Agenzia SIR

Subscribe to Agenzia SIR feed
Servizio Informazione Religiosa
Updated: 59 min 47 sec ago

Syria: the challenge faced by the Christian population of Maaloula, where there’s no more time to look back

Tue, 18/06/2019 - 09:28

A twin town, with its red hued rocks, those of the Qalamun Mountains, camouflaged amidst its colours. The landscape unfolds slowly on the uphill road at 1500 Mt altitude. Holes and craters oblige us to proceed in a sort of gymkhana raising clouds of dust at every driving manoeuvre. The town is located 60 km from Damascus and not far from the Lebanese border. Maaloula is a Christian stronghold in Syria where Aramaic, the language of Jesus Christ, is still spoken today. It was proclaimed a UNESCO World Heritage Sites, inhabited by a few thousand Christians who watch over its churches and monasteries, like the Greek Orthodox church devoted to St Thecla, a disciple of St. Paul, and the 6th century Mar Sarkis Melkite church of Saints Sergius and Bacchus. A narrow pass created throughout the centuries by the wind and the rain connects the two shrines. According to the legend this is where Saint Thecla was sheltered from her persecutors. Before the war Maaloula was a pilgrimage destination for many pilgrims arriving from all over the world. Every year they would travel to these mountains to pray in one of the birthplaces of Syrian Christianity.

Open wounds. Today Maaloula is a village that still bears the scars of the war, deep wounds inflicted on the local community, disfigured like its churches, its icons, its paintings, its statues. This was where a nine-month battle was fought, from September 2013 to May 2014.

Father Toufic Eid, Melkite priest of St.George’s church, shared his recollections of those tragic days from the height of the mount overlooking the village, adjacent to the monastery of Saints Sergius and Bacchus, where he recites Our Father prayer in Aramaic:

“Maaloula reflected Syrian coexistence – the priest recalls indicating the village and its ruins -. They wanted to destroy it to send out a strong signal. Militarily and strategically Maaloula was of no particular importance. They attacked a symbol of Christianity, a place whose inhabitants still speak Aramaic, the language of Jesus.”

When Maaloula fell into jihadists’s hands the news hit the headlines worldwide. The militiamen of Al-Qaeda linked to the Jabhat al Nusra front (now Hay’at Tahrir al-Sham, ed.’s note), conquered the town and used it as a military base. At the beginning Free Syrian Army opposition members battled on their side, having been credited as defenders of the local Christian population. “They controlled the town from above – the priest said – the terrorists had captured the Safir Hotel and used it as their headquarters. They went so far as to destroy a statue of the Holy Virgin, Lady of Peace, erected by local Christians to protect their village.” The hotel no longer exists, all that remains is a rusting carousel damaged by the bombs.

It was the beginning of devastation. “Since then – added the parish priest – everything was devastated: houses, churches, along with desecrations, fires, pillaging, summary executions. The nuns of St. Thecla were held hostage for about four months. The same fate was suffered by six young Christians, five of whom were later found dead, while we have no more news of the sixth. They were not the only martyrs of Maaloula.” The priest’s recollections don’t stop there as he recalls “the terrorists’ fury lashed against the sacred images.”

They damaged all the sacred icons, they were afraid of looking at them.  

They damaged the depictions of the saints, the image of Christ, they destroyed the statues. They wrecked the altars, the iconostasis, the baptismal font.” “But what most impressed me was the burning of the baptism records. It’s as if they wanted to erase our faith. But they failed, for we are still here”, Father Toufic proudly affirmed. Not far away lie the remains of a statue of St. George situated in the courtyard of the homonymous church where a statue of St. Rita da Cascia, “restored by one of our youths who sadly died in the war,” was recently reinstalled. A group of children arrive despite the unexpected rainfall and start playing in the courtyard. The priest looks at them with a smile: “they are a sign of life we must preserve. They are the future of Maaloula.” His laborious efforts to recover from the devastation of the war are also motivated by their presence.

Today, five years after its reconquest by the Syrian army, Maaloula is an almost empty town: “its inhabitants have fled and have not yet returned. The houses must rapidly be rebuilt.

Today the Christian community counts some 800 people – the priest said –, a very small number compared to over 3000 faithful a few years ago.. We have restored the church and 190 houses were rebuilt thanks to the Italian Catholic Church. 130 buildings are yet to be reconstructed, amounting to a total expenditure of one million dollars. We are making a new start thanks to the help of so many benefactors around the world.

Our priority is to give a home to those left without their own and enable them to move forward in their lives. This year I celebrated only one marriage, none in 2018. Baptisms can be counted on the fingers of one hand. Life here is a big challenge, hope is a challenge. The rebuilding of houses is encouraging the resumption of work.” One such example “is a small restaurant that has recently reopened.” It’s good viaticum for some pilgrims “who are slowly returning to these now pacified areas. Last March – Father Toufic said – six visitors from Western Countries arrived. They were welcomed by some families who offered them a bed and food for a few dollars. It had also happened in the past, but the outbreak of the war prevented the continuation of this reception service. We hope to resume it.”

 

The same hope is shared by Archimandrite Matta Reza, prior of St Thecla Orthodox Christian convent. The months during which they were held hostage of the Jihadis did not erase the smile from the faces of these nuns, who continue their mission in the monastery “cleaned of the bloodstains from the battle, restored and finally accessible.” “They left the past behind to cultivate peace in their hearts and help people overcome. They look ahead in spite of everything”, said the priest, quoting from the Gospel of Luke, “No man, having put his hand to the plough, and looking back, is fit for the kingdom of God.” In Maaloula there is no time to look back. “Despite all the devastation

the Holy Light showed us the way. The gates of hell remained closed.

We encourage the families, the living stones of this land, to remain steadfast in the faith” reiterated Archimandrite Reza. He takes a pause before saying what you wouldn’t expect:

“there are good people even among the Jihadi fighters. Goodness is everywhere.”  

“Our Christians fleeing Maaloula were saved by Muslims living in bordering towns. Rebuilding is possible, we have already begun. We are sons and daughters of life and whoever believes in life can make it. Every good word, every gesture of peace contains a germ of God.” It’s almost sunset when, as we leave Maaloula headed towards Hams, we feel the need to extend a last gaze to the highest peak, to the mount where the Statue of Mary , Lady of peace, was returned to its place. It was brought back by Muslims and Christians together. Maaloula is now in good hands.

Categories: Notizie

Siria: la sfida dei cristiani di Maaloula, dove non c’è tempo di guardare al passato

Tue, 18/06/2019 - 09:28

Un villaggio gemellato con le sue rocce rossastre, quelle del massiccio al Qalamoun, mimetizzato come se ne avesse rubato i colori. Ti si apre davanti man mano che la strada sale fino a toccare i 1500 metri di altezza. Buche e crateri disseminati ovunque ti obbligano a una sorta di gimkana con la polvere che si alza ad ogni manovra di guida. Damasco è lontana solo 60 km, il confine con il Libano anche meno. È Maaloula roccaforte cristiana della Siria dove si parla ancora l’aramaico, la lingua di Gesù Cristo. Uno dei patrimoni dell’umanità dell’Unesco, abitato da poche migliaia di cristiani che vegliano sulle sue chiese e monasteri come quello greco ortodosso di santa Tecla, discepola di san Paolo, e quello melkita del VI secolo Mar Sarkis, dei santi Sergio e Bacco. I due santuari rupestri sono uniti da una gola scavata nel corso di millenni da pioggia e vento. È qui, secondo la leggenda, che Santa Tecla avrebbe trovato rifugio dai suoi persecutori. Prima della guerra Maaloula era una meta di tanti pellegrini che da ogni parte del mondo ogni anno venivano a pregare tra queste montagne, in una delle culle del cristianesimo siriano.

Ferite ancora aperte. Oggi Maaloula è un villaggio che porta ancora addosso, chiari, i segni della guerra, ferite profonde inferte contro la comunità locale, sfregiata come le sue chiese, le sue icone, i suoi quadri, le sue statue. Qui si è combattuto per circa nove mesi, da settembre del 2013 a maggio del 2014. A ricordare quei lunghi giorni è padre Toufic Eid, parroco melkita della chiesa di san Giorgio. E lo fa dall’alto della grande roccia che sovrasta il villaggio, a ridosso del monastero dei santi Sergio e Bacco, dove non manca di pregare il Padre Nostro in aramaico:

“Maaloula era lo specchio della convivenza siriana – ricorda il sacerdote indicando il villaggio e le sue macerie -. Lo hanno voluto mandare in frantumi per dare un segnale forte. Militarmente e strategicamente Maaloula non aveva particolare importanza. Ma hanno attaccato un simbolo della cristianità, il luogo dove gli abitanti parlano ancora l’aramaico, la lingua di Gesù”.

La notizia della caduta di Maaloula in mano ai jihadisti fece il giro del mondo. Il villaggio fu conquistato e preso come base militare dai miliziani dell’allora Jabhat al Nusra (oggi Hay’at Tahrir al-Sham, ndr.), vicini ad Al Qaeda. Con loro, all’inizio, anche membri dell’opposizione armata del Free Syrian Army, che si erano accreditati come difensori dei cristiani locali. “Controllavano il villaggio dall’alto – spiega il sacerdote –. I terroristi, infatti, avevano occupato l’hotel al-Safir, divenuto il loro quartier generale arrivando a distruggere anche una statua della Vergine Maria, Signora della Pace, messa dai cristiani locali a protezione del villaggio”. L’hotel non esiste più, delle stanze nessuna traccia, solo una giostra piegata dalle bombe, piena di ruggine.

Fu l’inizio della devastazione. “Da quel momento in poi – aggiunge il parroco – furono solo distruzioni di case e di chiese, profanazioni, incendi, saccheggi, esecuzioni sommarie. Le suore di santa Tecla furono prese in ostaggio per circa 4 mesi. Lo stesso destino toccò a 6 giovani cristiani, cinque dei quali ritrovati poi morti. Del sesto, invece, non ab

biamo più notizie. Non sono stati gli unici martiri di Maaloula”. Ma i ricordi del sacerdote non si fermano qui. Emerge anche un particolare “l’accanimento dei terroristi verso le immagini sacre.

Le icone sono state tutte sfregi

ate, avevano paura di guardarle.

Hanno sfregiato i volti dei santi, del Cristo, mandato in frantumi le statue. Hanno fatto a pezzi gli altari, le iconostasi, il fonte battesimale”. “Ma la cosa che mi ha colpito di più è stato il rogo dei registri dei battesimi. È come se avessero voluto azzerare la nostra fede, ma non ci sono riusciti, perché siamo ancora qui” afferma con orgoglio padre Toufic. Poco distanti i resti di una statua di san Giorgio posta nel cortile della chiesa omonima dove da poco è stata rimessa una statua di santa Rita da Cascia, “restaurata da uno dei nostri giovani purtroppo morto in guerra”. Arrivano dei bambini che sfidando una pioggia inattesa si mettono a giocare nel piazzale. Il parroco li guarda e sorride: “sono un segno di vita da preservare. Il futuro di Maaloula passa per loro”. È anche per questi piccoli che si danna l’anima per riparare i danni della guerra.

Cinque anni dopo essere stata ripresa dall’esercito regolare siriano, Maaloula oggi si presenta quasi disabitata: “la popolazione è fuggita e ancora non ha fatto ritorno. Le case hanno bisogno di essere rimesse in piedi velocemente.

