamente impegnati nella vita ecclesiale, altri ancora che hanno progettato una sola chiesa per caso. Qualche progettista ha sviluppato un rapporto bellissimo con il parroco che si è protratto per decenni, altri hanno avuto un rapporto conflittuale e sono stati allontanati e sostituiti. Oltre a questo abbiamo riscontrato percorsi di pratiche o di finanziamenti tortuosi ma anche un grande coinvolgimento della popolazione. Storie diverse a cui nel libro è affiancata una riflessione: un percorso dal basso verso l’alto.

Quale?
Sono emersi alcuni temi che abbiamo raccolto in capitoli nei quali si ragiona sulle figure istituzionali, sul rapporto con la liturgia, con gli artisti, con l’urbanistica, con il paesaggio. Il libro è una sorta di vademecum, un grande promemoria per chi si trova coinvolto nella costruzione, nella trasformazione o nell’adeguamento di un complesso parrocchiale. Perché l’agire architettonico della Chiesa si traduce in mille attività edilizie nelle 26mila parrocchie italiane. Nel libro sono presentati percorsi, problemi, tematiche per sottolineare che l’elenco delle cose da affrontare è lungo, ma è affrontabile.

L’importante è non dare carta bianca all’architetto né al parroco, ma creare un percorso, capire che la chiesa diventa un luogo di coralità, di competenze, di discussione.

Anche perché l’architettura non è un manufatto ma un processo, che non finisce mai.

In che senso?
Uno degli aspetti più belli, dal mio punto di vista, è stato indagare ciò che succede dopo che l’architetto va via e, in alcuni casi, anche il primo parroco va via. Una metafora, che ha anche ispirato il libro, è quella del noto architetto Rafael Moneo che ha scritto “La solitudine degli edifici”: un architetto e il committente, che sono il padre e la madre, sviluppano un rapporto empatico con il proprio edificio quando lo progettano, lo disegnano, lo costruiscono. Poi, finito l’edificio, l’architetto va a progettare un’altra cosa, e spesso il committente, nel caso dei parroci, cambia parrocchia. Così l’edificio resta solo. È affidato alla comunità, viene consegnato alle cure della comunità. In quel momento si capisce se il progettista ha progettato per sé o pensando per qualcuno che userà quell’edificio per anni.

Cosa deve avere un progetto “vincente”?
Un bel progetto sa prevedere che, se una chiesa mira a diventare punto di riferimento per una città, nasceranno tutta una serie di istanze non prevedibili razionalmente.

Un bel progetto è quello che saprà assorbire nuove esigenze, nuove trasformazioni.

Non con quella tecnica un po’ anni Settanta di fare uno spazio multifunzionale che vada bene per qualsiasi cosa ma che sappia produrre un’esperienza spaziale che col cambiare delle persone e della comunità dia il modo ad ognuno di portare un contributo nuovo a quella architettura.

È stato così per le 30 chiese che avete raccontato?
Alcuni edifici presentati nel libro sono invecchiati meglio, perché hanno saputo assorbire in maniera ricca provocazioni nuove. Altri sono invecchiati in maniera un po’ più traumatica, in alcuni casi con trasformazioni o interventi maldestri che li hanno stravolti. Il tema affrontato nel libro è quello della progettualità ospitale, disponibile all’imprevisto.

Che le chiese siano spazio di attesa non è solo un modo di dire filosofeggiante; sono spazi d’attesa perché non si sa come si celebrerà fra 30 anni o come saranno le nostre comunità fra 40 anni.

Architettura e comunità, un binomio interessante…
Il tema della comunità non è affrontato nel libro. Ma si tratta di capire, quando noi parliamo di comunità, a cosa facciamo riferimento: ai praticanti domenicali? Agli abitanti del quartiere? A chi, in qualche modo, si riconosce in un’esperienza di spiritualità? In città, ma anche in campagna, gli interlocutori sono tanti, perché la chiesa è un luogo di passaggio, un luogo di sacramenti anche per chi non ha una frequentazione assidua. E poi la chiesa è un pezzo di paesaggio, un luogo identitario. E le scelte in funzione di quale comunità sono fatte? Inoltre il tema della mobilità fa superare il fatto che uno frequenti una parrocchia per comodità territoriale. E presto influirà anche il mondo della spiritualità digitale. Sono frontiere in cui l’architettura ha bisogno di essere alimentata da riflessioni. In una società in cui uno si muove, cerca esperienze, si va a scegliere non solo il parroco che fa l’omelia che gli piace di più ma anche il luogo dove si sente più accolto. E in questo senso la pluralità è certamente una ricchezza.

Categories: Notizie

Papa Francesco in Perù. Mons. Salvador Piñeiro (presidente vescovi): “Trova un Paese diviso, ci aiuterà ad affrontare nuove sfide”

Thu, 18/01/2018 - 09:00

Sono giorni di grande frenesia e attività, quelli che sta vivendo mons. Salvador José Miguel Piñeiro García-Calderón, arcivescovo di Ayacucho e presidente della Conferenza episcopale peruviana. Ai preparativi per l’arrivo di papa Francesco si sono aggiunte le preoccupazioni per il terremoto che ha colpito il sud del Paese e, anche se in modo non molto intenso, anche la sua diocesi. “Nella zona di Ayacucho il sisma non ha provocato per fortuna grandissimi danni”, ci dice subito. In questa intervista rilasciata al Sir mons. Piñeiro accetta di buon grado di spiegare come i peruviani si sono preparati e vivranno l’incontro con papa Francesco: tre giorni e mezzo molto intensi, dal pomeriggio di giovedì 18 gennaio a domenica 21 (le città toccate saranno la capitale Lima, Puerto Maldonado e Trujillo). E non rinuncia a toccare alcuni temi “caldi” legati alla visita, come la situazione politica e la corruzione, o, sul versante ecclesiale, il Commissariamento da parte del Vaticano, deciso la scorsa settimana, della società di vita apostolica “Sodalizio di vita cristiana”. Una scelta che il presidente della Cep giudica “molto opportuna”.

“Unidos por la esperanza” è lo slogan della visita papale. Perché il Perù ha bisogno di unione e speranza?
Sì, il Perù è un Paese oggi diviso, per molte cause: la sua stessa conformazione geografica, le disparità economiche, le ideologie politiche. Però, a tenere unito il Paese è Gesù, e così pure la grande devozione popolare, il culto mariano, il grande affetto per il Papa. La speranza, poi, è la virtù che ci fa vivere il Vangelo ogni giorno, è una virtù operosa. Devo dire che, quando ci siamo trovati tra vescovi, questi erano i due termini che ricorrevano di più. E poi ci ha ispirato il Papa, con le sue parole, il suo magistero, il suo riferimento, quando ha annunciato il viaggio, ai grandi santi peruviani.

Ci può illustrare brevemente il senso della visita a tre città così lontane e diverse. Che tipo di itinerario sarà?

Di sicuro il Papa non viene da turista! Va dove c’è necessità di portare il suo magistero, soprattutto dove si vive la sofferenza.

Comincerei da Puerto Maldonado, dove il Papa si recherà venerdì. In Amazzonia ci sono tante situazioni di sofferenza, come la tratta delle persone, la deforestazione, i continui attentati all’ambiente, l’attività mineraria illegale… Già ne parlammo con il Papa durante la visita ad limina, in maggio, e condividemmo l’idea di un Sinodo Pan amazzonico, che è stato poi annunciato. Sabato il Papa sarà nel nord, a Trujillo, che mostra ancora le ferite delle inondazioni dello scorso anno. Anche a queste persone il Papa porterà il suo conforto. E poi Lima, la capitale, dove domenica si terrà la messa conclusiva. L’area metropolitana conta ormai 11 milioni di abitanti, con tutti i problemi che questo comporta: periferie, traffico, inquinamento…

Come avete preparato questa visita?
Mi pare che nelle comunità sia stata preparata bene, con momenti di catechesi e preghiera. La speranza è soprattutto per il dopo, che

la visita ci dia un rinnovato slancio pastorale e ci faccia affrontare nuove sfide.

Dal punto di vista tecnico, tutto è pronto. Abbiamo avuto una grossa collaborazione da parte del Governo.

Sono attesi grandi numeri?
Sì, ad esempio per l’arrivo del Papa è previsto che un milione di persone si riversi nelle strade. Il Santo Padre passerà per la Avenida de Brasil, una strada molto larga, che potrà contenere un gran numero di persone. Alla messa di domenica, nella base di Las Palmas, è prevista la presenza di oltre un milione di fedeli.

È di qualche giorno fa la decisione del Vaticano di commissariare il Sodalizio di vita cristiana, società di vita apostolica fondata in Perù. Qual è l’opinione della Chiesa peruviana?
Si tratta di una decisione molto opportuna, della quale avevo parlato già in maggio in occasione della visita ad limina. Già all’epoca i motivi apparivano fondati, anche se giustamente in Vaticano è stato seguito l’iter necessario. Da parte nostra c’è tranquillità, e ci tranquillizza appunto il fatto che il Papa affronta i problemi.

Sebbene in misura minore rispetto al Cile, anche in Perù, ci sono state delle proteste e qualche piccolo attentato.
Il più importante è stato quello alla statua di Cristo che sovrasta Lima, ma si tratta di piccoli gruppi e di gesti che hanno avuto una scarsa eco. La grandissima parte della gente è contenta e sta collaborando alla buona riuscita di queste giornate.

Un altro tema che è molto sentito nell’attuale dibattito è quello della corruzione
Sì, questo è un grossissimo problema di tutta l’America Latina. La parola del Papa ci aiuta e ci rafforza nella lotta contro questa piaga. Quanto alla situazione politica del nostro Paese, ora il Presidente ha varato un nuovo Governo ed ha invitato al dialogo e alla riconciliazione. E’ importante che

non vinca la discordia.

Certo, possiamo discutere ed avere idee diverse, questa è la democrazia, ma l’importante è non essere disuniti. Mi fa aggiungere ancora una cosa?

Dica.
In Perù sei vescovi sono italiani, ci sono tantissimi missionari, condividiamo anche un martire, il beato Alessandro Dordi. Voglio approfittare di questa intervista per sottolineare il grande legame con la Chiesa italiana e la nostra gratitudine.