La comunità cristiana – dice il parroco – è composta adesso da circa 800 persone, poche rispetto alle oltre 3mila di qualche anno fa. Abbiamo restaurato la chiesa e, grazie anche alla Chiesa cattolica italiana, rimesso in piedi 190 abitazioni. All’appello ne mancano ancora 130, per una spesa totale di un milione di dollari. Stiamo ricominciando da zero grazie all’aiuto di tanti benefattori sparsi nel mondo.

La priorità è dare un tetto a chi non ce l’ha più e trovare il modo di continuare a vivere. Quest’anno ho celebrato solo un matrimonio, nessuno nel 2018. I battesimi si contano sulla dita di una mano. La vita qui è una grande sfida, sperare è una sfida. La ricostruzione

delle abitazioni sta favorendo la ripresa del lavoro”. Ne è un esempio “un piccolo ristorante che ha riaperto i battenti da poco”. Un buon viatico per qualche pellegrino “che timidamente si sta riaffacciando da queste zone ora pacificate. Lo scorso marzo – rivela padre Toufic – sono arrivati qui sei occidentali. Sono stati accolti da alcune famiglie che per pochi dollari hanno offerto loro un letto e del cibo. Era accaduto anche in passato ma poi la guerra ha impedito di proseguire nell’accoglienza. Ma speriamo di riprendere”.

Una speranza condivisa con l’archimandrita Matta Reza, priore della comunità delle suore ortodosse

di Santa Tecla. I mesi passati nelle mani dei jihadisti che le avevano prese in ostaggio non hanno tolto il sorriso alle religiose che continuano la loro missione nel monastero “ripulito dal sangue dei combattenti, rimesso in piedi e reso di nuovo agibile”. “Si sono lasciate il passato alle spalle per avere pace nel cuore e per aiutare la gente a superare il momento. Guardano avanti nonostante tutto” afferma il priore che non esita a citare il passo evangelico di Luca, “Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio”. Non c’è tempo a Maaloula per guardare indietro. “Nonostante tutta la distruzione

la luce del Sepolcro ci ha illuminato. Le porte degli inferi non si sono aperte.

Per questo incoraggiamo le famiglie, le pietre vive di questa terra, a restare saldi nella fede” ribadisce l’archimandrita Reza. Un attimo di pausa prima di riprendere il discorso per dire quello che non ti aspetti:

“anche tra i jihadisti vi era gente buona, il bene è dappertutto”.

“I nostri cristiani in fuga da Maaloula sono stati salvati dai musulmani dei villaggi confinanti. Ricostruire è possibile, lo stiamo già facendo. Siamo figli della vita e chi crede nella vita può farlo. Ogni parola buona, ogni gesto di pace contiene un germe di Dio”. È quasi sera quando, uscendo da Maaloula in direzione Homs, sale il desiderio di lanciare un ultimo sguardo alla cima più alta, a quella roccia dove è tornata la statua di Maria, Signora della pace. A riportarla lassù sono stati cristiani e musulmani, insieme. Maaloula è tornata in buone mani.

Categories: Notizie

Forum associazioni sociosanitarie. Bova (presidente): “Insieme per combattere la cultura dello scarto”

Tue, 18/06/2019 - 07:46

“Sentiamo il dovere di rendere sempre più incisiva la nostra azione di promozione e di tutela della vita e della salute, specialmente nelle persone più fragili, con azioni di approfondimento culturale sui vari argomenti di nostro interesse, con azioni di testimonianza e di diffusione culturale dei  nostri  valori e con azioni di confronto con le istituzioni”. Per presentare questi obiettivi il Forum delle associazioni sociosanitarie, che si è costituito il 17 settembre 2018 con la firma dello statuto – una prima esperienza era stata avviata una ventina di anni fa -, ha organizzato, lunedì 17 giugno, a Roma, un incontro con la stampa. A settembre scorso hanno aderito al Forum cinque associazioni di carattere nazionale: Associazione italiana pastorale sanitaria (Aipas), Associazione italiana psicologi e psichiatri cattolici (Aippc), Associazione medici cattolici italiani (Amci), Movimento per la vita (Mpv), Unione cattolica farmacisti italiani  (Ucfi). In occasione dell’incontro del 17 giugno sono stati ufficializzati tre nuovi ingressi: il Movimento cristiano lavoratori, l’Associazione  Difendere la  Vita  con Maria e l’Aris. Tra i temi trattati,

deriva  eutanasica, aborto, salute diseguale, umanizzazione della  medicina.

“Lavorare insieme ci dà più forza”, sostiene il presidente del Forum, Aldo Bova, che è medico ortopedico. Gli sta particolarmente a cuore il problema della salute diseguale: “Da diversi studi è emerso che i più poveri e incolti hanno una salute più precaria rispetto ai più ricchi e colti. Tra queste categorie di persone c’è una differenza di aspettativa di vita di cinque anni, gap che aumenta ulteriormente tra Nord e Sud Italia. È un fatto vergognoso”. Il medico cita anche uno studio dell’Istituto Pascale di Napoli: “Su 3.200 pazienti trattati con la chemioterapia, il 25-30% circa dei più poveri e incolti non risponde alle cure. Adesso è stato avviato uno studio più approfondito per comprenderne la causa”. Di fronte a questa situazione, aggravata  dai ventilati tagli dei fondi a sostegno del Servizio sanitario nazionale, il Forum sociosanitario proporrà che “il Ssn organizzi delle reti territoriali”. Inoltre, a livello di diocesi “vogliamo attivare in ogni parrocchia, con la collaborazione della Pastorale della salute, delle Caritas e dell’Azione cattolica, una sentinella per individuare le persone più fragili, bisognose di prestazioni sanitarie”. Non solo: “I più ricchi devono pagare di più, deve esserci una gradualità nel pagamento delle prestazioni sanitarie”. Contro la lungaggine delle liste di attesa, che spingono i malati a rivolgersi al privato, il presidente del Forum suggerisce di fare verifiche continue della loro correttezza, assumere più medici, aumentare le borse di specializzazione, tutelare i medici dalle cause temerarie. Bova annuncia anche un convegno, ad Assisi, a fine ottobre sul tema “Salute diseguale: agiamo sulla scia di San Francesco di Assisi”.

L’incontro ha offerto anche l’occasione per il lancio ufficiale di un’iniziativa promossa dal Movimento per la vita e condivisa dal Forum: “Cuore a cuore”. “Si tratta – spiega Marina Casini, presidente del Mpv e vicepresidente del Forum sociosanitario – di un appello alle donne, coinvolgendone quante più possibile, disposte a dichiarare che il concepito è un essere umano”. Questa iniziativa, prosegue, “affonda le radici nella nostra lunga e consolidata esperienza a servizio della vita nascente, ma, nello stesso tempo, vorrebbe essere l’occasione per realizzare una nuova mobilitazione generale che promuova e consolidi la collaborazione con altre realtà associative”. Per Casini,

“le donne, in maggioranza, sono dalla parte della vita”.

Al momento è stata attivata una mail dedicata cuoreacuore.mpv@gmail.com, a cui è possibile scrivere per aderire all’appello. “L’adesione – precisa Casini – è in forma libera. È sufficiente, per esempio, scrivere: ‘Aderisco all’appello alle donne e dichiaro che il concepito è un essere umano’, oppure ‘Condivido l’iniziativa e dichiaro che il concepito è un figlio’. Molto semplice!”. Gli obiettivi di “Cuore a cuore” sono “dimostrare che la maggioranza delle donne è favorevole al diritto alla vita dei figli concepiti e domandare ai pubblici poteri, a ogni livello, che la società tutta intera, con le sue forze intellettuali e con le strutture politiche, sociali e assistenziali, si ponga senza equivoci dalla parte della vita”. Ciò concretamente significa “riconoscere legislativamente che il concepito è uno di noi, riformare la disciplina dei consultori familiari, potenziare concrete forme di solidarietà a livello istituzionale e associativo nei riguardi delle donne in gravidanza”.

Ampio spazio è stato dato, durante l’incontro, al fine vita, alla legge 219 del 2017 sulle dat e alle proposte di legge sull’eutanasia, attraverso l’intervento della psicologa e psicoterapeuta Barbara Costantini dell’Aipp, che ha messo in guardia dai rischi che corrono i più deboli e fragili e, in particolare, coloro che soffrono un disagio mentale. “In Europa una persona su quattro soffre di disturbi mentali, che comprendono malattie psichiatriche e neurologiche. In Italia una legge sull’eutanasia renderà, nel tempo, quello che oggi viene presentato come un diritto una scelta obbligata, per liberare se stessi e gli altri dalla sofferenza”. Anche perché esiste una legge sulle cure palliative, la n. 38 del 2010, ma è difficile accedervi. Per Bova, “la legge sull’eutanasia automaticamente si annulla se c’è un buon rapporto medico-paziente. Se c’è vicinanza ai sofferenti è difficile che la persona scelga di morire.

L’amore è la vera e unica risposta alla sofferenza”.

Rispetto, poi, alla questione dell’obiezione di coscienza che manca nelle proposte di legge sull’eutanasia, Bova è categorico:

“Noi medici cattolici, a costo di andare in galera, ci rifiuteremo di eseguire un’eutanasia”.

 

Categories: Notizie

Fra buonisti e smemorati

Tue, 18/06/2019 - 00:00

È impressionante quando si tratti di stranieri, immigrati o profughi che siano, come la politica dei tweet (che permette solo affermazioni o negazioni, senza disponibilità di spiegazione) la faccia ormai da padrone. Quando ti fermi a discutere con una persona, anche in parte acculturata, ormai non riesci ad andare oltre ad un colloquio fatto di verità certe, ma non motivate, e se cerchi un approfondimento ti trovi davanti a nuovi slogan. Eppure occorrerà iniziare a fare un po’ di controinformazione perché si smetta di dire che chi cerca regole certe e democratiche e magari qualche corretta scelta politica sulla gestione del fenomeno (come chiedono gli stessi industriali, che non hanno nomea di essere cattocomunisti) sono i soliti “buonisti”, a cominciare dal Papa (sic!).
Vediamo alcune affermazioni, che ci vogliono ficcato in testa. “Gli immigrati portano via soldi agli italiani. Non possiamo mica mantenerli. Ci costano troppo”. Pesco da uno studio del sociologo Primo Silvestri (dati fonte Fondazione Leone Moressa): “Gli immigrati regolarmente residenti in Italia versano nelle casse pubbliche: 3 miliardi di Irpef; 3,5 miliardi di imposte consumi; 11,5 miliardi di contributi Inps; 940 milioni di imposte carburante; 240 milioni da lotterie; 340 milioni per rinnovo dei permessi di soggiorno; per un totale di 18,7 miliardi di euro. L’Italia spende per gli immigrati: 4 miliardi in sanità; 3 miliardi per l’istruzione; 2,7 miliardi per la sicurezza; 2 miliardi per la giustizia e aggiungendo servizi sociali, casa e altro si arriva a 16,6 miliardi. Il saldo entrate-uscite è dunque positivo di 2,1 miliardi di euro”.
Altra affermazione, tra l’altro molto bella, ma bugiarda: “Aiutiamoli a casa loro”. Premesso che l’Italia non ha mai raggiunto l’obiettivo stabilito nel 2000 di dedicare all’Aps (Aiuto pubblico allo sviluppo) lo 0,7% del Pil, negli ultimi anni le risorse erano comunque cresciute dallo 0,17% del 2013 allo 0,29% del 2017. Aps che però scenderà allo 0,26% nel 2020 e 2021 (nella legge di bilancio di chi propone di aiutarli a casa loro).
L’ultima: “L’Europa non collabora nella ripartizione dei migranti ”. Il trattato di Dublino tutt’ora in vigore, obbliga gli Stati di approdo a farsi carico dei migranti. Fu ratificato nel 2003, quando era in carico il governo Berlusconi, con il voto favorevole della Lega. Il Parlamento europeo (si, quello dei “burocrati”) aveva proposto la riforma di questo (assurdo) accordo. Secondo la proposta i migranti sarebbero stati sbarcati subito e ripartiti automaticamente tra i vari Paesi Ue. I Paesi non disposti ad accoglierli avrebbero visto ridotti i fondi accordati. Ma nella votazione sulla riforma, il 16 novembre 2107, la Lega, che non aveva partecipato a nessuna delle 22 riunioni di negoziazione (durata 2 anni), si astenne, mentre il M5S votò contro.
Già, la colpa è proprio tutta dei cattolici buonisti!

(*) direttore “Il Ponte” (Rimini)

Categories: Notizie

La teologia “del contesto” di Papa Francesco

Tue, 18/06/2019 - 00:00

Se la teologia di Papa Francesco può essere detta “dal basso”, tendenzialmente (pop)olare, allora diventa carico di attese l’appuntamento di venerdì 21 giugno a Napoli.
Il Santo Padre trascorrerà una intera mattinata nella Pontificia Facoltà Meridionale, per partecipare ad un Convegno organizzato dai suoi confratelli gesuiti che si occupano di formazione teologica al Sud. Una teologia dal basso, che non è affatto una teologia minore quella alla quale Francesco richiama la Chiesa e i presidii culturali; è piuttosto una indicazione di sentieri da imboccare, percorsi da scegliere, per mettersi nuovamente in ascolto, per cogliere il mistero della santità della porta accanto, ad esempio, riscoprire ed eventualmente purificare la pietà popolare, avere il coraggio di parlare di famiglia come cenacolo di vita e di vocazione, di carità e di dialogo che rifondano una intera civiltà. La teologia dal basso, senza per questo voler candidare ad analisti del pensiero del pontefice, non può e non deve essere annuncio privo di contenuti, ma contemplazione mediata da nuovi o semplici linguaggi che fanno riflettere, che fanno discutere. È una teologia fatta di segni e di gesti, fatta di scelte etiche, a volte impopolari, come quella che richiama la porta del cuore aperta al migrante o al povero ma che caratterizza una civiltà ed interpella la Chiesa. E così che la teologia si rimette in ginocchio, fa incontrare testa e piedi (per parafrasare don Tonino Bello), pensiero e vita, verità e carità, dove il cuore diventa il ponte. È la “teologia del contesto” luogo di ricerca per dire ancora “Dio oggi” nel “qui della storia”. Questo incontro è un sasso nello stagno del Mare Nostrum affinché che torni ad essere “luogo di civiltà” e di speranza e non immobile teatro di scontro o cimitero di vite. Si parlerà di migrazioni, interculturalità, dialogo, ma dalla prospettiva della ricerca religiosa, rigorosa e scientifica, che non stacca la spina del cervello e non interrompe il battito del cuore. Forse proprio così si può fare ancora teologia oggi, quella teologia che “serve”.

(*) direttore “Parola di Vita” (Cosenza-Bisignano)

Categories: Notizie

Un vescovo tra i giovani manifestanti di Hong Kong: “Non smettete di sognare. Andate avanti”

Mon, 17/06/2019 - 15:45

“Ai giovani cattolici vorrei dire, noi avremo sempre speranza perché la nostra speranza non è nelle mani del governo. E’ in Dio. Ma possiamo mettere in atto tutti i nostri sforzi per risvegliare le coscienze delle persone che sono nel governo. Le nostre preghiere sono potenti perché potente è la voce di Dio che parla nelle coscienze degli uomini. Non smettete di sognare. Andate avanti”. È il vescovo ausiliare di Hong Kong, mons. Ha Chi Shing Joseph a parlare. È stato tutta la notte – dalle 4 del pomeriggio di ieri fino alle due di questa mattina – a fianco dei giovani cattolici che hanno manifestato anche ieri per il ritiro definitivo della legge sulla estradizione. Due milioni di persone sono scese anche ieri invadendo 3 strade parallele. Una marea umana tra cui emergevano moltissimi giovani. Dopo la marcia, i ragazzi cattolici insieme ai loro coetanei delle Chiese protestanti si sono riuniti in una zona protetta di Hong Kong (cioè autorizzata dal governo), ed hanno vegliato tutta la notte in preghiera e condivisione di idee. Con loro sono restati anche un sessantina di preti della diocesi e il vescovo ausiliare mons. Ha. “La scorsa settimana – ci spiega il vescovo – ci sono stati scontri tra la polizia e i manifestanti e molti giovani sono stati colpiti. Per questo ho chiesto ad un gruppo di giovani preti di rimanere in piazza e pregare insieme ai giovani delle chiese protestanti. La preghiera è un mezzo potente. Ma soprattutto volevamo essere una presenza di pacificazione tra la rabbia e le emozioni e dare questa testimonianza di pace alla società”.  Due gli slogan che ieri alla manifestazione si potevano vedere. Il primo chiedeva la cancellazione della legge sull’estradizione e il secondo le dimissioni del capo del governo, Carrie Lam. “I giovani – spiega mons. Ha – chiedono al governo che la legge sull’estradizioni sia cancellata e non sospesa. Sentono che il governo non sta gestendo la situazione nel modo in cui speravano. Non risponde abbastanza alle loro richieste e per questo stanno chiedendo le dimissioni del capo dell’esecutivo”.

Giovani, famiglie con bambini, persone anziane. Erano tantissimi anche ieri. Ma cosa spinge i giovani a manifestare? “Sono preoccupati”, risponde il vescovo ausiliare che in questi giorni di protesta è stato a fianco dei manifestanti ed ha celebrato messe tutte le sere nella parrocchia cattolica più vicina al luogo delle manifestazioni. “Questa legge prevede che ipotetici criminali siano estradati in Cina ma i giovani pensano che questa legge rappresenti un pericolo, un campanello di allerta sul rischioso cammino verso la perdita della loro libertà. Sentono che in questo modo il loro futuro non è sicuro.

Senza libertà e democrazia non vedono futuro. Ecco perché sono scesi in strada: per manifestare questa preoccupazione e questa profonda insoddisfazione”.

“La mia speranza sono i giovani”, conclude il vescovo ausiliare. Qualcosa si sta muovendo. E’ di stamattina la notizia che Joshua Wong, uno degli studenti leader del “movimento degli ombrelli” che per 79 giorni bloccò nel 2014 il centro di Kong Kong con una protesta pro-democrazia, è stato scarcerato dopo aver scontato la condanna a due mesi di reclusione inflittagli per il ruolo avuto nelle manifestazioni. “Sono i giovani che hanno manifestato in questi giorni in Hong Kong”, prosegue Ho. “Ho molto apprezzato il loro coraggio, quello che hanno fatto, e li ho incoraggiati ad andare avanti, a credere e lottare per i loro sogni, il loro futuro.  Vorrei chiedere loro di persistere, perché la battaglia non è finita, è lunga. Devono avere chiaro ciò che vogliono e rivolgere al governo le nostre richieste e chiedere di essere ascoltati”.

Categories: Notizie

Migranti, il parroco di Lampedusa: “Aprite i porti e gli aeroporti alle persone”

Mon, 17/06/2019 - 15:36

“Benvenuti nel porto salvo di Lampedusa”: così, con un post sui social, don Carmelo La Magra, parroco di San Gerlando, l’unica parrocchia di Lampedusa, ha voluto dare un saluto virtuale alle dieci persone – tre minori, tre donne, di cui due incinte, due accompagnatori e due uomini bisognosi di cure mediche – autorizzate a sbarcare dalla Sea Watch 3, da martedì scorso al largo delle acque territoriali italiane con 43 persone a bordo. In atto un divieto di sbarco firmato dal ministro dell’interno Matteo Salvini. Anche stavolta i volontari della parrocchia sono andati al molo Peverello per dare un conforto alle persone sbarcate. Perché a Lampedusa “gli sbarchi non si sono mai bloccati. Ora è solamente ripresa l’attenzione mediatica”, precisa al Sir don La Magra, che da tre anni condivide gioie e dolori della popolazione lampedusana e dei migranti.  Papa Francesco si informa in maniera costante di quanto accade sull’isola, luogo simbolico nel mondo, la Porta d’Europa. Lo fa tramite l’arcivescovo di Agrigento il cardinale Franco Montenegro, e i responsabili della Sezione Migranti & Rifugiati del Dicastero per il servizio allo sviluppo umano integrale, che diverse volte hanno visitato Lampedusa. Quando mesi fa la nave Mare Jonio era nelle acque di Lampedusa senza il permesso di sbarcare, anche don Carmelo, nella sua lunga talare nera, reggeva lo striscione “Aprite i porti”: “Manifestavamo il nostro desiderio che attraccasse e che non venissero lasciate tutte quelle persone in balia delle onde”.

In questi giorni i riflettori su Lampedusa si sono di nuovo accesi. Il decreto sicurezza bis chiude i porti con ancora maggiore forza alle pochissime Ong rimaste nel Mediterraneo. Mentre continuano, sotto silenzio, gli “sbarchi fantasma” di piccole imbarcazioni, di solito gommoni o barche di legno, che riescono ad arrivare da sole a ridosso delle acque italiane e poi vengono scortati fino a terra dalla guardia costiera o dalla guardia di finanza. Si parla di centinaia di persone.

“Gli sbarchi non sono mai finiti. Abbiamo sempre persone che arrivano direttamente”

racconta don La Magra – Sembra di essere tornati a prima del 2013, prima dell’operazione Mare Nostrum e della presenza delle navi delle Ong. E’  terribilmente pericoloso. Nei mesi scorsi, in inverno, arrivavano maggiormente dalla Tunisia. Ora stanno riprendendo gli arrivi dalla Libia”.

L’accoglienza allo sbarco e in parrocchia. Le persone vengono accolte per alcuni giorni nel centro di Contrada Imbriacola, che dopo vari incendi ha ancora lavori di manutenzione in corso. Ha ufficialmente a disposizione un centinaio di posti. “Chi arriva viene identificato al centro e poi entro due o tre giorni trasferito in Sicilia”, spiega il parroco, precisando che come Caritas preferiscono non operare all’interno “perché i migranti assimilano chi ci lavora a ciò che hanno vissuto nei centri in Libia”. Perciò i volontari incontrano i migranti “allo sbarco, per strada, in parrocchia, uno dei primi luoghi che visitano per trovare un punto di ristoro o utilizzare internet per contattare le famiglie. Ci chiedono un posto dove ripararsi dal freddo o dal caldo, la possibilità di andare al bagno, a volte abiti”. In questo periodo si tratta in maggioranza di africani sub-sahariani (Costa d’Avorio, Mali, Nigeria, Eritrea), libici, egiziani e tunisini.

“Allo sbarco li accogliamo con un gesto di accoglienza umana e di benvenuto: le coperte termiche, un thé caldo, l’acqua”.