Categories: Notizie

Baby gang: don Incoronato (diocesi Napoli), “servono adulti credibili, ascolto, cura e attenzione”

Thu, 18/01/2018 - 08:59

Hanno sfilato, in migliaia, mercoledì 17 gennaio nella periferia di Napoli per dire no alle violenze delle baby gang. Il corteo è giunto fino alla stazione della metropolitana Chiaiano, dove la settimana scorsa un ragazzo di quindici anni, Gaetano, è stato pestato da una baby gang. Gli episodi di violenza urbana che vede per protagonisti giovanissimi sono all’ordine del giorno tanto che il ministro dell’Interno, Marco Minniti, ha annunciato l’invio a Napoli di 100 unità destinate al controllo delle zone della movida. A don Pasquale Incoronato, responsabile del Servizio di pastorale giovanile della diocesi di Napoli, parroco della chiesa di Santa Maria del Pilar a Ercolano e impegnato, da vent’anni, con i minori a rischio con la Locanda di Emmaus, chiediamo un parere sulle baby gang.

Don Pasquale, come giudica il fenomeno?

Lo stare insieme rende forti questi ragazzi che esprimono attraverso la rabbia e soprattutto la violenza il loro disagio. Sembrano dire “io ci sono”, ma in una modalità che fa solo del male. Questo purtroppo perché i nostri ragazzi sono abituati a comunicare e farsi sentire solo in questa maniera sbagliata, che va corretta, ma che, a mio avviso, rileva una mancanza di affetto, di attenzione. Al Sud e in Italia, in generale, c’è una “parolaccia”, quasi una “bestemmia”: emergenza. C’è l’emergenza rifiuti, l’emergenza lavoro, l’emergenza criminalità, ora l’emergenza baby gang. Su questa parola si creano situazioni transitorie, ma non si pensa a una progettualità. La progettualità, invece, ha bisogno di persone appassionate, che ci credono e vogliono mettersi insieme per il bene di questi giovani. Troppa fretta, troppo nervosismo, una vita che scorre tra un impegno e l’altro ci fa dimenticare di curare i nostri ragazzi, che non sono il nostro futuro, ma il nostro oggi.

Il problema, allora, è nella mancanza di figure di riferimento?

Come diceva il teologo Bonhoeffer, bisogna essere nelle situazioni, resistere. Papa Francesco utilizza termini come abitare, accompagnare, ma questo porta fatica nella relazione, mentre l’adulto non c’è più, abita altri luoghi, dimensioni. Purtroppo, preferiamo le masse. Mancando il rapporto “a tu per tu” viene meno la capacità di stare dentro le relazioni. È un fatto culturale. Avviene anche nella politica: si parla del sesso degli angeli, non di quello che è la vita concreta con i suoi problemi. Dobbiamo trovare il coraggio di esserci anche quando non abbiamo subito frutti. Noi vorremmo tutto e subito anche nelle relazioni, ma non deve essere così.

Mancano, dunque, figure di adulti credibili.

Figure appassionate e gioiose. Oggi le persone sono annoiate, non sono più interessate a spendersi.

È cronaca di quasi tutti i giorni qualche episodio di violenza messo in atto da ragazzini. Ci sono realtà maggiormente a rischio?

La baby gang sono la punta dell’iceberg di un malessere generale giovanile. È un fenomeno che non nasce adesso, ma che peggiora sempre più. Il disagio non riguarda solo la nostra realtà, ma tutte le metropoli. Gli adulti trasferiscono già ai bambini le proprie frustrazioni e questo genera violenza in tutti gli ambienti sociali. L’assenza della figura dell’adulto è trasversale. La fragilità della cura e la mancanza del rapporto “a tu per tu” riguardano tutti. Nel mio oratorio, nella messa alla prova, ho avuto più figli di professionisti che di delinquenti.

Oltre a relazioni autentiche, è importante fare rete tra le diverse agenzie educative?

Come agenzie educative o ci rimettiamo seriamente tutti insieme o rischiamo di consegnare i ragazzi solo alla violenza, al fatto che il più forte è quello che vale veramente. Perciò, servono relazioni, ma anche sinergie, che possono essere efficaci solo se mettiamo al centro i giovani.

Dobbiamo ascoltare i giovani.

Se non si passa a un ascolto reale e concreto, facciamo solo chiacchiere. Ma i giovani così non ci ascoltano più, non sono interessati. Dunque, istituzioni, comune, scuola, parrocchie e associazioni insieme per creare tavoli di coordinamento permanenti non per parlare dei giovani, ma per dare parola ai giovani su quello che loro vogliono dire a noi adulti. Bisogna ripartire insieme con i giovani.

E nella Chiesa qual è il rapporto con i giovani?

La Chiesa e i valori di vita che la Chiesa propone, un tempo, erano in qualche modo degli ammortizzatori sociali, soprattutto al Sud. Il mio vecchio parroco diceva: “Se un ragazzo passa nelle nostre realtà e ascolta: ‘Non uccidere, non molestare, non bestemmiare’ e gli diamo questo come un valore, potrà anche non venire a messa tutte le domeniche, ma almeno si sarà confrontato con una dimensione antropologica con dei valori positivi”. Oggi facciamo fatica a intercettare giovani e adulti. Come dice Papa Francesco, non è un’epoca di cambiamenti, ma un cambiamento d’epoca. Quindi,

deve cambiare anche il nostro portare Cristo agli altri,

trovando metodi e una comunicazione diversa, basata sull’affetto, sullo stupore, sugli stili di vita, sulla testimonianza, sull’esserci. Se certe modalità educative sono ormai sorpassate, bisogna trovare nuovi modi per affascinare i ragazzi dentro questa proposta, semplicemente antropologica all’inizio. Gesù ha una proposta su come vivere l’unica vita che si ha. I giovani sono molto sensibili verso i temi dell’attenzione all’altro, del perdono, dell’accettazione del diverso, ma se noi proponiamo solo regole e norme, un linguaggio lontano da quello giovanile, li perdiamo. E sono necessarie persone che veramente credono in questa missione.

A ottobre ci sarà il Sinodo sui giovani. Ci sono iniziative in campo a Napoli?

La pastorale giovanile di Napoli sta andando nei territori per ascoltare i ragazzi. Anche il card. Crescenzio Sepe avrà degli incontri dopo che parroci e decani avranno ascoltato i giovani su quattro nuclei tematici: il rapporto con la religione; cosa significa la vocazione; esperienze personali positive o negative; il web. Abbiamo creato una commissione che tiene insieme tutte le realtà che si occupano di pastorale giovanile in diocesi per ascoltare davvero la voce dei giovani. Si è avviata una sinergia tra gli uffici di curia per avvicinare la realtà complessa napoletana, che va da Villaricca fino a Torre Annunziata, passando per i Quartieri Spagnoli e Scampia. Il primo incontro con il cardinale sarà il 19 gennaio. Durante questi appuntamenti in alcune zone, come a Scampia, partiremo proprio dai problemi del disagio giovanile, della cura educativa, della marginalità.

Categories: Notizie

Londra, nella City la food bank italiana per i poveri. Una comunità tricolore con quasi due secoli di storia

Thu, 18/01/2018 - 08:58

Primo, secondo e frutta o dolce. Alla food bank italiana della chiesa di Saint Peter, a Clerkenwell, nella City londinese, i pasti per chi è senza tetto sono caldi come nella migliore tradizione italiana. Niente scatolette e pacchi di pasta fredda, come si usa nel resto del Regno Unito.

Una lunga storia. Questa è la parrocchia italiana di Londra, voluta, nel lontano 1845, da san Vincenzo Pallotti, per la cura delle anime dei circa duemila immigrati, arrivati qui per lavorare come ambulanti-musicisti, suonatori di organetto e artigiani-figurinai. Benché oggi i nostri connazionali si siano trasferiti in altri quartieri della capitale e siano diventati professionisti di successo, questa basilica rimane un punto di riferimento importante. Un porto di approdo per tanti senzatetto e indigenti che il parroco, don Andrea Fulco, accoglie, ricordando, nello spirito del pontificato di Papa Francesco, “che i poveri sono i nostri evangelizzatori”.

Le volontarie. “La nostra porta è sempre aperta”, spiega don Fulco. “Anche se lo statuto della charity ‘Saint Peter project’, pensata proprio per i poveri, dice che dobbiamo dare la precedenza a chi parla italiano”.

Italianissime sono le volontarie Elena Plenzich, 73 anni, arrivata a Londra da Benevento nel 1972, e la sua amica Rosa De Sio, la cuoca, di un anno più giovane, sbarcata nella capitale britannica nel 1964.

Insieme a Paola, Lucia, Annamaria e Gabriella, cucinano da anni lasagne e cannelloni che vengono distribuiti due volte la settimana, oltre a garantire una vera cena ogni giovedì sera alle 18. Anche qui ogni tanto si parla di Brexit e si discute delle possibili ricadute sugli immigrati italiani, ma nel frattempo la vita va avanti.

Aiuti materiali e consulenze. Ad aiutare ci sono anche suor Giuliana, dell’ordine delle Marcelline, e Francesco Fiorini, 26 anni, medico al “Chelsea and Westminster Hospital”. Coordina l’iniziativa Alessandra Pischi, sulla quarantina, una lunga esperienza come assistente sociale alla san Vincenzo de’ Paoli, che fa consulenza alle persone indigenti in materia di sussidi del welfare state. “Al giovedì arrivano una ventina di persone per un pasto caldo ma chi non ha un tetto sulla testa bussa alla nostra porta tutte le settimane”, racconta Alessandra. “Spiego loro a quali uffici devono rivolgersi. Se non hanno una casa do l’indirizzo degli ostelli dove possono trascorrere la notte. Oppure li aiutiamo con il pagamento delle bollette se hanno un appartamento. A volte consentiamo loro di fare una doccia o offriamo vestiti e coperte”.

Preghiere, sacramenti. “Oltre all’isolamento, del quale i poveri soffrono, c’è anche una povertà morale, sociale, spirituale”, spiega ancora il parroco don Andrea. “La combattiamo offrendo incontri di preghiera e possibilità di accostarsi ai sacramenti. Come alla domenica quando, alle quattro messe, partecipano circa mille persone.

Mentre al mercoledì sera, ogni quindici giorni, si ritrova il gruppo giovani, che quest’anno sta meditando sulla frase del Credo: “Una chiesa santa, cattolica e apostolica”.

Una volta al mese, al sabato, si ritrovano anche una quindicina di famiglie, con bambini, che vengono affidati a babysitter mentre i genitori meditano sulla “Amoris laetitia”.