“Siamo lì anche se arrivano nel cuore della notte, perché ci avverte la guardia costiera o ci passiamo la voce. A Lampedusa è facile sapere le cose”, scherza.

Da tre anni sull’isola. L’esperienza di questi tre anni nell’isola delle Pelagie è stata per don Carmelo l’occasione per “toccare con mano la sofferenza, per  condividere con tante persone, anche di altre religioni o non credenti”. Sulle navi delle Ong, osserva, “ci sono persone che lavorano e danno la vita per soccorrere altre persone. E’ gente che compie il bene, magari a modo suo”.

“Lampedusa è un posto in cui i diritti o sono per tutti o non sono per nessuno”.

“Vivendo qui – prosegue – ho compreso profondamente che non ha senso dire ‘prima gli italiani’ o ‘prima i migranti’. Ognuno deve cercare di far rispettare i propri diritti”. I lampedusani, che assistono in prima fila a quanto sta avvenendo nel Mediterraneo, in parte “assimilano la paura veicolata dai media”. “E’ un posto in cui chi vuole può fare diretta esperienza della realtà dei fatti – sottolinea don Carmelo -. Ma chi non vuole si lascia benissimo convincere da quello che vede in televisione”. Anche se oramai tribunali e procure hanno smentito tutte le accuse che ipotizzavano la collusione delle Ong con i trafficanti, osserva amaramente il parroco,

“è più facile condannare chi fa il bene che interrogarsi su quello che non si fa”.

Dopo la grande emergenza del 2011, durante la primavera araba tunisina che aveva portato a Lampedusa migliaia di persone costrette a vivere accampate nell’isola in condizioni disumane, non ci sono stati più periodi di gravi difficoltà. In questi anni la stagione turistica è ripresa a gonfie vele. Eppure i lampedusani, sia per la distanza geografica (sono più vicini alla Tunisia che all’Italia), sia perché vengono legati immediatamente al tema immigrazione, si sentono “dimenticati”: “Le istituzioni sono presenti solo per sventolare l’una o l’altra bandiera. Non c’è stata mai una presa di posizione a nostra favore. Solo la Chiesa è presente, con il cardinale Montenegro sempre a disposizione. E il Papa che si informa costantemente”.

I problemi della vita quotidiana dei lampedusani sono noti: costante militarizzazione dell’isola, scarsità di servizi sociali e sanitari. Solo da pochi giorni è stato riattivato il servizio di guardia medica specifico per i migranti. “Ma durante tutto l’inverno veniva mandato il medico del pronto soccorso a visitare le persone che sbarcavano – spiega -. Questo significa che mentre era allo sbarco non c’era un altro medico al pronto soccorso in caso di emergenza. E viceversa. Allora è normale che la gente poi dica ‘per colpa dei migranti…’. A volte sembra quasi ci sia la volontà di creare conflitti tra le persone”. Quello che chiedono i lampedusani è semplice:

“salvaguardare la cura delle persone, sia dei lampedusani, sia dei migranti. Maggiore attenzione a chi sbarca e a chi vive qui. Favorire i diritti di tutti, in modo che la gente non accusi l’altro per ciò che gli viene negato”.

Sulla chiusura dei porti il parroco di Lampedusa ha le idee chiare: “Aprire i porti alle persone, che li portino le Ong  o le navi militari. Ma soprattutto aprire gli aeroporti, consentendo cioè alle persone di venire in modo legale per non metterli in condizione di pericolo in mare”.

“Se vogliamo davvero combattere i trafficanti e salvare la vita delle persone allora apriamo gli aeroporti”.

“A volte sembra che tutti sappiano cosa andrebbe fatto ma fanno finta di non saperlo”, chiosa.

500 morti in mare da inizio 2019. Il cimitero dei “senza nome”. Intanto, senza la presenza delle Ong nel Mediterraneo, aumentano i morti in mare: oltre 500 dall’inizio dell’anno a fine maggio. Lampedusa ha un piccolo cimitero, che veniva curato con amore da un anziano custode ora andato in pensione. Lì sono sepolti i corpi dei migranti senza nome. Anche la parrocchia se ne occupa.  “Cerchiamo di fare delle ricerche per dare un nome a qualche tomba e restituire dignità a questi morti”. Una delle poche tombe che ora ha un nome con valore legale è quella di

Ester Ada, 18 anni, sepolta lì da dieci anni.

E’ stata trovata morta, insieme ad altre persone, a bordo di un mercantile conteso tra Malta e Italia, che nessuno voleva far  attraccare. Alcuni giornalisti riuscirono a salire sulla nave e a mostrare la tragedia e finalmente l’Italia concesse l’attracco a Lampedusa. Ester Ada venne sepolta nel cimitero dell’isola e il suo corpo identificato da un fratello.

Il post rivolto al ministro Salvini. Tempo fa il parroco di Lampedusa scrisse un post su Facebook rivolto al ministro dell’interno Matteo Salvini, che aveva appena sfoggiato un rosario e affidato l’Italia al cuore di Maria. Il suo post ebbe una certa eco sui media. Oggi rinnova il suo invito ricordandogli: “Affidarsi a Maria significa credere in una persona che non ha mai urlato, che ha amato, che ha uno sguardo verso i poveri”.

“Io a Maria ce lo affido, magari succede qualcosa…”

 

 

Categories: Notizie

Sinodo sull’Amazzonia: “Conversione integrale per la vita della Chiesa e del pianeta”

Mon, 17/06/2019 - 15:12

Un Sinodo che “ruota attorno alla vita”: “la vita del territorio amazzonico e dei suoi popoli, la vita della Chiesa, la vita del pianeta”. Così l’Instrumentum laboris, diffuso oggi, definisce l’Assemblea speciale del Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica – in programma dal 6 al 27 ottobre –  in cui sulla scorta della Laudato sì prende corpo il volto di “una delle zone più vulnerabili del pianeta”, dopo l’Artico, in relazione ai cambiamenti climatici che minacciano la sopravvivenza stessa dell’umanità. Il Rio delle Amazzoni è l’arteria di questo continente e del mondo, perché “tutto è connesso”, come si legge nell’enciclica di Papa Francesco: “Il fiume non ci separa, ci unisce, ci aiuta a vivere insieme tra culture e lingue diverse”.

Dai popoli amazzonici, dobbiamo imparare il “buon vivere”,

cioè la capacità di “ vivere in armonia con sé stessi, con la natura, con gli esseri umani e con l’essere supremo”, si legge nel testo, ma la vita in Amazzonia “è minacciata dalla distruzione e dallo sfruttamento ambientale, dalla sistematica violazione dei diritti umani fondamentali della popolazione”, in nome di “interessi economici e politici dei settori dominanti della società odierna, in particolare delle compagnie estrattive, spesso in connivenza, o con la permissività dei governi locali e nazionali e delle autorità tradizionali” degli stessi indigeni. Tra di loro, nell’immenso territorio che comprende 7 paesi e 9 circoscrizioni ecclesiastici, ci sono tra i 110 e 130 diversi Popoli Indigeni in Isolamento Volontario (Piav) o “popoli liberi”, che “vivono ai margini della società o in contatto sporadico con essa, in un profondo legame con la natura”, i più vulnerabili perché “resistono all’attuale modello di sviluppo economico predatore, genocida ed ecocida”.

“L’Amazzonia è tra le regioni con la maggiore mobilità interna e internazionale in America Latina”, si legge nell’Instrumentum laboris, in cui l’Amazzonia viene definita

“un corridoio migratorio”, con migrazioni che avvengono tra paesi amazzonici, come l’ondata crescente migrazione dal Venezuela, o verso altre regioni, come il Cile e l’Argentina.

Nella regione, “Tra il 70 e l’80% della popolazione risiede nella città”, e l’urbanizzazione “destabilizza” le famiglie, minacciate inoltre da “nuovi modelli familiari come conseguenza della crisi antropologica in atto”. Senza contare la corruzione delle “grandi aziende” e dei governi: una vera e propria “piaga morale”, di cui si macchiano spesso gli stessi abitanti, che può essere contrastata solo attraverso una “conversione integrale” a livello personale, sociale e strutturale.

“Colonialismo, mentalità economico-mercantilista, consumismo, utilitarismo, individualismo, tecnocrazia, cultura dello scarto”,

sono i “mali” presenti in Amazzonia, accanto a tanti germi di bene. Di qui la necessità di “smascherare le nuove forme di colonialismo; identificare le nuove ideologie che giustificano l’ecocidio amazzonico per analizzarle criticamente; denunciare le strutture di peccato che agiscono in territorio amazzonico; identificare le ragioni con cui giustifichiamo la nostra partecipazione alle strutture di peccato per analizzarle criticamente”.

“La Chiesa deve incarnarsi nelle culture amazzoniche che possiedono un alto senso di comunità, uguaglianza e solidarietà, per cui il clericalismo non è accettato nelle sue varie forme di manifestarsi”. È quanto si raccomanda nel quarto capitolo, dedicato all’organizzazione delle comunità ecclesiali, in cui si propone di “riconsiderare l’idea che l’esercizio della giurisdizione (potere di governo) deve essere collegato in tutti gli ambiti (sacramentale, giudiziario, amministrativo) e in modo permanente al Sacramento dell’Ordine”. Di qui la necessità di

creare “ministeri appropriati”, cioè “nuovi ministeri per rispondere in maniera efficace ai bisogni dei popoli amazzonici”.

“Promuovere vocazioni autoctone di uomini e donne in risposta ai bisogni di un’attenzione pastorale sacramentale”, la proposta del nuovo documento. “Affermando che il celibato è un dono per la Chiesa, si chiede che, per le zone più remote della regione, si studi la

possibilità di ordinazione sacerdotale di anziani, preferibilmente indigeni, rispettati e accettati dalla loro comunità, sebbene possano avere già una famiglia costituita e stabile,

al fine di assicurare i Sacramenti che accompagnano e sostengono la vita cristiana”, l’altra proposta in merito a quella che finora veniva definita la questione dei “viri probati”.

“Identificare il tipo di ministero ufficiale che può essere conferito alle donne, tenendo conto del ruolo centrale che esse svolgono oggi nella Chiesa amazzonica”, si propone infine nel documento, garantendo ad esse “la loro leadership, nonché spazi sempre più ampi e rilevanti nel campo della formazione: teologia, catechesi, liturgia e scuole di fede e di politica”, in modo che “anche che la voce delle donne sia ascoltata, che siano consultate e partecipino ai processi decisionali, e che possano così contribuire con la loro sensibilità alla sinodalità ecclesiale”.

Categories: Notizie

French bishops against sectarian drifts in Catholic communities. 1 300 reports in 5 months

Mon, 17/06/2019 - 10:24

After combating sexual abuse committed against children and vulnerable people inside the Church, the bishops of France broke another taboo that concerns  sectarian drifts unfortunately seen in Catholic communities, with serious consequences on the victims. Thus in 2016 they decided to create a “Unit” tasked with registering complaints, informing the competent authorities so they may take the appropriate measures under the law, ensuring support to the victims and help them regain control of their life, and most of all help them find the courage to report to the competent courts of justice.

The figures. From October 2018 to February 2019, the Unit – created by the French Bishops’ Conference – has processed 1300 reports: 245 by phone; 1,000 by e-mail; about twenty letters were sent by post and about ten complaints were personally filed. The reports show that “sectarian drifts” occur in new and old religious communities, in fundamentalist and traditionalist religious groups, in “recovery” and charismatic religious movements. The data are contained in a Dossier drawn up by the French Bishops’ Conference and presented at a press conference during which a documentary on spiritual abuse – co-produced by Catholic television network KTO and directed by Jean-Claude and Anne Duret – was also screened: a 56-minute journey into congregations and new religious communities, a reportage to investigate a phenomenon which has only recently emerged inside the Church, whose primary aim is

“to inform and raise public awareness on the possible risks connected with the quest for spirituality.”

The bishops’ reaction. “We firmly believe – said Msgr. Alain Planet, bishop of Carcassone and Narbonne, coordinator of the Unit – that the only answer to such evil is to combat is and we hope to give a contribution that may help carry out this battle in full transparency.” In November 2013, when some forty victims turned to me the bishops gathered in Lourdes, the President of the French Bishops’ Conference, Msgr. Georges Pontier, on behalf of the entire French episcopate, replied with a Letter: “We heard the cry of people who have suffered in the heart of the Church. Our thoughts go out to those who have been hurt – some of them permanently – by the conduct of some members of the Church. As president of our Episcopal Conference, I want you to know, on behalf of us all, that your stories and certain practices you denounced have upset us and shocked us… The letter continues: “Certain actions that you reported are prosecuted under criminal justice.

Nobody is above the law.”

The phenomenon. There are always a set of criteria underlying a sectarian drift inside a community. These criteria clearly indicate that this is no longer “an accidental and circumstantial dysfunction” existing inside a community, but “a veritable system enacted and upheld, consciously or, more often, unconsciously.” Sister Chantal-Marie Sorlin, former magistrate, currently serving as judge at the ecclesiastical court of Dijon, enumerated the “revelatory” signs.

The first revolves around the figure of the founder. An entire paragraph of the Dossier deals with the “cult” that frequently takes shape inside the groups. So it happens that the founder or superior somehow assumes the role of Christ: the members venerate him/her, put him/her on a pedestal and assure him/her obedience or utter submission. In the eyes of the followers the words of founder “are the words of the Gospel. His/her writings and teachings replace the Scriptures.” Woe betide whoever questions him/her: the members of these groups often make a “vow of unity” and criticism is seen as a threat to the fraternity covenant. The other criterion is the absolutization of the group. Everything that is “outside”  is considered “apathetic, infidel, modernist.” We are faced with a “parallel church” and whoever criticizes, does so because “he/she is considered incapable” of understanding the charism of the group. There ensues that the community must necessarily be autonomous also in the formation or accompaniment of its members.

Even in the presence of mental illnesses that require appropriate treatment, external psychologists are considered the devil. Sometimes there is an obligation to confess to only one member of the community. And while consecrated life implies leaving everything behind, in sectarian groups this separation turns into utter isolation: ties with family, friends, social network, even with studies and professional life, are severed.

No television, radio, press: all information platforms are shut off.

The Dossier also mentions the use of “internal phraseology” (marked by new terms and different meanings) and the “cult of suffering” (“if you are taking up the Cross it means you are on the right path.”)

What happens to those who leave? This is probably the saddest chapter of the Dossier. “In deviant communities, every departure is withheld from other members. Thus, no one will approach the ‘traitor’. And since in most cases the follower had severed all relations with all his previous acquaintances, he finds himself alone. “Naked like Job.” What are the physical and mental conditions of those leaving the community? “They are completely broken persons.”

“How many cases of depression, how many attempted suicides, how many suicides … The reason is that these people feel guilty and that they’re a total failure.”

“All of these drifts have recently been reported in some Catholic communities – the nun pointed out – and they resemble those found in other sectarian groups. This shows that the axis of evil does not separate us from the external realm, it does not separate our communities from the world outside, but it’s within us.” She added: “the presence of these drifts is all the more serious when it occurs where we expect to find authentic witnesses of God and the true fruits of holiness.”

Categories: Notizie

Vescovi francesi contro le derive settarie nelle comunità cattoliche. 1.300 segnalazioni in 5 mesi

Mon, 17/06/2019 - 10:24

Dopo la lotta contro gli abusi sessuali commessi nella Chiesa su minori e persone vulnerabili, i vescovi di Francia rompono un altro tabù: le derive settarie che si registrano purtroppo nelle comunità cattoliche con conseguenze pesanti sulle vittime. Hanno così istituito nel 2016 una “Cellula” con il compito di prendere in carico le segnalazioni, avvertire le autorità competenti perché agiscano secondo giustizia, accompagnare le vittime e aiutarle a trovare i mezzi per riprendere in mano la vita ma soprattutto per trovare il coraggio di andare presso i tribunali competenti.

I dati. Tra ottobre 2018 e febbraio 2019, la Cellula – istituita presso la Conferenza episcopale francese – ha trattato 1.300 segnalazioni: 245 per chiamata telefonica; 1.000 per mail; una ventina di lettere inviate per posta e una decina di persone ricevute. Alla luce delle denunce emerge che le “derive settarie” si registrano nelle comunità religiose nuove e antiche, gruppi religiosi integralisti e tradizionalisti, gruppi di “guarigione” e carismatici, movimenti religiosi. I dati sono contenuti in un Dossier redatto dalla Conferenza episcopale francese e presentato in conferenza stampa nel corso della quale è stato fatto vedere anche un documentario sull’abuso spirituale coprodotto dalla rete televisiva cattolica Kto e realizzato da Jean-Claude et Anne Duret. Un viaggio di 56 minuti nelle congregazioni e nuove comunità religiose. Un reportage per capire un fenomeno di cui solo da poco tempo si parla nella Chiesa, realizzato soprattutto per

“informare ed educare un vasto pubblico sui possibili pericoli della ricerca spirituale”.

La reazione dei vescovi. “Noi crediamo – dice mons. Alain Planet, vescovo di Carcassone e Narbonne e responsabile della Cellula – che la sola risposta al male è combatterlo e speriamo di poter dare un contributo che possa aiutare a condurre questa lotta in tutta trasparenza”. Nel novembre 2013, quando una quarantina di vittime aveva lanciato un appello ai vescovi riuniti a Lourdes, il presidente della Conferenza episcopale di Francia, mons. Georges Pontier, a nome di tutto l’episcopato francesi, si era rivolto a loro con una Lettera. “Abbiamo accolto il grido di persone che hanno sofferto nel cuore della Chiesa. Il nostro pensiero va a coloro che sono feriti, talvolta in maniera duratura, a causa del comportamento di alcuni membri della Chiesa. Come presidente della nostra Conferenza episcopale, vorrei a nome di tutti dirvi che le vostre storie e certe pratiche ci hanno scosso e scioccato”. E ancora: “Certi comportamenti che voi denunciate, sono soggetti alla giustizia penale.

Nessuno è al di sopra della legge”.

Il fenomeno. C’è sempre una serie di criteri dietro ad una deriva settaria in una comunità. E’ sulla base di questi criteri che si percepisce chiaramente che non si tratta più di “una disfunzione accidentale e circostanziale” presente in una comunità, ma di “un vero e proprio sistema messo in atto e mantenuto, consciamente o, più spesso, inconsciamente”. E’ suor Chantal-Marie Sorlin, ex magistrato ed oggi giudice al tribunale ecclesiastico di Digione, ad elencare i criteri “rivelatori”. Il primo ruota attorno alla figura del fondatore. Un intero paragrafo del Dossier è riservato al “culto” che spesso si genera nei gruppi. Accade cioè che il fondatore o il superiore prende in qualche modo il posto di Cristo: i membri lo venerano, lo mettono su un piedistallo e gli assicurano un’obbedienza o piuttosto un’assoluta sottomissione. Agli occhi dei seguaci, “la sua parola è parola del Vangelo. E i suoi scritti e insegnamenti vengono a soppiantare le Scritture”. Guai poi a metterlo in discussione: spesso nelle comunità si fa un “voto di unità” ed ogni critica viene vista come un pericolo al patto di fraternità. L’altro criterio è l’assolutizzazione del gruppo. Tutto ciò che “è fuori”, è considerato “tiepido, infedele, modernista”. Si è di fronte ad una “chiesa parallela” e chi critica, lo fa perché “è incapace” di comprendere il carisma del gruppo. In questo modo, la comunità deve necessariamente essere autosufficiente anche nella formazione o nell’accompagnamento dei suoi membri. Anche in presenza di patologie psichiche che richiedono cure adeguate, gli psicologi esterni sono considerati il diavolo. A volte viene fatto l’obbligo di confessarsi solo con un membro della comunità. E se è vero che la vita consacrata implica una scelta a lasciare tutto, nei gruppi settari questa rottura diventa isolamento: si rompono i legami con la famiglia, gli amici, la rete sociale, anche con gli studi e la professione.

Niente televisione, radio, stampa, è rottura anche di ogni canale di informazione.

Nel dossier si parla anche di uso di un “vocabolario proprio” (con il ricorso a termini nuovi e con significato diverso) e di “culto della sofferenza” (“se vivi la croce, vuol dire che sei sul cammino giusto”).

E chi esce? E’ forse il paragrafo del Dossier più triste. “Nelle comunità deviate, ogni partenza è nascosta agli altri membri. Quindi, nessuno si rivolgerà al ‘traditore’. E poiché l’adepto spesso ha rotto ogni rapporto con tutti i suoi vecchi conoscenti, si ritrova da solo”. “Nudo come Giobbe”. In quale condizione fisica e psichica si ritrova chi esce della comunità? La persona ne esce distrutta.

“Quante depressioni, quanti tentativi di suicidio, quanti suicidi … E questo perché le persone si sentono colpevoli e si ritrovano con un senso di totale fallimento”.

“Tutte queste derive che sono state appena segnalate in alcune comunità cattoliche – conclude la suora – sono assolutamente identiche a quelle che si possono trovare in gruppi settari in generale. Ciò dimostra che l’asse del male non passa tra noi e l’esterno, tra le nostre comunità e il mondo, ma dentro di noi”. E poi subito aggiunge: “la presenza di queste derive è però più grave quando si trova laddove si dovrebbero incontrare testimoni autentici di Dio e i frutti autentici di santità”.

 

Categories: Notizie

Sinodo sull’Amazzonia. Card. Barreto (Repam): “La Chiesa si è svegliata e non tornerà indietro”

Mon, 17/06/2019 - 10:06

“Con questo Sinodo giunge a maturazione un lungo cammino di 30-40 anni, fatto dalla Chiesa latinoamericana, che, dal punto di non ritorno della Conferenza di Aparecida del 2007, ha plasmato la sua coscienza sulla necessità di camminare e agire insieme ai popoli amazzonici. La consapevolezza è quella dell’importanza fondamentale che l’Amazzonia ha per il futuro dell’interno pianeta”.
Ad affermarlo è il cardinale peruviano Pedro Barreto Jimeno, vicepresidente della Repam, la Rete ecclesiale panamazzonica, e arcivescovo di Huancayo. In questi giorni, che coincidono con la presentazione – lunedì 17 giugno – dell’Instrumentum Laboris del Sinodo sull’Amazzonia del prossimo ottobre, il cardinale è in piena attività e si è trasformato in una sorta di “ambasciatore” del Sinodo a nome della Repam: dal suo Perù a Bogotá, fino a Roma, dove la settimana scorsa ha incontrato il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, e ha partecipato ad alcuni importanti incontri, tra i quali uno con gli ambasciatori in Vaticano dei Paesi amazzonici.