Nel quartiere di Brixton. A fare da punto di riferimento per i giovani italiani in arrivo a Londra in cerca di lavoro sono anche i padri Scalabriniani, nel difficilissimo quartiere di Brixton, che gestiscono un ostello per giovani, una scuola materna, una casa per anziani e un “Club donne italiane”. Oggi la parrocchia del Redentore, al numero 20 di Brixton road, anch’essa, come Saint Peter, nata per i migranti dal nostro Paese, è ravvivata dai canti della comunità filippina e di quella portoghese che hanno portato qui le loro tradizioni. Due germogli che si sono inseriti sulle radici italiane per mantenerle vive. Nei locali modestissimi, con la vecchia mouquette e le finestre con gli spifferi, che ricordano lo stile più volte richiamato da Papa Francesco, abitano padre Francesco Buttazzo, che parla italiano, portoghese, inglese e francese, insieme al filippino Ronan Ayag, all’haitiano Jean Philippe Alexis e al vietnamita Luc Nguyen.

I “nuovi londinesi”. “Offriamo a portoghesi e filippini locali dove possano celebrare le loro feste”, spiega don Francesco Buttazzo. “È importantissimo a Londra, dove i ritmi massacranti di lavoro producono tanto isolamento. La chiesa viene riempita da centinaia di portoghesi mentre sono un po’ meno filippini e italiani perché appena una famiglia migliora le proprie condizioni tende a lasciare Londra”.

“La migrazione italiana è cambiata”, spiega ancora il sacerdote.

“Oggi i nostri connazionali sono meno patriottici e meno inclini all’associazionismo di quelli del dopoguerra. I club delle varie regioni e le associazioni degli italiani all’estero sono in estinzione perché gli italiani, che arrivano con un buon livello di inglese, usano i social network per incontrarsi. Cerchiamo nuovi modi per raggiungerli ma non è facile. Quest’anno faccio incontri di catechesi costruiti attorno ai dieci comandamenti. Avvicino la Parola di Dio con un approccio esistenziale e psicologico facendo capire ai giovani che parla proprio di loro”.

Categories: Notizie

Carceri sovraffollate e detenuti senza giudizio in Camerun. Un progetto per ridare dignità alla persona

Thu, 18/01/2018 - 06:21

Sovraffollamento, cattive condizioni igieniche e annesse malattie, promiscuità tra adulti e minori, mancanza di assistenza psicologica e legale. Sono queste alcune delle principali fragilità del sistema carcerario del Camerun. Una condizione condivisa con molti altri Paesi del continente africano e più in generale del Sud del mondo (e, per alcuni aspetti come il sovraffollamento, anche da alcuni Paesi occidentali) dove le carceri sono viste come luoghi lontani dalla società e i detenuti come persone da allontanare.

“In Camerun ci sono persone che restano rinchiuse anche due o tre anni per reati che prevedono pene non superiori ai sei mesi, semplicemente perché non hanno la possibilità di pagare una sanzione di un valore pari a venti o trenta euro e i loro procedimenti finiscono per perdersi tra le pieghe del sistema giudiziario oppure uomini e donne privati per mesi della libertà senza avere un’idea precisa di quale sia il crimine loro imputato”, racconta Georges Alex Mbarga, giurista dell’associazione Coecam da oltre vent’anni a contatto con la realtà carceraria del Paese. “La situazione è diventa particolarmente critica nel nord – continua Mbarga – dove a causa della presenza terroristica di Boko Haram è sufficiente un sospetto di vicinanza al gruppo per finire in carcere e questo ha portato all’arresto di persone che hanno impiegato mesi o anni a dimostrare la loro innocenza. Ma ci sono anche ragazzi arrestati per piccole risse o per comportamenti omossessuali (punti dal Codice penale camerunense)”.

Il risultato è un numero di detenuti doppio rispetto ai posti disponibili: a fine 2017 nei 123 carceri del Camerun c’erano 28.120 persone a fronte di 12mila posti disponibili. Oltre la metà di questi – ben 15.699 – erano imputati ancora in attesa di giudizio.

“Di fronte a questi numeri – continua il giurista – è normale che si arrivi ad avere anche cento persone in celle da 25 posti, in condizioni igieniche davvero precarie e con un solo pasto servito al giorno, solitamente un po’ di riso o polenta di manioca o di miglio. E poi ci sono i minori che vivono nelle celle con gli adulti e persino bambini, figli di detenute, che vivono nelle stesse celle delle loro madri”.

È questo il contesto in cui tre anni fa l’Ong Coe (Centro orientamento educativo) da anni attiva nel Paese in collaborazione proprio con Coecam (la sua partner locale) ha deciso di lanciare il progetto “Scateniamoci!” con l’obiettivo di migliorare la condizione di vita nelle carceri del Paese e favorire opportunità di reinserimento socio-professionale dei detenuti. Il progetto – finanziato grazie ai contributi del Ministero per gli Affari esteri italiano e dalla Conferenza episcopale italiana – si è concentrato sulle carceri di Garoua, Mbalmayo e Douala coinvolgendo un totale di 6.502 persone.

L’approccio iniziale è stato fortemente pratico: sono state promosse periodiche giornate per il “carcere pulito” che hanno portato alla disinfestazione delle strutture, così come si è promosso, in accordo con le autorità locali, un programma di assistenza sanitaria e nutrizionale per il miglioramento delle razioni di cibo e l’assistenza medica.

“Al di là dei risultati concreti raggiunti in questi tre anni il successo più importante è stato quello di aver aiutato i detenuti a crescere nella consapevolezza dei propri diritti favorendo un maggior dialogo e confronto con le autorità locali e i dirigenti delle strutture”, prosegue Barga. Una parte importante del progetto ha riguardato proprio il personale giudiziario che è stato coinvolto in corsi di formazione e in incontri a cui hanno partecipato rappresentanti degli stessi detenuti. “Per noi era importante che questo processo portasse ad introdurre nuovi temi nel dibattito sociale del Paese, all’interno del sistema giudiziario e non solo”, precisa Clara Carluzzo, responsabile Ufficio Progetti del Coe: “Perché non è scontato, non solo in Camerun ma anche in Italia, che la giustizia riconosca e metta al primo posto la dignità della persona. Per questo, concluso questo primo programma triennale stiamo pensando, insieme ai nostri partner, come proseguire questo impegno”.

La valorizzazione della persona detenuta passa anche dal lavoro e dalle possibilità di reinserimento sociale una volta fuori dal carcere. Per questo, tra le eredità concrete del progetto, ci sono le tre cooperative che sono state attivate grazie al coinvolgimento dell’Ong Ingegneria Senza Frontiere Milano: a Mbalmayo sono nati un’attività avicola e un orto; a Garoua uno spaccio di alimentari e prodotti di igiene e una tipografia; a Douala una sartoria che confeziona vestiti, divise e borse. “Oltre ad offrire la possibilità di imparare un mestiere – conclude Georges Alex Mbarga – queste cooperative permetteranno, con gli utili prodotti, di proseguire in quel processo di risanamento e di miglioramento delle condizioni di vita nelle carceri appena avviato. A beneficio non solo dei detenuti ma anche dello loro famiglie e dell’intera società”.

Categories: Notizie

Meeting with the victims of sexual abuse. Father Hans Zollner, “when the Pope cries, the whole Church cries with him”

Wed, 17/01/2018 - 19:07

Indelible wounds, irreparable damage, inferred by men of the Church, often on children. Yesterday, faced with these deep scars, the Pope broke out in tears. It happened in Chile, in the seat of the Nunciature where Francis had a “strictly private” meeting with a group of victims of sexual abuse. Nobody else was present: only the Pope and the victims; to enable them to share their suffering. In the awareness that he was visiting a land severely impacted by sexual abuses committed by men of the Church, many of them widely known, Pope Francis dedicated his first words to this scandal. “Here I can not help but express the pain and shame I feel at the irreparable damage caused to children by Church’s ministers – the Pope said addressing Chile’s civic authorities at the Moneda Palace – . “I join with my brothers in the episcopate, knowing that it is a matter of justice to ask for forgiveness, and to support the victims with all our strength. At the same time we must work so that it does not happen again”, the Holy Father said.  Father Hans Zollner (Jesuit priest) is a member of the Vatican Commission against Paedophilia, President of Centre Child Protection of the Pontifical Gregorian University.

Father Zollner, how important are Pope Francis’ words?
They are extremely important: pain and shame is what one feels when facing the fact that clerics abused people’s trust and friendship, especially those of children and minors, who through physical, psychological, sexual and spiritual abuse inflicted harm, in many cases permanent, in many people’s lives. Shame and pain over the fact that this was committed by people who by vocation were called to spread the Good News, to bear witness to God’s closeness, especially towards the most vulnerable.

Before these stories of abuse, yesterday the Pope broke out in tears. As a person working in this field, how important is it to meet the victims, look them in the eye, listen to their suffering?

Closeness is a medicine for the soul.

It’s what is described as empathy, the ability to feel, perceive and share the other person’s suffering, desperation, anger, lack of hope, the inability to heal the wounds. This profound empathy originates the tears. When a person breaks out in tears it means that that person’s heart was touched. Those tears are a relief, certainly a beginning, the acknowledgement that I’m no longer alone and that a person is walking with me. It’s what I personally witnessed three years ago, in July 2014. I had accompanied two Germans citizens in their meeting with the Pope as their translator. They had been victims of abuse committed by priests. Seeing the Pope’s reaction in the face of suffering, perceiving his profound empathy and opening his heart to receive that pain, was an impressive experience. I had the same experience with Pope Benedict, when he met the victims of abuse in Germany. Also on that occasion the victims said that the Pope had wept with them. The Pope is the first representative of the Church and of Christ on earth. When the Pope cries the entire Church is crying, Christ Himself is crying with them.

Victims organizations are demonstrating in Santiago, demanding that justice be made inside the Church. These protests are a sign that many of these people continue feeling that they are not being listened to, that some doors are still closed. What is your answer in your capacities as member of the Pontifical Commission for the protection of minors?
The Pope himself defined the parameters to punish clerics who failed to follow Church rules. Such rules can be said to correspond to the legislation in force in many countries like Italy. However, justice is not only a juridical concept. Justice – as I have said to the bishops on many occasions – extends beyond the mere enforcement of the law. It encompasses in-depth listening, sincere attention, empathetically tuning in with our neighbour. The Pope stands as the role model of all leaders of local Churches, of provincials of religious Orders who are called to stand with the victims first of all, to listen to them. Having met many victims of abuse I can assure that in many cases listening produces greater justice than legal proceedings, which must take place in any case. But such proceedings will never succeed in fully pacifying the hearts. Even when a criminal has been sentenced it doesn’t necessarily mean that justice has been made because

The victims’ wounds remain open throughout their lives, so the Church will need to be committed to offer help, support, and whatever is requested and needed by the victims.  