Un capillare ascolto diretto. L’Instrumentum Laboris parla esplicitamente dell’Amazzonia come “nuovo soggetto”, che dev’essere, come è effettivamente stato in questa fase preparatoria del Sinodo, oggetto di ascolto. Con l’obiettivo di scorgere il “volto amazzonico e missionario” di questa parte di pianeta così ricca di una grande pluralità di popoli e di risorse naturali.

Il cardinale Barreto fornisce numeri importanti, riguardo alla fase dell’ascolto, affidata in special modo alla Repam, che ha preceduto la redazione dell’Instrumentum Laboris. “L’ascolto diretto del territorio – spiega – aveva l’obiettivo di allargare la partecipazione delle popolazioni e di fedeli, attraverso assemblee, incontri tematici, dibattiti. Siamo arrivati a 87mila persone, a 22mila attraverso eventi organizzati direttamente dalla Repam e a 65mila nelle fase preparatoria precedente, nei nove Paesi che costituiscono la Panamazzonia”. Si tratta di Brasile, Bolivia, Perù, Ecuador, Colombia, Venezuela, Guyana, Suriname, Guyana Francese.

Un territorio di 7,5 milioni di Kmq, che rappresenta il 43% della superficie del Sudamerica, nel quale si concentrano il 20% delle riserve d’acqua dolce non congelate del pianeta, il 34% delle foreste primarie, tra il 30 e il 40 per cento della flora e della fauna del mondo.
L’Amazzonia viene considerata un bioma, cioè un sistema vivo, che “funziona come uno stabilizzatore climatico regionale e globale, mantenendo l’umidità nell’aria, tanto che un terzo delle piogge che alimentano la Terra sono prodotte da questa regione. E poi c’è una preziosa socio-diversità, con la presenza di 2 milioni e 800mila indigeni, che appartengono a 390 popoli, 137 dei quali vivono isolati dal resto del mondo o non sono mai venuti a contatto con altre etnie”. In tutto, la regione panamazzonica ha 33 milioni di abitanti.
“Dappertutto abbiamo riscontrato un entusiasmo inimmaginabile – prosegue il vicepresidente della Repam -.

Le popolazioni amazzoniche si sentono per la prima volta rispettate e ascoltate”.

Voce profetica contro minacce e sfruttamento. Le aspettative sono quelle di una Chiesa che cammina con questo popolo e questo territorio, mostrando la propria vitalità missionaria: “Questa porzione di terra – prosegue il cardinale Barreto – è il bioma attraverso il quale si esprime la vita nella sua grande diversità, come uno dono di Dio per tutti coloro che la abitano e per tutta l’umanità. Tuttavia, si tratta di un territorio sempre più devastato e minacciato”. Come è noto, lo sfruttamento del territorio ha molteplici volti: deforestazione, miniere diffuse e spesso illegali, monoculture che distruggono la biodiversità, deportazione delle popolazioni indigene. “Secondo la Dottrina sociale – aggiunge il porporato – la missione di ogni cristiano implica un impegno profetico per la giustizia e la pace, la dignità di ogni essere umano senza distinzione e con l’integrità del creato, in risposta a un modello di società dominante che produce esclusione, diseguaglianza e che provoca quella che Papa Francesco a chiamato cultura dello scarto”.
E’ proprio questa “profezia”, che mostra un modello di sviluppo basato sull’ecologia integrale delineata nell’enciclica Laudato Si’, a destare speranze ma anche preoccupazioni, visti i tanti interessi in gioco. “Non nego – spiega il cardinale Barreto – che ci siano preoccupazioni e inquietudini da parte del mondo politico ed economico”. Ma è lo stesso porporato a segnalare come gli Stati della regione panamazzonica abbiano sottoscritto le principali Dichiarazioni sui diritti umani, compresa quella sui diritti del popoli indigeni, del 2007.
In ogni caso, la certezza, è quella di una Chiesa “che si è svegliata” e che “non tornerà indietro”, proprio perché il Sinodo amazzonico non è un’estemporanea intuizione, ma il “frutto maturo” di un lungo cammino.

Categories: Notizie

Zeffirelli: ha avvicinato i giovani a Francesco e alla fede

Mon, 17/06/2019 - 09:21

Era probabilmente il “lettore” più geniale di Shakespeare, dal punto di vista del cinema. Zeffirelli, scomparso sabato all’età di 96 anni, riuscì a interpretare la bellezza che si celava dietro i personaggi del bardo di Stratford on Avon. La sua famosa ripresa di Giulietta e Romeo, nel 1968, divenne un mito e i due giovani attori Leonard Whiting e Olivia Hussey, rispettivamente diciassette e sedici anni, incarnarono due icone che resero Shakespeare familiare a giovani che al tempo non lo avrebbero neanche mai sfogliato. Oltretutto la vicinanza dell’età degli attori a quella dei protagonisti della tragedia causò non pochi problemi: alla giovane attrice fu proibito di entrare a vedere il film perché in Italia era vietato ai minori, e lei, effettivamente, lo era.

Ma la cosa che più ha fatto il successo di quel film, e delle esperienze shakespeariane di Zeffirelli, è che il regista è riuscito a far comunicare fedeltà al testo originale, precisione quasi filologica delle ricostruzioni e immaginario collettivo di anni in cui la contestazione di tutto e di tutti imperava sovrana.

Il senso di bellezza, non solo fisica, ma legata alla irripetibilità di una stagione come quella dell’adolescenza, trapelava in ogni suo film, anche in quelli come Amleto, in cui l’oscurità degli abissi umani regnava sovrana: il personaggio di Ofelia interpretato da Helena Bonham Carter riesce ad esprimere nella difficile trasposizione filmica innocenza, desiderio, follia e sofferenza: esattamente come in Shakespeare. Ma è con “Fratello sole sorella luna” che il regista riuscì nell’intento di dare una dimensione universale al messaggio francescano attraverso l’uso sapiente della fotografia:

secondo alcuni tradendo l’essenzialità indicibile ma solo praticabile del messaggio del Poverello, secondo altri riuscendo a rendere fruibile a tutti, anche grazie alla colonna sonora cantata in parte da Baglioni, e creando una vera e propria icona universale (musica, fede, natura, bellezza della semplicità) che ha avvicinato molti, soprattutto giovani, alla fede.

Anche nelle scelte private è stato sempre controcorrente: se da una parte si è dichiarato cattolico e omosessuale – accentuandone il contenuto di amore per la bellezza tipica della Grecia antica e del Rinascimento – d’altra parte ha sempre rifiutato la spettacolarizzazione e l’uso indiscriminato di alcune battaglie pubbliche gay, soprattutto riguardo l’adozione. Se ci si aggiunge il fatto che Zeffirelli era un trovatello, figlio di una coppia “clandestina” e che fu riconosciuto dal padre solo a 19 anni, e le radici paterne fossero nel borgo di Vinci, lo stesso di Leonardo (anche lui figlio non naturale), allora si ha il quadro completo di una quasi leggenda che trova nella bellezza, anche interiore, il suo centro di gravità. E che rappresenta una cultura dalle radici davvero antiche.

Categories: Notizie

Maturità 2019, tra novità e timori. Cicatelli: “Chi ha studiato con regolarità non ha motivo di preoccuparsi”

Mon, 17/06/2019 - 08:54

“Chi ha studiato con regolarità non ha motivo di preoccuparsi della Maturità. Chi invece si ricorda solo ora di questa scadenza evidentemente si affida alla buona sorte con qualche timore in più”. Ne è convinto il professore Sergio Cicatelli, coordinatore scientifico del Centro studi per la scuola cattolica (Cssc) dell’Ufficio nazionale per l’educazione, la scuola e l’università della Cei, commentando le novità introdotte per la Maturità 2019 a pochi giorni dall’inizio.

Maturità 2019, i cambiamenti. A 20 anni dall’entrata in vigore dell’Esame di Stato con la votazione in centesimi, i maturandi del 2019 – più di mezzo milione tra candidati interni ed esterni – saranno infatti chiamati a sostenere un esame in parte diverso da quello finora sostenuto dagli studenti nell’ultimo ventennio. “In questi 20 anni – spiega Cicatelli –, ogni 2-3 anni c’è stato qualche aggiustamento. Ora ci troviamo in presenza di qualcosa di più che un semplice aggiustamento”. Infatti, se è confermato il punteggio in centesimi,

cambia il peso attribuito a crediti per il percorso di studi (da 25 a 40), prove scritte (da 45 a 40) e prova orale (da 30 a 20). Tra le novità più rilevanti l’eliminazione della terza prova scritta, il cosiddetto “quizzone”, l’inserimento di nuove disposizioni sull’ex alternanza scuola-lavoro e l’eliminazione della traccia storica per il tema di italiano.“In linea di massima – afferma il professore – mi sembra si sia voluta fare una semplificazione – che forse è andata oltre il necessario – cercando di ottenere consenso”. “L’eliminazione della terza prova – spiega – va ad incidere su qualcosa che preoccupava tanto gli studenti, a prescindere dalla qualità della prova che, in origine, voleva essere un modo per riepilogare un po’ tutta la preparazione ma poi si era ridotta effettivamente al ‘quizzone’; alla fine è risultata essere una prova frammentaria che non valeva più di tanto”.
Secondo Cicatelli, “l’eliminazione del tema di storia, poco scelto in passato”, è invece avvenuta “in nome dell’audience: e così la traccia è stata eliminata con tutte le polemiche che sono seguite”.

Dal “quizzone” alle tre buste. Variazioni sono state introdotte anche per la seconda prova scritta che assumerà un carattere multidisciplinare per tutti gli indirizzi di studio per i quali il Miur ha individuato più materie caratterizzanti. Per gli studenti degli Istituti professionali, inoltre, è previsto che la seconda parte della seconda prova sia predisposta dalla Commissione d’esame in coerenza con le specificità del Piano dell’offerta formativa dell’istituzione scolastica e della dotazione tecnologica e laboratoriale d’istituto.
Mandata in archivio la terza prova, concepita come test multidisciplinare con domande a risposta chiusa e aperta,

con la Maturità 2019 si introduce il sorteggio della busta per ogni candidato che si appresta a sostenere la prova orale.

All’interno saranno predisposti dalle singole Commissioni esaminatrici – in totale 13.161 per 26.188 classi coinvolte – materiali (testi, documenti, progetti, problemi) utili per poter avviare il colloquio. “C’è un elemento di aleatorietà in più con questa estrazione che – osserva il professore – non credo vada enfatizzata più del necessario perché la prova orale non si riduce agli argomenti estratti con la busta”. Nel corso della prova orale, infatti,

ogni candidato potrà esporre l’esperienza svolta nei percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (ex alternanza scuola-lavoro) e dovrà rispondere a domande su Cittadinanza e Costituzione. Non si dovrà più presentare la “tesina”,

“probabilmente una semplificazione di cui si sentiva il bisogno”, sottolinea Cicatelli, secondo cui “era un esercizio di retorica, inutilmente proposto per cercare di mettere a proprio agio gli studenti ma che, in realtà, significava iniziare nel 90% dei casi in maniera artificiosa, cercando magari collegamenti interdisciplinari che non reggevano alla prova dei fatti”. Suscita però curiosità – e negli studenti un po’ di timore – la scelta di affidare al caso l’inizio del colloquio: “Non credo che possa costituire un grosso problema – rileva il professore – e, secondo la logica che è stata inaugurata con questa revisione, probabilmente, tra due o tre anni, potremmo assistere alla sua cancellazione”.