Some complained about the slow pace of legal proceedings in Vatican offices. Could you offer some assurance that also in the Vatican Pope Francis’ words represent the frame of reference, along with the zero tolerance policy?
During the meeting with the Pontifical Commission for the protection of minors past September, even the Pope said that the Church reacted too slowly in the face of this phenomenon. Proceedings within the Holy See can be slow in some cases but they can also follow a hasty pace. It depends on the case, and we should not forget that the office in question has a staff of 12 people in charge of the proceedings, tasked with ascertaining the facts in the framework of each Country and in the respective languages,  with determining the truth of the allegations and reaching a conclusion, i.e. whether or not there should be a criminal conviction.

Categories: Notizie

From Derry to Jerusalem, “the victims of war shall be the heroes of peace”  

Wed, 17/01/2018 - 18:56

 

 

(from Jerusalem) “I have come here with no intention of giving counsel, but just to testify to the fact that peace is possible. Who could have imagined 30 years ago that the Berlin Wall would no longer be standing, that apartheid would be uprooted in South Africa and that there would be peace in Northern Ireland?” Msgr. Donald McKeown, bishop of Derry – a city on the border between Northern Ireland and the Irish Republic, to which refer the so-called “Troubles”, a term that euphemistically indicated the armed conflict in Northern Ireland fought by English unionists and Irish nationalists from the end of the 1960s until the peace agreement of Good Friday signed in Belfast on April 10 1998 – starts by sharing his dreams, those of when he had not yet entered the priesthood, as a young student at Belfast University.

 

This week Mons. McKeown is in the Holy Land with the bishops of USA, Canada, EU and South Africa, members of the Holy Land Coordination, on a pilgrimage of solidarity with local Christian communities, for justice and peace. The program of the visit includes meetings with students of Israeli schools in Beit Nehemiah and Makabim-Reut, which follows the one with their Palestinian peers in Beit Jala. They all share the same wish: “We want a  future of peace, we’re tired of war.”

War is pointless. “I remember that Bloody Sunday in Derry on January 30th 1972”, the bishop told SIR.

“I was a university student at the time, and that massacre left a deep scar inside me. It was unconceivable that soldiers of the British Army would fire against and kill 13 unarmed civilians during a peaceful protest march. The following Wednesday I attended the funeral service for the victims to express my closeness as well as my remonstration against that deed.” Despite that massacre, put into lyrics in the U2’s song “Sunday, bloody Sunday”, “we suffered and we sought peace that finally arrived in 1998, on Good Friday, with the signing of the agreement that led to the pacification of the two communities of Northern Ireland. Many people died in those years, many defenceless civilians, women , youths, old people, the weakest and most vulnerable brackets, unable to defend themselves. The war didn’t solve anything.” Neither today, and nor back then.

“We and our confreres bishops of Germany and South Africa wish to share the experience that reconciliation is possible with our Israeli and Palestinian friends.  Even after a 50-year conflict. Peace develops with friendship, human relations that mature day after day and with the courage of opposing whatever may cause discrimination, injustice and hate.”

Will there ever be a Good Friday agreement also for Israelis and Palestinians? The bishop promptly replied:

“Peace is possible. We ought to repeat it infinitely to the two peoples at war with each other. Our experience in Ireland is a token of this. Orphans, widows, those who lost everything in the war, bear testimony to it.

They are the ones who made peace possible, the weakest grew strong because they succeeded in walking together, crying together.

The victims of the war are the heroes of peace.”

“The same will happen here in the Holy Land, where reconciliation encompasses the suffering of so many people. They are the ones who indicate the path that extends beyond hatred, resentment, revenge and personalism, to world and political leaders. Politicians believe they are following the will of their peoples, but is it really so? I don’t think so.

Our experience in Ireland shows that we need people who believe that peace, forgiveness, reconciliation, are possible.”

Also Christians are called to give their contribution to the cause of peace. “Here in the Holy Land – said Msgr. McKeown – I saw a Christian, Catholic community small numerically but rich in the faith, which are found in the schools, where the coexistence of ethnicities and faiths, mutual understanding and tolerance are a way of life.

The Christian community can have a truly prophetic role, acting as a bridge of dialogue that brings together Israelis and Palestinians, Muslims and Jews, starting with the young. We are the people of hope, we must be capable of furthering hope from the Cross.”

“There is a future, not only a past – concluded the bishop -.

We must be architects of the future, not prisoners of the past.

A wall will not stop the many members of the two peoples who intend to proceed towards a future of peace. The Berlin wall has been torn down. Peace is possible. Let us continue weaving its fabric.”

 

 

Categories: Notizie

Incontro con le vittime di abuso. Padre Hans Zollner, “se il Papa piange, è l’intera Chiesa che piange”

Wed, 17/01/2018 - 12:49

Ferite indelebili, danni irreparabili, inferte da uomini della Chiesa, spesso sui bambini. Di fronte a simili sfregi, il Papa ieri ha pianto. È successo in Cile, nella sede della nunziatura dove Francesco ha incontrato, in forma strettamente privata, un piccolo gruppo di vittime di abusi sessuali. Nessun altro era presente: solamente il Papa e le vittime. E questo perché potessero raccontare le loro sofferenze. Sapendo di arrivare in una terra fortemente colpita da una serie di abusi sessuali che hanno visto protagonisti uomini di Chiesa, spesso molto conosciuti, Papa Francesco ha dedicato a questo scandalo le sue prime parole. “Qui – ha detto alle autorità nel Palazzo della Moneda – non posso fare a meno di esprimere il dolore e la vergogna, vergogna che sento davanti al danno irreparabile causato a bambini da parte di ministri della Chiesa. Desidero unirmi ai miei fratelli nell’episcopato, perché è giusto chiedere perdono e appoggiare con tutte le forze le vittime, mentre dobbiamo impegnarci perché ciò non si ripeta”. Padre Hans Zollner (gesuita) è membro della Commissione vaticana contro la pedofilia e presidente del Centro protezione dei minori istituito presso l’Università Gregoriana.

Padre Zollner, quanto sono importanti le parole di Papa Francesco?
Sono importantissime perché dolore e vergogna sono i sentimenti che uno prova di fronte al fatto che dei chierici abbiano abusato della fiducia e dell’amicizia di persone, soprattutto bambini e minori di età, e che attraverso un abuso fisico, psichico, sessuale e anche spirituale abbiano recato un danno spesso permanente alla vita di non poche persone. Vergogna e dolore che tutto ciò sia opera di persone che per vocazione dovevano essere portatori della buona novella, testimoni della vicinanza di Dio specialmente ai più vulnerabili.

Di fronte a queste storie di abuso, il Papa ieri ha pianto. Lei che lavora in questo ambito, quanto è importante incontrare le vittime, guardarle negli occhi, farsi raccontare il dolore vissuto?

La vicinanza è una medicina per l’anima.

È quello che si chiama empatia, la capacità di sentire, percepire, condividere il dolore dell’altro, la sua disperazione, la rabbia, la mancanza di speranza, l’incapacità a lenire la ferita. Ed è questa empatia profonda a suscitare il pianto. Se uno piange, vuol dire che è stato toccato nel cuore. Quelle lacrime sono un sollievo, certamente un inizio, la constatazione che non sono più solo ma c’è una persona che in questa ferita cammina con me. È quello che ho visto tre anni fa, nel luglio 2014. Avevo accompagnato due persone tedesche come traduttore nel loro incontro con il Papa. Erano state vittime di abuso da parte di sacerdoti. Vedere come il Papa reagisce di fronte alla sofferenza, percepire quanto profonda sia la sua empatia e quanto sia grande la sua capacità ad aprire il cuore per accogliere questo dolore, è impressionante. Ma posso anche dire la stessa cosa per Papa Benedetto quando aveva incontrato vittime di abuso in Germania. Anche in quell’occasione, le vittime stesse riferirono che il Papa aveva pianto con loro. Il Papa è il primo rappresentante della Chiesa e di Cristo sulla terra. Se il Papa piange, è l’intera Chiesa che piange, è Cristo stesso che piange con loro.

Le associazioni di vittime stanno manifestando a Santiago perché nella Chiesa si faccia giustizia. Queste proteste sono segno che ci sono ancora tanti che non si sentono ascoltati, che bussano porte che non vengono aperte. Come risponde lei che è membro della Pontificia Commissione per la protezione dei minori?
È il Papa stesso, un anno e mezzo fa, ad aver definito i parametri per punire persone nella gerarchia della Chiesa che non eseguono e non seguono le norme stesse della Chiesa. Norme che sono più o meno allo stesso livello o più o meno corrispondenti alle normative vigenti in molti Stati nazionali, come in Italia. La giustizia però non è solo un concetto giuridico. La giustizia – ed è quello che ribadisco spesso a tanti vescovi – va oltre la pura lettera della legge. È ascolto profondo, attenzione sincera, presenza empatica all’altro. E il Papa è il modello da seguire per tutti i responsabili della Chiese locali, per i provinciali degli Ordini religiosi che devono innanzitutto stare con le vittime, dare loro ascolto. Stando a contatto con un bel numero di vittime di abuso, posso garantire che questo ascolto produce spesso più giustizia del procedimento giuridico, che comunque deve andare avanti senz’altro. Ma non può mai raggiungere o rappacificare completamente un cuore. Anche se un criminale è stato condannato, non significa necessariamente che giustizia è fatta pienamente perché

la vittima rimane con una ferita per tutta la vita, per cui la Chiesa dovrà impegnarsi a dare ascolto, aiuto, sostegno, quanto richiesto e necessario per le vittime.

C’è anche chi lamenta e denuncia lentezza dei procedimenti negli uffici vaticani. Può darci una parola di garanzia sul fatto che anche in Vaticano il punto di riferimento sono le parole di Papa Francesco e la politica della tolleranza zero?
Anche il Papa stesso nell’incontro con la Pontificia Commissione per la tutela dei minori, lo scorso settembre, ha detto che la Chiesa ha reagito troppo lentamente di fronte a questo fenomeno. Le procedure all’interno della Santa Sede possono essere lente ma a volte sono anche molto rapide. Dipende dal caso e non dobbiamo dimenticare che parliamo di un ufficio che ha 12 persone che sono responsabili di procedimenti che devono accertare i fatti, nel contesto poi di ciascun Paese e in ciascuna lingua, comprovare la veridicità delle accuse e arrivare poi ad una conclusione, cioè ad una condanna o meno.

Categories: Notizie

Papa in Cile. Rosa Namuncura (leader mapuche): “Chiediamo solo la pace e il rispetto dei nostri diritti”

Wed, 17/01/2018 - 11:42

Desiderano solo la pace e il rispetto dei diritti ancestrali usurpati nei secoli, tra cui l’espropriazione delle loro terre. Sono i mapuche, il “popolo della terra” (da “mapu” terra e “che” gente”), gli indigeni nativi della zona tra Cile e Argentina. Anche se non ci sono stime precise si parla di circa 1 milione e mezzo di persone (il 10% dei cileni), di cui il 26,2% vive in condizioni di povertà. Oggi Papa Francesco è nelle loro terre, a Temuco, nell’Araucanía (i mapuche vengono chiamati anche Araucani), dove si concentra il 35% dei nativi, una regione del sud a 600 km da Santiago del Cile. Il Papa celebra la messa alle 10.30 ora locale all’aeroporto di Maquehue, poi pranza con alcuni mapuche nella casa “Madre de la Santa Cruz” per poi tornare nella capitale. Durante la messa è prevista anche una cerimonia mapuche, voluta da Papa Francesco. La “questione mapuche” è ancora una ferita aperta nella società cilena. Risale ai primi decenni dell’indipendenza del Cile, quando nel 1867 iniziò una campagna di occupazione dell’Araucanía da parte del nuovo Stato. I mapuche, fieri condottieri che avevano resistito perfino agli spagnoli, furono confinati in riserve e persero 9,5 milioni di ettari di terre. Molte delle promesse governative che prevedevano indennizzi, restituzione di terre e garanzie, non sono state mantenute. I mapuche sono tutt’ora oggetto di discriminazione sociale, con accuse di terrorismo e repressione per alcuni atti vandalici isolati di movimenti radicalizzati, arresti e dure sentenze. La Chiesa nel 2000 ha chiesto perdono per gli errori commessi e cercato di favorire lo sviluppo dei centri culturali mapuche, attraverso la pastorale indigena. Dopo la visita di Giovanni Paolo II nel 1987 che ebbe parole di sostegno nei loro confronti, ora Papa Francesco viene ad esprimere vicinanza e solidarietà. Da Santiago parla Rosa Namuncurá, leader mapuche dell’associazione “Lonco calfucurá” (“pietra azzurra”) e pronipote del beato Ceferino Namuncurá, mapuche della Patagonia argentina nato nel 1886, convertito al cristianesimo e diventato sacerdote salesiano, morto a Roma a soli 18 anni a causa di una tubercolosi. È stato beatificato nel 2007 a Chimpay, in Argentina.

Perché la visita di Papa Francesco può essere importante per il popolo mapuche?
La visita del Papa è importante perché può aiutarci a portare la pace. I mapuche in genere sono contenti della visita, perché siamo un popolo di pace. Siamo persone tranquille, amiamo la natura. Tra noi ci sono cattolici, appartenenti ad altre religioni, altri mapuche, esiste il sincretismo religioso. Non siamo tutti uguali ma è certo che siamo contenti di accogliere un Papa che cerca di promuovere la pace nel mondo. Alcuni protestano perché non è ancora risolta la questione delle terre usurpate.

Quali ricadute positive vi aspettate dalla visita del Papa?

Speriamo che la visita del Papa in Cile possa portare la pace e che i mapuche siano ascoltati dai cileni. Tra noi c’è molto scontento, anche io soffro moltissimo per il dolore dei miei fratelli.

Vivo a Santiago e qui siamo più tranquilli. Ma i nostri fratelli al sud soffrono molto di più per lo sfruttamento della terra, la sottrazione dei luoghi di culto… Mi chiedo perché? Crediamo in un Dio onnipotente che chiamiamo con un nome diverso ma è lo stesso che ha creato la terra, l’universo. Molti non capiscono perché facciamo riti e cerimonie diverse. Se il territorio è stato sfruttato o usurpato ci sono conseguenze sulla spiritualità dell’intero popolo mapuche, che si sente colpito.

(Foto: AFP/SIR)

Una delle vostre principali rivendicazioni riguarda le terre usurpate e Papa Francesco parla spesso nei suoi discorsi del diritto alla terra.
Per noi è un tema importantissimo. Mapuche significa proprio “popolo della terra”. Molti sono stati costretti ad emigrare in città come mio padre (si commuove, ndr). Soffriamo molto, soprattutto nelle regioni del sud. Perché esiste una legge antiterrorista molto dura, i nostri fratelli vengono arrestati e restano in carcere mesi e anni.

Sono situazioni molto dolorose per noi, che reclamiamo solo la libertà di portare avanti la nostra spiritualità, di parlare con Dio. Ma la politica, lo Stato del Cile, è contro di noi. E noi che possiamo fare? Noi vogliamo solo la pace e la giustizia.

Il Papa celebra oggi la messa nell’aeroporto di Maquehue, che prima era un territorio mapuche. Alcuni movimenti protestano contro questa scelta.
Sì era un luogo cerimoniale mapuche, ma come sempre il popolo non è stato consultato. Il Papa sta facendo qualcosa di buono perché viene a parlare di pace. Ma come noi rispettiamo una Chiesa cattolica anche i mapuche hanno diritto di vedere rispettati i loro luoghi sacri.

Alcuni mapuche protestano perché quella terra era un centro cerimoniale del nostro popolo ma è stato requisito dallo Stato. Bisogna consultare il popolo.

La vostra richiesta principale è quindi il rispetto dei diritti?

Sì, chiediamo il rispetto dei diritti ancestrali del popolo.

Cerchiamo di far capire alla nostra gente che vogliamo arrivare allo stesso obiettivo, la pace, perché tanta gente è arrabbiata e potrebbe ribellarsi ma noi non vogliamo che questo accada.

Lei è discendente del beato mapuche Ceferino Namuncura: qual è il suo messaggio?
Sì era mio zio, fratello di mio nonno, da piccolo viveva in Argentina nella Wall-Mapu, l’antica nazione mapuche. Andò in Italia al seguito di un prete ma ciò che desiderava di più, secondo quanto mi dice mio zio, era aiutare il suo popolo.

 

Categories: Notizie

Una montagna di plastica ci sommergerà? Commissione Ue mette un freno a sacchetti, bottiglie, piatti monouso

Wed, 17/01/2018 - 09:10

“Se non modifichiamo il modo in cui produciamo e utilizziamo le materie plastiche, nel 2050 nei nostri oceani ci sarà più plastica che pesci”: Frans Timmermans, primo vicepresidente della Commissione Ue, è sempre piuttosto efficace nella comunicazione. Così, per spiegare il senso e gli obiettivi dell’ultima iniziativa dell’esecutivo di Buxelles, usa un’immagine diretta e chiara che non lascia dubbi. Ogni anno, infatti, nei 28 Paesi dell’Unione europea si producono 25 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica, ma solo il 30% vengono raccolti e riciclati. Il resto finisce in discarica, negli inceneritori, oppure viene disperso nell’ambiente. Così, per evitare di finire sommersi dalla propria spazzatura di plastica, gli europei devono correre subito ai ripari. Una sfida su scala continentale di fronte alla quale le polemiche italiane sui sacchetti biodegradabili – che sostituiscono quelli di plastica nei reparti frutta e verdura dei supermercati – appare quanto meno fuori tempo massimo.

Natura ed economia. La Commissione Ue ha dunque adottato il 16 gennaio una “strategia europea” per porre un freno all’invasione della plastica, almeno di quella inutile. L’iniziativa “per proteggere il pianeta e i cittadini e responsabilizzare le imprese” si inserisce “nel processo di transizione verso un’economia più circolare”, che la Commissione va “predicando” da mesi. La strategia è intesa a proteggere l’ambiente dall’inquinamento da plastica “e a promuovere al contempo la crescita e l’innovazione, trasformando così una sfida in un programma positivo per il futuro dell’Europa”.

Le montagne di imballaggi, di bicchieri e piatti monouso, di sacchetti di ogni forma e colore, fanno parte della nostra quotidianità

e vanno di pari passo con radicate e diffusissime pratiche in casa, in ufficio, per strada, nei negozi: per cui la Commissione non nasconde che si sia di fronte a una sfida di vastissima portata, che deve comprende un’azione di sensibilizzazione e di educazione ecologica.

Timmermans e Katainen illustrano le proposte della Commissione sui rifiuti plastici

Riciclare e riutilizzare di più. Secondo la proposta avanzata dalla Commissione, che ora deve essere valutata da Consiglio e Parlamento Ue, “tutti gli imballaggi di plastica sul mercato dell’Unione saranno riciclabili entro il 2030, l’utilizzo di sacchetti di plastica e di stoviglie monouso sarà ridotto e l’uso intenzionale di microplastiche sarà limitato”. Timmermans osserva ancora: “Dobbiamo impedire che la plastica continui a raggiungere le nostre acque, il nostro cibo e anche il nostro organismo. L’unica soluzione a lungo termine è ridurre i rifiuti di plastica riciclando e riutilizzando di più. Si tratta di un impegno che i cittadini, le imprese e le amministrazioni pubbliche devono affrontare insieme”. La consapevolezza di toccare consolidate abitudini dei consumatori e forti interessi dei produttori non scoraggia la Commissione: si tratterà semmai di vedere se gli Stati membri avranno la volontà di sottoscrivere e rendere operativa la proposta dell’esecutivo.

Investimenti sulla ricerca. Secondo i documenti presentati dalla Commissione, la strategia sulla plastica vorrebbe cambiare “la progettazione, la realizzazione, l’uso e il riciclaggio di questi prodotti nell’Ue: troppo spesso il modo in cui le materie plastiche sono attualmente prodotte, utilizzate e gettate non permette di cogliere i vantaggi economici derivanti da un approccio più circolare e arreca danni all’ambiente”. Così l’obiettivo che ci si propone è duplice:

“Tutelare l’ambiente e, al tempo stesso, porre le basi per una nuova economia delle materie plastiche”

in cui “la progettazione e la produzione rispettano pienamente le necessità del riutilizzo, della riparazione e del riciclaggio”. Tra le novità che dovrebbero derivare dalle linee indicate dal collegio di Jean-Claude Juncker, figura un ventaglio di obiettivi, ognuno dei quali illustrato nel dettaglio: ridurre i rifiuti di plastica (così come, ad esempio, è già avvenuto per i sacchetti della spesa); rendere il riciclaggio redditizio per le imprese; fermare la dispersione di rifiuti in mare (nuove disposizioni arriveranno per le navi e per i porti). Inoltre la Commissione metterà a disposizione 100 milioni di euro l’anno per finanziare la ricerca per lo sviluppo di materiali plastici più riciclabili o per processi di riciclaggio maggiormente efficienti. Nel frattempo si studiano misure, che potrebbero essere rese pubbliche nelle prossime settimane, per ridurre la diffusione delle bottiglie di plastica.