“Millennials” impreparati? Non sono mancate, anche in questi giorni, le polemiche rispetto al fatto che i maturandi poco sappiano dell’esame che dovranno affrontare. “C’è molto di stagionale in questo – sostiene Cicatelli – anche se

gli studenti hanno qualche motivo per essere preoccupati”.

“In realtà – prosegue – lo sono, per certi aspetti, perché questa preoccupazione è stata trasmessa dagli insegnanti. Rispetto a quanto successe 20 anni fa, quando il ministero promosse una campagna di informazione e formazione a tappeto in tutte le scuole superiori d’Italia per arrivare preparati – insegnanti e studenti – all’esame, questa volta si sono modificate le regole in corsa e quindi c’è maggiore insicurezza”.
Quella del 2019 sarà poi la Maturità dei “millennials”, che non erano neanche nati quando venne introdotto l’esame con votazione finale in centesimi. Si tratta di un semplice “elemento di colore”, spiega il professore, constatando che “i maturandi di oggi sono sicuramente diversi dai loro compagni che hanno sostenuto l’esame 19 anni prima”. “Ma il passaggio di generazione, che una volta veniva calcolato ogni 20-25 anni, oggi si è abbassato ad ogni 5 anni. Così – prosegue – dentro lo stesso istituto superiore gli studenti che si preparano alla maturità appartengono di fatto ad una generazione diversa di quelli che si apprestano ad entrare per il primo anno. Oggi, 5 anni sono già significativi per notare differenze generazionali, culturali, nello stile di formazione, nella categorie fondamentali di riferimento”. “Questa accelerazione delle trasformazioni culturali – osserva Cicatelli – incide anche sulla scuola e sui costumi degli studenti”.

Il segreto del successo. In questi giorni è un rincorrersi di consigli e suggerimenti per i maturandi. Non poteva mancare l’indicazione del prof. Cicatelli:

“Affrontate l’esame di maturità con la giusta serenità. È utile e funzionale alla stessa riuscita dell’esame che ci sia una certa dose di stress, ma senza esagerare”

anche perché “la Maturità nelle sue diverse versioni ha sempre garantito un tasso di promozione intorno al 98%”. “Si tratta di un esame importante – conclude – che va affrontato con serietà e che non può essere affrontato sulla base di uno studio matto e disperatissimo dell’ultima settimana. Dev’essere preparato sulla lunga distanza”.

Categories: Notizie

The Pope in Camerino: “Lest the promises be forgotten”

Mon, 17/06/2019 - 08:53

It’s the distance covered by the Pope in a golf cart so as to personally cross the “red zone” with an “unplanned” visit, which speaks volumes about his closeness to the inhabitants of the city centre who on the night of the earthquake lost everything they had. For a day, thanks to the attention garnered by Bergoglio, Camerino became the “symbolic city” of all the local inhabitants brought to their knees by a devastating earthquake that shattered Central Italy, with the yearning to recover from a deafening silence that still prevails in the historic centre after three years. Remember and rebuild are the two imperatives of the homily at the Holy Mass celebrated in Piazza Cavour filled to the brim despite the stifling heat.

“I came here today to be close to you,”

Francis said. His appeal for reconstruction makes no concessions:

“Almost three years have passed, and the risk is that after the initial emotional and media involvement attention will fall and promises will be forgotten, increasing the frustration of the people, who see the area become increasingly depopulated.” He said: “It takes more strength to rebuild than to build, to restart than to start, to reconcile than to get along.” 

But “God does not leave us in oblivion”, the Pope said, bearing concrete witness at the beginning of his journey by entering six “prefabricated homes”, – and not three as initially programmed – that house the displaced persons. “Gives us back our dignity”, read a banner written by these youths, families, children and elderly people, champions of resilience.

“While down here too many things are quickly forgotten, God does not leave us in oblivion.”

The first words of the Pope in Piazza Cavour are words of hope, as were those spoken on the first day of his journey to Camerino, that began with a visit to the prefabricated houses, where Francis met with the people displaced by the earthquake in an intimate and familiar atmosphere, followed by a private meeting in the Cathedral and with the mayors of the municipalities of the archdiocese of Camerino-San Severino Marche, accompanied by the archbishop, Francesco Massara. Before destroyed houses and buildings reduced to rubble, the first question raised by the Pope, quoting from the Psalms, is: “What is man?”. Then the reference to the earthquake, of which the local population has a vivid recollection:

“we are small under the heavens and powerless when the earth trembles, but for God we are more precious than anything.”

“Memory is a key word for life”, the Pope went on: “Let’s remember how much we are worth, when faced with the temptation to give into sadness or when reminiscing about the worst that never seems to end.” “Negative memories arrive even when we don’t call them to mind, but all they leave us with is melancholy and nostalgia”, is Francis’ reminder. The Lord “does not release our burdens, as we – always seeking rapid and superficial solutions – would like. No, the Lord sent us the Holy Spirit.”

“Come, consoling Spirit. Come and bestow some light upon us, give the sense of this tragedy”,

 give us the hope that does not disappoint”, the Pope said in an impromptu prayer. “When we are troubled or wounded – and you know well what it means to be troubled, wounded – we are led to ‘nest’ around our sadness and our fears.” The Holy Spirit “frees us from these nests, giving us strength, encouraging us as we carry our burdens. The Holy Spirit “is a specialist in rebirth, recovery, in rebuilding.” The Holy Spirit is a “long-lasting hope.”

“I am here to pray together to God that remembers everyone,  lest nobody forget those in need”, said the Pope. He then made an appeal to reconstruction, urging to preserve the attention on this city, symbolizing a large area of Central Italy devastated by the earthquake that sadly turned into the largest construction site in Europe, exposed to severe depopulation. “The Lord instead pushes us to remember, repair, rebuild, and to do so together, without ever forgetting those who suffer”, an invitation for the future: “Everyone can do some good, without waiting for others to begin. Everyone can comfort someone, without waiting for their problems to be solved.” Even when carrying our cross we can bring consolation to others. “What is man ever? Man is your great dream Lord, which you always remember”, the final, impromptu prayer: “Dear Lord, it is not easy to understand in these circumstances,

Men forget about us, they don’t remember this tragedy. But you, our Lord, You don’t forget.

Man is your great dream Lord, which you always remember. Make us remember that we are in the world to give hope and closeness, because we are your children, “God of all comfort” (2 Cor 1: 3).

“Your Holiness, we entrust you with our future”,

read a huge banner hanging from the prefabricated “homes.” Thanks to the Pope, the journey leading to the end of precariousness in the earthquake-stricken areas of Central Italy began in Camerino. No one, from now on, can pretend they haven’t heard.

Categories: Notizie

Papa a Camerino: “Le promesse non finiscano nel dimenticatoio”

Mon, 17/06/2019 - 08:53

Da piazza Cavour al santuario di S. Maria in Via sono circa 700 metri. È la distanza che il Papa ha percorso in golf cart per varcare di persona la “zona rossa”, con un “fuori programma” che la dice lunga sulla sua empatia verso chi nel centro storico, in una sola notte, ha perso tutto. Camerino, per un giorno, grazie ai riflettori puntati su Bergoglio è diventata “città simbolo” di tutte le popolazioni messe in ginocchio tre anni fa dal terremoto che ha devastato il Centro Italia. Voglia di riscatto dal silenzio assordante che avvolge ancora, tre anni dopo, il centro storico. Ricordare e ricostruire, i due imperativi dell’omelia della Messa celebrata in una piazza Cavour che non riusciva a contenere le persone, nonostante il sole caldo e asfissiante già dalle prime ore della mattina.

“Sono venuto oggi semplicemente per starvi vicino”,

dice Francesco. Il suo appello per la ricostruzione non fa sconti:

“Sono passati quasi tre anni e il rischio è che, dopo il primo coinvolgimento emotivo e mediatico, l’attenzione cali e le promesse vadano a finire nel dimenticatoio, aumentando la frustrazione di chi vede il territorio spopolarsi sempre di più”. E ancora: “Ci vuole più forza per riparare che per costruire, per ricominciare che per iniziare, per riconciliarsi che per andare d’accordo”. 

Ma “Dio non ci lascia nel dimenticatoio”, assicura il successore di Pietro, che ne ha dato una prova tangibile all’inizio del viaggio, entrando in sei delle “casette” – dovevano essere solo tre, da programma – degli sfollati. “Ridateci la dignità”, recitava uno degli striscioni di questi giovani, bambini, famiglie, anziani campioni di resilienza.

“Mentre quaggiù troppe cose si dimenticano in fretta, Dio non ci lascia nel dimenticatoio”.

Le prime parole del Papa in piazza Cavour sono di speranza, come quelle pronunciate all’inizio del suo viaggio a Camerino,  cominciato con la visita alle “casette”, dove Francesco è entrato intrattenendosi con gli sfollati del terremoto in un clima intimo e familiare, e proseguito con la visita privata in cattedrale e l’incontro con i sindaci dei comuni dell’arcidiocesi di Camerino-San Severino Marche, in ogni sua tappa accompagnato dall’arcivescovo, Francesco Massara. Di fronte a case crollate e a edifici ridotti in macerie, la prima domanda evocata dal Papa, sulla scorta dei Salmi, è: “che cosa è mai l’uomo?”. Poi il riferimento al terremoto, ancora così presente nella memoria della gente:

“siamo piccoli sotto al cielo e impotenti quando la terra trema, ma per Dio siamo più preziosi di qualsiasi cosa”.

“Ricordo è una parola-chiave per la vita”, la tesi del Papa: “Ricordiamo quanto valiamo, di fronte alla tentazione di rattristarci e di continuare a rivangare quel peggio che sembra non aver mai fine”. “I ricordi brutti arrivano, anche quando non li pensiamo; però pagano male: lasciano solo malinconia e nostalgia”, il monito di Francesco. Dio “non ci toglie i pesi, come vorremmo noi, che siamo sempre in cerca di soluzioni rapide e superficiali; no, il Signore ci dà lo Spirito Santo”.

“Vieni Spirito consolatore, vieni a darci un po’ di luce, a darci il senso di questa tragedia,

a darci la speranza che non delude”, la preghiera pronunciata a braccio. “Quando siamo tribolati o feriti – e voi sapete bene cosa significa essere tribolati o feriti – siamo portati a ‘fare il nido’ attorno alle nostre tristezze e alle nostre paure”. Lo Spirito, invece, “ci libera dai nostri nidi, viene a darci forza, a incoraggiarci, a sostenere i pesi. Infatti è specialista nel risuscitare, nel risollevare, nel ricostruire”. E’ “una speranza a lunga conservazione”.

“Sono qui a pregare con voi Dio che si ricorda di noi, perché nessuno si scordi di chi è in difficoltà”, assicura il Papa. Poi l’appello per la ricostruzione, a non far calare l’attenzione sulla città-simbolo di tutti i territori del Centro Italia che dopo il terremoto sono diventati il cantiere più grande d’Europa, con il rischio dello spopolamento che diventa sempre più concreto. “Il Signore invece spinge a ricordare, riparare, ricostruire, e a farlo insieme, senza mai dimenticare chi soffre”, l’invito rivolto al futuro: ”Ciascuno può fare un po’ di bene, senza aspettare che siano gli altri a cominciare. Ciascuno può consolare qualcuno, senza aspettare che i suoi problemi siano risolti”. Anche portando la propria croce, ci si può avvicinare per consolare gli altri. “Che cosa è mai l’uomo? È il tuo grande sogno, Signore, di cui ti ricordi sempre”, la preghiera finale a braccio: “Non è facile capirlo in queste circostanze, Signore.