Disaccordo sulla tassa. Jyrki Katainen, vicepresidente della Commissione e responsabile per la crescita e gli investimenti, specifica: “Con questa strategia stiamo gettando le basi per una nuova economia circolare della plastica e orientando gli investimenti in questo senso. In tal modo contribuiremo a ridurre i rifiuti sulla terra, nell’aria e nei mari, offrendo al contempo nuove opportunità per l’innovazione e un’occupazione di alta qualità. L’industria europea ha la grande occasione di sviluppare una leadership mondiale” in tale settore.

Emerge peraltro un equivoco che la Commissione dovrà chiarire al suo interno.

La scorsa settimana, infatti, il commissario al bilancio Gunther Oettinger aveva proposto una tassa sulla plastica per contribuire al bilancio Ue. Ma Katainen ora replica a distanza: “Dubito che troveremo un meccanismo che possa funzionare a livello europeo per tassare la plastica”. Semmai la Commissione “sta esplorando misure fiscali per ridurre l’uso di plastiche. Ma è troppo presto per promettere qualcosa”.

Categories: Notizie

Will mounds of plastics engulf us all? EU Commission puts a stop on plastic bags, disposable bottles and dishes

Wed, 17/01/2018 - 09:10

If we don’t change the way we produce and use plastics, there will be more plastics than fish in our oceans”: said Frans Timmermans, first Vice-President of the EU Commission. With his usual communicative efficiency he used a clear, straightforward image  to explain the meaning and goals of the latest initiative of the executive in Brussels. In fact, citizens of EU28 Countries produce 25 tons of plastic waste every year, but less than 30% is collected for recycling. The rest is disposed in landfills, waste incinerators, or released in the environment. Thus, in order to avoid being engulfed by our plastic waste Europeans must take immediate measures. It’s a continental-scale challenge, compared to which Italian public debate on biodegradable bags – which replace those in plastic in supermarkets’ fruit and vegetable departments – is beyond the deadline, to say the least.

Nature and economy. Against this backdrop the EU Commission has thus adopted, on January 16, a “European strategy” to curb the mounting amount of plastics, at least all plastic considered useless. The initiative “to protect the planet, defend our citizens and empower our industries” is “a part of the transition towards a more circular economy”, that the Commission has been advocating for months. The purpose of the strategy is to protect the environment from plastic pollution whilst “fostering growth and innovation, turning a challenge into a positive agenda for the Future of Europe.”

Mounds of packaging, disposable cups and dishes, bags in all colours and shapes, are part of our daily lives

And they go hand in hand with deep-rooted, widespread habits in the household, in the streets, in shops…. The Commission is well aware that it’s a challenge of huge proportions, which must include awareness-raising campaigns and environmental education programs.

Improving recyclability and reuse. According to the Commission proposal, due to be examined by Parliament and Council for adoption, “all plastic packaging on the EU market will be recyclable by 2030, the consumption of single-use plastics will be reduced and the intentional use of microplastics will be restricted.” Timmermans remarked: “We must stop plastics getting into our water, our food, and even our bodies. The only long-term solution is to reduce plastic waste by recycling and reusing more. This is a challenge that citizens, industry and governments must tackle together.” The awareness of interfering with long-standing consumer habits and strong interests of the manufacturing sector does not discourage the Commission: the matter at stake is Member States’ intention to adopt and implement the EU Commission proposal.

 

Investments in research. Documents presented by the EU Commission show that the plastics strategy “will transform the way products are designed, produced, used, and recycled in the EU. Too often the way plastics are currently produced, used and discarded fail to capture the economic benefits of a more circular approach. It harms the environment.” Thus the goal is twofold:

“To protect the environment whilst at the same time lay foundations to a new plastic economy”

whereby “the design and production fully respect reuse, repair and recycling needs.” The transformations introduced by the Jean-Claude Juncker College include a wide range of targets, each of which has been detailed, namely, to curb plastic waste (as has already been done with shopping bags); making recycling profitable for business; stop littering at sea (with new rules for port reception facilities and vessels). Furthermore, the Commission will earmark 100 million Euro per year to fund development of smarter and more recyclable plastics materials, making recycling processes more efficient. Targeted measures to decrease the use of plastic bottles are planned to be adopted in the coming weeks.

Disagreements on tax duties. Jyrki Katainen, Vice-President Jyrki Katainen, responsible for jobs, growth, investment and competitiveness, pointed out: “With our plastic strategy we are laying the foundations for a new circular plastics economy, and driving investment towards it. This will help to reduce plastic litter in land, air and sea while also bringing new opportunities for innovation, competitiveness and high quality jobs. This is a great opportunity for European industry to develop global leadership” in this area.

Moreover, there emerges a misunderstanding that the Commission will need to clarify internally.

In fact, last week Budget Commissioner Gunther Oettinger submitted a “plastic tax” proposal to contribute to the EU budget. But Katainen sent an indirect reply: “I doubt we will find a mechanism to tax plastic at European level.” However, the Commission is “exploring fiscal measures to reduce the use of plastic. It is too early to promise anything.”

Categories: Notizie

“La linea verticale” di Mattia Torre con Valerio Mastandrea. Al cinema e nelle serie tv la malattia non fa più paura, si vince con ironia

Wed, 17/01/2018 - 09:07

Il racconto della malattia, lo spaesamento dinanzi alla scoperta di un tumore e poi l’urgenza di rispondere con cure e interventi serrati, un percorso di degenza ospedaliera, il tutto raccontato con pathos ma anche humor (nero, il più delle volte): è questo alla base della nuova serie televisiva “La linea verticale” di Mattia Torre con Valerio Mastandrea in onda in prima serata da sabato 13 gennaio su Rai Tre, preceduta dal lancio sul portale Raiplay. “La linea verticale”, prodotta da Rai con Wildside – che realizza anche “Romanzo famigliare”, “The Young Pope” e “In Treatment” –, prende le mosse dall’esperienza diretta del regista, dal suo iter clinico, esperienza poi divenuta anche un romanzo per Baldini&Castoldi.

Si tratta di un racconto “dramedy”, declinato tra dramma e commedia, sul mondo della malattia, sulla condizione di pazienti e familiari, ma anche una fotografia di medici, infermieri e strutture ospedaliere. Un racconto che conferma una tendenza narrativa, tra cinema e televisione, che negli ultimi anni si è affermata con forza, ovvero affrontare il male con il sorriso e l’ironia, senza togliere nulla alla complessità della malattia, ma rendendola solo più gestibile e vulnerabile.

“La linea verticale”, una risata amara sull’ospedalizzazione

Protagonista della serie televisiva – dal formato di circa 30 minuti a episodio, in tutto otto – è Valerio Mastandrea, che interpreta Luigi, un quarantenne sposato (la moglie è Greta Scarano) con una bambina alle elementari e un secondo in arrivo. Luigi scopre di avere un tumore al rene e così inizia il suo viaggio ospedaliero, tra accertamenti, diagnosi e ospedalizzazione. Si passa dalle sfumature dello sconvolgimento dinanzi alla scoperta di essere malati alla condivisione con la propria famiglia, ancoraggio di serenità; c’è poi lo scontro-incontro con il mondo dell’ospedale, ritratto con ironia quasi come un circo, popolato da medici, infermieri e pazienti dall’umanità varia e a volte esilarante. C’è infatti il paziente (Giorgio Tirabassi) che di professione fa il ristoratore, con una trattoria a Roma, ma è informatissimo come un medico professionista, ancora il medico riluttante (Antonio Catania) oppure quello protagonista, egocentrico (Ninni Bruschetta). Troviamo poi il sacerdote (Paolo Calabresi) che invece di essere accanto ai malati, come conforto e accompagnamento, è tutto centrato nel suo cellulare e, da quel che si intuisce dalle prime due puntate, ha una vocazione un po’ appannata e claudicante.

“La linea verticale” per volontà dell’autore e regista Mattia Torre si volge come una pièce teatrale, nelle ambientazioni, negli snodi narrativi e nelle modalità di ripresa. Quello che colpisce è il tono del racconto, non perfettamente aderente al canovaccio della commedia, della sitcom, ma neanche al medical drama.

Troviamo toni oscillanti, al pari degli stati d’animo, passando dalle note serie dinanzi all’assordante diagnosi della malattia all’ironia più scanzonata di fronte ai tic del personale ospedaliero o alle manie dei pazienti. Ridendo, commuovendosi, si finisce con il sottrarre angoscia al tema, al demone della malattia. A giudicare dunque dalle prime puntate, è un racconto che funziona, che aggancia immediatamente lo spettatore.

Tv e malattia: da “Braccialetti Rossi” a “I ragazzi del Bambino Gesù”

Una riflessione importante sul racconto della malattia in chiave altra, accesa dal sorriso e dalla fiducia, lontana dai toni angoscianti del dramma ospedaliero, si è registrata negli ultimi anni nella televisione italiana. Un contributo interessante, e di fatto innovativo, è venuto dalla serie di Rai Uno “Braccialetti rossi” (2014-2016), prodotta dalla Palomar di Carlo Degli Esposti (è il “papà” della serie “Il commissario Montalbano”), che ha acquisito i diritti del progetto spagnolo tratto dal libro-esperienza di Albert Espinosa: raccontare esistenze, amicizie e affetti di un gruppo di preadolescenti e adolescenti ricoverati in un ospedale, tutti affetti da diverse patologie, dal tumore all’anoressia.

Un racconto colorato, brioso, dove il male ha un nome chiaro, è bene identificato, ma finisce per non essere il protagonista delle vite dei ragazzi, che sognano invece un domani di possibilità, oltre la malattia. Il taglio è educational e i ragazzi, in base agli ascolti tv ma anche dai contorni del fenomeno mediatico, hanno risposto in massa.

Ancora, tanto seguito e trasporto per il progetto “I ragazzi del Bambino Gesù” (2017) prodotto da Simona Ercolani con la sua “Stand By Me” per Rai Tre, in collaborazione con l’ospedale pediatrico Bambino Gesù: il percorso personale e familiare di dieci ragazzi, tutti colpiti da malattie importanti, nel polo ospedaliero.

Una storia intensa e a tratti struggente, mai lasciata scivolare nel mélo, ma sempre bilanciata dai contorni della fiducia e della speranza. Una storia di difficoltà e riscatto, di reazione psicologica davanti al male.

C’è inoltre “Kemioamiche” (2017), il docureality di Tv2000, rete della Conferenza episcopale Italiana diretta da Paolo Ruffini; realizzato con Kimera Produzioni, “Kemioamiche” è andato in onda anche su Real Time. È la messa in scena di storie di donne, di età diverse, unite tutte dalla lotta contro il tumore al seno.

Una lotta aspra, affannata, ma vinta dal sorriso, dalla complicità affettiva e dalla voglia di riscatto, urlato dalle protagoniste in un ballo liberatorio sulle note di “I Will Survive” di Gloria Gaynor.

L’altra veste della malattia al cinema: da “Quasi amici” a “Colpa delle stelle”

Sempre dagli anni Duemila il cinema ha invertito la rotta nel racconto della malattia, abbandonando via via i toni del mélo per esplorare le possibilità del racconto umoristico, ora dark comedy ora munito di ironia brillante. Tra i tanti titoli prodotti negli ultimi anni, citiamo anzitutto “Quasi amici” (“Intouchables”, 2011) dei registi francesi Eric Toledano e Olivier Nakache, che mostrano lo scontro sociale e culturale tra un uomo francese benestante e un immigrato africano delle banlieue parigine: il primo è tetraplegico, dalla scarsa voglia di vivere, il secondo è in cerca di fortuna, pronto a tutto, mettendo a soqquadro la vita dell’altro.

Storia vera, dove la condizione di disabilità è normalizzata grazie a un sorriso irriverente; un racconto giocoso che spazza via tabù e allarga il campo alla speranza.

Da citare, poi, ci sono altri due film. Il primo è “Il lato positivo” (“Silver Linings Playbook”, 2012) di David O. Russell, dal romanzo di Matthew Quick, che mette in scena il tabù della malattia mentale, il disturbo bipolare, con irriverente umorismo. Una vita andata letteralmente a pezzi viene ricostruita dall’amore familiare e dalla tenerezza dell’amicizia.

Un invito a non arrendersi, ma a mettersi in gioco con la vita nonostante le difficoltà.

Il secondo è il fenomeno “Colpa delle stelle” (“The Fault in Our Stars”, 2014) di Josh Boone, tratto dall’omonimo romanzo per ragazzi di John Green: film che sdogana nel cinema hollywoodiano il tema della malattia, del cancro, in ambito adolescenziale. Protagonisti sono Gus e Hazel, due liceali segnati da un tumore aggressivo che sognano e lottano per vivere la stagione della propria adolescenza come tutti gli altri ragazzi, con progetti da realizzare, romanzi da divorare e amori da scoprire.

Film brioso, con qualche scivolata zuccherosa, ma capace di portare l’ingombrante tema della malattia (e della morte) nei discorsi dei nativi digitali e delle loro famiglie.

Categories: Notizie

Da Derry a Gerusalemme, “le vittime della guerra saranno gli eroi della pace”

Wed, 17/01/2018 - 09:05

(da Gerusalemme) “Sono venuto qui senza alcuna velleità di dare consigli, ma solo per testimoniare che la pace è possibile. Chi avrebbe mai immaginato 30 anni fa che in Germania sarebbe caduto il muro di Berlino, che in Sud Africa sarebbe stato sconfitto l’apartheid e che avremmo avuto la pace in Irlanda del Nord?”: parte dai suoi ricordi, quelli di quando non era ancora sacerdote, ma giovane studente all’Università di Belfast, mons. Donal McKeown, vescovo di Derry, città al confine tra Irlanda del Nord e Repubblica di Irlanda, cui sono legati i “Troubles”, termine inglese che eufemisticamente indica il conflitto nord-irlandese, combattuto tra gli unionisti inglesi e gli indipendentisti irlandesi a partire dalla fine degli anni Sessanta fino all’accordo di pace del Venerdì Santo firmato a Belfast il 10 aprile 1998.

Mons. Donal McKeown

Mons. McKeown in questi giorni è in Terra Santa con i vescovi di Usa, Canada, Ue e Sud Africa, membri dell’Holy Land Coordination, in pellegrinaggio di solidarietà con le comunità cristiane locali, per la giustizia e la pace. Tra i vari appuntamenti: l’incontro con studenti di alcune scuole israeliane a Beit Nehemiah e a Makabim-Reut, dopo quello con i loro coetanei palestinesi a Beit Jala. Tutti concordi: “Vogliamo un futuro di pace, siamo stanchi della guerra”.

La guerra non serve a nulla. “Ricordo – racconta al Sir – quel 30 gennaio del 1972, la domenica di sangue a Derry.

All’epoca ero uno studente universitario e quella strage mi segnò fortemente. Assurdo pensare che uomini dell’esercito britannico potessero sparare e uccidere 13 uomini disarmati che protestavano pacificamente. Il mercoledì successivo andai ai funerali delle vittime per esprimere la mia vicinanza ma anche la mia protesta contro questo atto”. Nonostante quel massacro, cantato dagli U2 nel brano “Sunday, bloody Sunday”, “abbiamo sofferto e cercato la pace che giunse nel 1998, il giorno di Venerdì Santo, con la firma di un trattato che portò alla pacificazione delle due comunità nord-irlandesi. Sono stati anni in cui sono morte tante persone, tanti civili inermi, donne, giovani, anziani, le persone più deboli non in grado di difendersi. La guerra non è servita a nulla”. Oggi come allora.

“Con i miei confratelli vescovi di Germania e del Sud Africa vogliamo testimoniare ai nostri amici israeliani e palestinesi che la riconciliazione è possibile. Anche dopo 50 anni di conflitto. Si costruisce con pezzettini di amicizia, di rapporti umani che maturano giorno dopo giorno e con il coraggio di andare contro tutto ciò che genera discriminazioni, ingiustizie e odio”.

Ci sarà mai un accordo del Venerdì Santo anche per israeliani e palestinesi? Pronta la risposta:

“La pace è possibile: dobbiamo ripeterlo all’infinito ai due popoli in lotta. La nostra esperienza in Irlanda ci dice questo. Ce lo testimoniano gli orfani, le vedove, quelli che nella guerra hanno perso tutto.

Sono loro che hanno reso possibile la pace, i più deboli diventati forti perché sono stati in grado di camminare insieme, piangere insieme.

Le vittime della guerra sono gli eroi della pace”.

E ancora: “Sarà così anche qui in Terra Santa dove la riconciliazione passa attraverso la sofferenza di tante persone. Sono loro che indicano la strada ai politici e ai leader mondiali che va oltre l’odio, il rancore, la vendetta, i personalismi. I politici credono di seguire la volontà dei loro popoli, ma è davvero così? Io non credo.

La nostra esperienza irlandese ci racconta che abbiamo bisogno di persone che credono che la pace, il perdono, la riconciliazione sono possibili”.

Anche i cristiani sono chiamati a dare il loro contributo alla causa della pace. “Qui in Terra Santa – spiega mons. McKeown – ho visto una comunità cristiana e cattolica esigua nei numeri ma molto ricca nella fede, che ritroviamo nell’insegnamento condotto nelle scuole dove la convivenza di fedi e di etnie, la reciproca conoscenza e la tolleranza sono uno stile di vita.

La comunità cristiana può davvero assumere un ruolo profetico facendosi ponte di dialogo utile a riavvicinare palestinesi e israeliani, ebrei e musulmani, a partire dai giovani. Siamo il popolo della speranza, dobbiamo essere capaci di far nascere la speranza dalla Croce”.

“C’è un futuro, non solo un passato – conclude il vescovo -.

Dobbiamo essere architetti del futuro e non prigionieri del passato.

Non basterà un muro a fermare chi, nei due popoli, vuole andare verso un futuro di pace. Il muro di Berlino è stato abbattuto. La pace è possibile. Continuiamo a tesserne la tela”.

Categories: Notizie

Settimana di preghiera per l’unità. Messaggio delle Chiese cristiane: “Rispondere al male con il bene”

Wed, 17/01/2018 - 08:24

I cristiani non hanno paura e non si lasciano intimorire dai fenomeni di violenza e terrorismo di cui spesso, purtroppo, sono le prime vittime in molte parti del mondo. Li affrontano “indossando l’armatura del Vangelo della pace e della giustizia per rispondere al male con il bene, all’odio e all’inimicizia con l’amore”. È questo il “senso” profondo del tema “Potente è la tua mano, Signore” (Esodo 15,6), scelto quest’anno per la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani che, come ogni anno, le Chiese celebrano dal 18 al 25 gennaio.

A indicarlo sono i leader delle Chiese cristiane in Italia, in un messaggio comune rivolto per l’occasione a tutte le comunità presenti nel nostro Paese. A sottoscriverlo per la Chiesa cattolica, monsignor Ambrogio Spreafico, vescovo di Frosinone-Veroli-Ferentino e presidente della Commissione episcopale per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso, per la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia, il pastore Luca Maria Negro, e per la Sacra Arcidiocesi ortodossa d’Italia e Malta, il metropolita Gennadios (Patriarcato ecumenico). Il versetto dell’Esodo scelto quest’anno come tema della Settimana è il grande canto di lode a Dio innalzato da Mosè dopo il passaggio del mare e l’uscita dall’Egitto. Il canto celebra la vittoria di Dio sul potere del male e della schiavitù. I leader cristiani scrivono:

“Il potere del male, per quanto forte possa essere, non può resistere all’intervento del Dio della vita”.

“Siamo in un mondo difficile – scrivono i responsabili delle Chiese -, dove la violenza delle guerre, del terrorismo, della criminalità, la violenza e l’ingiustizia nei confronti dei poveri segnano la vita di tanti. Non si può rimanere indifferenti, come se l’abisso del male non toccasse le nostre comunità”. Da qui un invito e un appello: “Soprattutto nelle nostre Chiese dell’Europa occorre risvegliare la coscienza della forza del male e mettersi in ascolto del grido dei poveri e anche del grido di dolore della nostra madre terra, violentata e inquinata dagli interessi di pochi”.

L’agenda ecumenica. Come ogni anno, da nord a sud del nostro Paese, sono previsti numerosi incontri di dialogo nel corso della Settimana: dibattiti, momenti di preghiera, scambi di pulpito. A fare un buon elenco dei vari appuntamenti è quest’anno l’Agenzia stampa Nev che sta via via aggiornando in un’apposita pagina “Agenda evangelica ed ecumenica”, sotto il titolo “Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani”.

Il 2017, un anno importante. Posto nel mese di gennaio, la Settimana di preghiera apre un nuovo anno di ecumenismo che risentirà sicuramente dei passi in avanti compiuti nel 2017. È stato l’anno in cui per la prima volta le Chiese cristiane, anche nel nostro Paese, hanno celebrato insieme i 500 anni della Riforma di Lutero con i convegni prima a Trento e poi ad Assisi. È stato l’anno anche dei “corridoi umanitari”, iniziativa ecumenica promossa da Fcei, Tavola Valdese e Comunità di Sant’Egidio che ha fino ad oggi permesso a 1.000 profughi siriani di raggiungere l’Italia in tutta sicurezza. Esperienza esportata ora anche in Francia e Belgio. Tutte occasioni d’incontro, confronto e azione che hanno preparato il terreno perché anche nel nostro Paese prenda il via presto una

“Consulta ecumenica delle Chiese cristiane presenti in Italia”.

Per la sua realizzazione, membri di diverse Chiese si sono dati appuntamento il 12 febbraio. Si tratta di un organismo che da tempo si aspettava e si invocava da più parti. Di sicuro, non sarà una nuova struttura “giuridica”. Ma un punto stabile di incontro che nasce, spiega al Sir don Cristiano Bettega, direttore dell’Ufficio Cei per l’ecumenismo e il dialogo, come “segno della volontà di continuare insieme il cammino intrapreso negli ultimi anni dalle Chiese, con l’intenzione di avere un organo di collegamento e consultazione il più veloce e agile possibile per poter intervenire come cristiani su temi di attualità o di emergenza e promuovere iniziative comuni; un organismo però che possa anche venire riconosciuto in via ufficiale da ciascuna delle parti in causa, da ciascuna Chiesa quindi”.

Categories: Notizie

Don Valerio, il prete dei mapuche

Wed, 17/01/2018 - 08:10

Ad Aluminè, nella Patagonia argentina, al confine con quella cilena, il missionario monferrino padre Valerio Garlando ha compiuto, lo scorso 18 dicembre, 86 anni, e si trova nella diocesi di Neuquen da 53 anni, precisamente dal Natale del 1964. Tre anni fa ha ottenuto l’alto riconoscimento che il Governo della Provincia del Neuquen ha voluto conferirgli per il lavoro umanitario che svolge da più di 50 anni tra la popolazione locale. La “Honorable Legislatura de la Provincia del Neuquen” ha riconosciuto “di interesse del potere legislativo il lavoro umanitario, educativo, sociale e di solidarietà che padre Valerio realizza nelle località di Ruca Choroi, Aluminè e dintorni, lavoro che ha trasceso quello strettamente pastorale contribuendo con grande merito alla crescita di quelle comunità”.

Padre Valerio è originario di Lu Monferrato dove ha ancora parenti. Ordinato sacerdote il 29 giugno 1955, andò in Patagonia nel 1964, tra i primi missionari monferrini mandati dal vescovo mons. Giuseppe Angrisani dopo l’incontro al Concilio Vaticano II col vescovo argentino Jaime De Nevares, primo vescovo della nuova diocesi di Neuquen. La nostra diocesi, allora, aveva abbondanza di sacerdoti.
A padre Valerio fu affidata la zona di Ruca Choroi, tra la popolazione mapuche che viveva in baracche di legno, sulle Ande al confine con il Cile. I primi anni furono difficilissimi, vissuti all’aperto. Di notte si legava a un albero per non cadere nel fuoco acceso per riscaldarsi.
Costruì una chiesetta per dire messa e dovette aspettare otto anni prima che qualcuno ci entrasse. Poi, a poco a poco, le cose cambiarono. I mapuches cominciarono ad apprezzarlo e ad amarlo. Lui imparò la loro lingua, andava a cavallo come loro.
Sceso ad Aluminè – che è il centro di tante piccole valli – costruì una chiesa con accanto una casa-convitto perché il Governo argentino mandava i maestri per la scuola elementare nella valle, ma i bambini della montagna non potevano scendere per frequentarla. Don Valerio provvedeva a tutto: alloggio, vitto, lavanderia. La gente del posto cominciò ad aiutarlo e lui proseguì costruendo una casa di riposo per anziani e poi una casa di incontri ed esercizi spirituali. La popolazione lo ama e lo apprezza.
Il resto è storia recente: una nuova chiesa moderna dall’altra parte del paese e, soprattutto, una scuola di arti e mestieri per dare una istruzione e un mestiere ai giovani del posto, in cui insegna anche a produrre il formaggio come si fa da noi in Piemonte.

(*) direttore de “La Vita Casalese” (Casale Monferrato)

Categories: Notizie

L’Europa in campo contro le fake news: “minacciano la democrazia”. Task force, prevenzione e formazione

Tue, 16/01/2018 - 08:07

Adesso è guerra aperta in Europa. Ma non è l’ennesimo conflitto armi in mano, di quelli che troppe volte nella storia hanno insanguinato il vecchio continente. Si tratta, piuttosto, di una “buona battaglia” e l’obiettivo è dichiarato: le fake news. Questi giorni segnano una svolta: sia la Commissione europea che l’Europarlamento di Strasburgo tra ieri e oggi avviano infatti, in contemporanea, iniziative esplicitamente indirizzate a contrastare bugie e mezze verità (o semplicemente notizie incomplete o distorte) relative al processo di integrazione europea; perché “le false informazioni” in ambito politico “minacciano la stessa democrazia”, come ha spiegato la commissaria Mariya Gabriel, responsabile delle società digitali.

Parte il progetto della Commissione. Da parte della Commissione Ue ha preso il largo il progetto annunciato prima di Natale: la costituzione di un “gruppo di esperti di alto livello” per analizzare ogni aspetto (informativo, culturale, sociale, economico, penale) delle fake news, accompagnata da una consultazione pubblica on line (in corso fino al 23 febbraio) e da un sondaggio di Eurobarometro a marzo. Per la prossima primavera, probabilmente in aprile, la Commissione renderà infine noto un proprio documento che farà il punto sull’intero fenomeno delle “bufale”, per poi eventualmente proporre interventi legislativi oppure azioni e programmi per contrastare, soprattutto sul terreno della cultura e dei media, le false informazioni.Il gruppo di quaranta componenti che hanno iniziato a lavorare ieri, 15 gennaio, a Bruxelles comprende esperti di ogni provenienza geografica e attivi in vari settori: università, media tradizionali, reti sociali, società civile, mondo economico. Questa task force è chiamata a “definire innanzitutto che cosa rientri sotto la definizione” di fake news per “identificare e fornire opzioni” per contrastarne gli effetti negativi.

Ritmo inquietante. La commissaria Mariya Gabriel ha illustrato l’iniziativa accanto a Madeleine de Cock Buning, presidente del gruppo di esperti e docente dell’Università di Utrecht, specializzata in proprietà intellettuale. Le “fake news si propagano oggi a un ritmo inquietante, minacciano la reputazione dei media, lo stato della democrazia e i valori democratici”, ha affermato Gabriel. Senza voler “costringere i cittadini a credere o meno all’informazione”, senza voler “limitare i diritti dei media e della comunicazione”, si tratta a suo avviso di lavorare per “favorire la trasparenza, la diversità e la credibilità delle fonti di informazione”. Il gruppo lavorerà per elaborare “opzioni per la Commissione ed elementi di riflessione su tutte le questioni legate alla diffusione delle false informazioni nei media tradizionali e sociali e sul modo per affrontarne le conseguenze politiche e sociali”. I risultati saranno integrati con il sondaggio di Eurobarometro e con gli esiti della consultazione pubblica (disponibile nelle diverse lingue Ue: clicca qui).

Possibile influenza sulle elezioni. La questione delle fake news si è imposta progressivamente negli ultimi anni in parallelo alla crescita dei social. Chiunque infatti può mettere in rete ciò che pensa, ritiene vero e giusto, oppure semplicemente ciò che in quel momento ha voglia di rendere pubblico. Non sempre gli intenti sono però benevoli. E infatti l’attenzione delle istituzioni politiche, nazionali ed europee, si è accresciuta a partire dalla propaganda dell’Isis (radicalizzazione, terrorismo…), dalle ultime elezioni americane (intervento russo a favore di Trump?) e da altri episodi, o ipotesi, di simile gravità. Ulteriori considerazioni riguardano il fatto che

le fake news tendono a modificare i comportamenti anche in sede locale

(ad esempio elezioni delle amministrazioni municipali o regionali), in campo economico o sociale (il caso della propagazione di razzismo e xenofobia). Così si è insistentemente parlato di fake news per il Brexit, per il recente referendum in Catalogna o a proposito delle prossime elezioni italiane del 4 marzo. Madeleine de Cock Buning ha affermato: “La nostra preoccupazione riguarda l’argomento in generale, e quello delle campagne elettorali in Europa sarà sicuramente un aspetto di cui ci occuperemo”. Ma “non ci concentreremo su una situazione specifica, cercheremo piuttosto di affrontare il fenomeno in modo multi-dimensionale, cercando di essere al tempo stesso concreti”.

Nuova unità al Parlamento europeo. Sempre ieri, 15 gennaio, nella sede dell’Europarlamento a Strasburgo, il direttore generale della comunicazione, Jaume Duch, ha annunciato la costituzione di una specifica unità che si occuperà di mettere in rilievo, confutare e contrastare le fake news che riguardano l’Assemblea. Il nome del nuovo ufficio è “Spokespersons and rebuttal unit” alla cui testa è stata posta Marjory Van Den Broeke, che vanta una lunga esperienza nel settore dei media al Parlamento Ue. L’unità sarà lo strumento più importante “per rispondere alle domande dei media non direttamente connesse al lavoro legislativo del Parlamento europeo e per replicare a false o errate informazioni a proposito del Parlamento, dalla prevenzione al rilevamento alla reazione”.

CdE, “alfabetizzazione digitale”. Dal canto suo anche il Consiglio d’Europa (altra istituzione europea con sede a Strasburgo, ma che non ha a che vedere con l’Ue e comprende 47 Stati del continente) si sta occupando del problema con le stesse preoccupazioni espresse in sede di Ue. Il CdE sta elaborando una serie di tesi in tale ambito e in occasione del Forum per la Governance di Internet (Ginevra, 17-21 dicembre a Ginevra), promosso dalle Nazioni Unite, ha portato il suo contributo, concentrandosi sugli “effetti della digitalizzazione dell’informazione sulla politica, la fiducia del pubblico e la democrazia”, e sottolineando “l’importanza di un’alfabetizzazione digitale durevole nel tempo per contrastarne gli effetti negativi”.

Categories: Notizie

Pages