Gli uomini si dimenticano di noi, non ricordano questa tragedia. Ma tu, Signore, non ti dimentichi.

L’uomo è il tuo grande sogno, Signore, di cui ti ricordi sempre. Fa’ che anche noi ci ricordiamo di essere al mondo per dare speranza e vicinanza, perché siamo figli tuoi, il Dio di ogni consolazione”.

“Santità, le affidiamo il nostro futuro”,

lo striscione a carattere cubitali che giganteggiava alle “casette”. Il viaggio verso la vera fine della precarietà, per le zone terremotate del Centro Italia, grazie al Papa è cominciato a Camerino. Nessuno, d’ora in poi, potrà far finta di non aver sentito.

Categories: Notizie

Addio a Franco Zeffirelli, regista colto ed elegante. Il ricordo della Santa Sede e della Chiesa italiana

Sat, 15/06/2019 - 19:14

Fragile e un po’ affaticato, ma sempre vigile e con sguardo luminoso, era apparso al Senato della Repubblica lo scorso aprile il regista Franco Zeffirelli, ricevendo dalla presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati una targa di riconoscimento; uno dei tanti premi ottenuti nella sua lunga carriera (tra cui 5 David di Donatello) cominciata nel Secondo dopoguerra. Si è spento oggi, sabato 14 giugno, all’età di 96 anni nella sua casa romana, generando grande cordoglio nel mondo del cinema, della cultura e delle istituzioni. Franco Zeffirelli era un uomo, un autore, che ha saputo abitare con eleganza e competenza il mondo del cinema, del teatro e della lirica, facendosi apprezzare nel nostro Paese e nel resto del mondo, soprattutto in Inghilterra e negli Stati Uniti.

Dagli inizi con Luchino Visconti a Hollywood. Formatosi all’Accademia delle Belle Arti di Firenze, Franco Zeffirelli lega il suo esordio come regista teatrale e cinematografico alla figura di Luchino Visconti, maestro da cui apprende la messa in scena e la cura formale, assorbendo quello sguardo tra neorealismo e mélo.

Firma di fatto il suo primo film nel 1957, la commedia “Camping”, nel clima di spinta e sviluppo della commedia popolare italiana; ben presto però Zeffirelli vira rapidamente vero sentieri più seri e dotti, attingendo a piene mani a mondo della letteratura.

Nel biennio 1967-68 realizza infatti da William Shakespeare “La bisbetica domata” con la coppia di divi hollywoodiani Elizabeth Taylor e Richard Burton (due nomination agli Oscar) nonché “Romeo e Giulietta” con i giovanissimi Leonard Whiting e Olivia Hussey (il film ottiene due premi Oscar, per non per la regia di Zeffirelli). Con queste opere si afferma subito su piano internazionale, facendosi notare immediatamente da Hollywood. Nel corso gli anni ’70 Zeffirelli passa così alla guida di set imponenti, tanto per il cinema come per la televisione. Firma prima “Fratello sole, sorella luna” nel 1972 e subito dopo il kolossal per la tv in 6 puntate “Gesù di Nazareth” del 1977, con protagonisti Robert Powell, Olivia Hussey e Anne Bancroft, miniserie che vede anche una versione ridotta per il cinema. Ancora, va a girare negli Stati Uniti “Il campione” del 1979 e “Amore senza fine” del 1981, opere che contribuiscono a consolidare il suo nome come grande autore sulla scena mondiale.

Le opere religiose su Gesù e san Francesco. Film come “Fratello sole, sorella luna” e “Gesù di Nazareth” rappresentano un guadagno significativo non solo sul piano cinematografico ma anche culturale e pastorale. Come sottolinea infatti don Ivan Maffeis, sottosegretario della Cei e direttore dell’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali: “Zeffirelli ha contribuito a plasmare uno sguardo nel mondo della catechesi. Ha offerto dei preziosi strumenti culturali ai nostri catechisti, insegnanti di religione e operatori pastorali.

Le sue opere sono state utilizzate e tuttora vengono proposte nelle ore didattiche e nei cineforum parrocchiali per fare esperienza delle pagine del Vangelo.

Di fatto, negli anni ’70, in quella stagione caratterizzata da fratture e istanze di contestazione, da narrazioni problematiche, Zeffirelli al contrario si è dedicato al racconto di testimoni di dialogo e inclusione”.

In particolare su “Gesù di Nazareth” mons. Dario Edoardo Viganò, assessore presso il Dicastero della Comunicazione della Santa Sede e professore ordinario di cinema, precisa: “Quel suo film su Gesù costituisce un punto di svolta nelle narrazioni sulla figura di Cristo tra grande e piccolo schermo. Mentre tra gli anni ’20 e gli anni ’60 Hollywood ci inonda di film su Gesù e la Bibbia dal taglio spettacolare, opere segnate però da una profonda povertà contenutistica e spirituale, in Europa Pier Paolo Pasolini e Franco Zeffirelli offrono tra gli anni ’60 e ’70 sguardi totalmente diversi, rivelatori. Nella loro diversità, se Pasolini ha restituito la forza della parola di Matteo realizzando una regia per sottrazione,

Zeffirelli ha saputo fare un racconto sinottico dei Vangeli con una messa in scena senza precedenti, seconda in nulla al cinema hollywoodiano”.

Gli anni della maturità tra lirica e letteratura. Dopo una parentesi con i film-opera, portando sul grande schermo alcuni famosi titoli della lirica come “Pagliacci” (1982), “Cavalleria rusticana” (1982) e “La traviata” (“1983”), Franco Zeffirelli torna a dirigere negli anni ’90 secondi i canoni iniziali, proponendo adattamenti di opere letterarie come “Amleto” (1990), “Storia di una capinera” (1993), “Jane Eyre” (1996) e “Un tè con Mussolini” (1999), quest’ultimo con un ricco cast internazionale al femminile tra cui Maggie Smith, Judi Dench, Cher, Joan Plowright e Lily Tomlin. La sua carriera cinematografica trova poi epilogo con un’opera omaggio a Maria Callas, “Callas Forever” nel 2002, con Fanny Ardant e Jeremy Irons, che costituisce anche una sorta di testamento artistico in cui il regista rilegge anche la sua via e la sua amicizia con la diva della lirica per eccellenza. Nel corso degli anni Duemila, infine, il regista toscano si dedica al progetto della sua casa-museo a Firenze, cui affidare la memoria del suo archivio tra cinema e teatro, contenente copioni, appunti di scena, bozzetti e costumi. Volendo tracciare un breve bilancio della sua filmografia, non possiamo non riconoscere a Franco Zeffirelli di essere un autore con la maiuscola, capace di coniugare quella professionalità classica, consolidata da una lunga formazione e gavetta, con le esigenze sempre più dinamiche e innovative dello spettatore. Il suo cinema si propone ancora oggi come elegante e senza età.

Categories: Notizie

Decreto sblocca-cantieri è legge. Roma (Rur): “Semplificare ma con regole chiare e trasparenti”

Sat, 15/06/2019 - 11:33

“Le scorciatoie difficilmente riescono a risolvere problemi complessi”. È scettico, Giuseppe Roma, sull’efficacia del decreto sblocca-cantieri, ora convertito in legge. Roma guida la Rur (Rete urbana delle rappresentanze), un Centro di ricerca economica e territoriale nato nel 1989 su iniziativa del Censis, di cui peraltro il nostro interlocutore è stato a lungo direttore generale. La sua prospettiva non è quindi quella della polemica politica di giornata, ma quella di chi segue questi temi in tutto il loro spessore che è sociale, economico, tecnico, politico e senza pregiudizi ideologici. “Non è con i commissari che si sbloccano le situazioni. Lo sa chi è stato il primo a inventarli? Bettino Craxi. E siamo ancora lì, quando c’è un problema si nomina un commissario…”.

Però il problema c’è davvero. Lei stesso ha recentemente ricordato che secondo l’osservatorio del Ministero delle infrastrutture a fine 2017 erano ben 647 le opere ferme e incompiute e che l’associazione dei costruttori stima in 400 i cantieri programmati ma mai aperti.
Certo che il problema esiste. Ma a monte c’è un problema ancora più grande: siamo un Paese che ha rinunciato a investire in infrastrutture da almeno dieci anni. Il calo è stato di più del 60%. Abbiamo accumulato un grande ritardo tecnico-culturale senza risolvere alla radice la questione della trasparenza e senza aver realizzato le opere. Alla base di questa situazione c’è una convergenza di fatto tra una burocrazia che non punta al risultato ma soltanto a pararsi da eventuali errori e un’opinione pubblica che sottovaluta il tema oppure pensa che sia inevitabilmente collegato al malaffare.

Ma non è vero che in Italia sia impossibile fare grandi investimenti in modo efficiente, sicuro e pulito.

Le faccio solo un esempio, ma significativo: il grande Giubileo del 2000, con 600 cantieri a livello nazionale, almeno 5 miliardi di investimento a valori attuali, il 97% delle opere consegnate nei termini e un bilancio estremamente positivo sul piano del contenzioso e degli infortuni.

Come si è arrivati all’impasse in cui ci troviamo oggi?
Si possono individuare tre fattori. Il localismo, per esempio, che ha portato a un’estrema frammentazione degli investimenti e che impedisce di individuare correttamente le priorità. Non si possono mettere sullo stesso piano una grande direttrice internazionale e una strada di collegamento tra due capoluoghi di provincia. E, ancora, la mancanza di continuità, il continuo ritornare sulle scelte compiute. Gli investimenti in infrastrutture richiedono progetti di lungo periodo, non a singhiozzo.

C’è anche il nodo delle imprese che con il calo degli investimenti si sono indebolite, mentre sarebbe necessaria una continua innovazione ingegneristica e organizzativa.

Allora, tutto sommato, un decreto sblocca-cantieri era necessario…
Era necessario mettere mano alla situazione perché il problema non è la mancanza di soldi ma soprattutto il contenzioso. Attenzione, però. Non è affatto detto che liberalizzando tutto si ottenga il risultato di far ripartire i cantieri. Non ci dimentichiamo che già nel 2014 il governo di allora aveva lanciato lo sblocca-Italia. Aggiungendo o cambiando continuamente le norme non si fa che aumentare la confusione. C’è bisogno di semplificare ma con regole chiare e trasparenti e che individuino in modo preciso le responsabilità. L’amministrazione fa un progetto, ci mette i soldi (quelli che servono, non poche briciole dicendo che poi si vedrà…), quando il cantiere parte si attua un controllo rigoroso dello stato di avanzamento dei lavori e alla fine si collauda l’opera. Nel decreto, peraltro, ci sono interventi che non vanno in questa direzione.

Per esempio?
Il ritorno di quello che viene chiamato ‘appalto integrato’, in cui lo stesso soggetto realizza sia il progetto che l’esecuzione.

È un po’ come se il controllato fosse anche il controllore.

Oppure il recupero del criterio del massimo ribasso nelle gare, che è un pericolo per la qualità e la durata delle opere e può consentire forme di concorrenza sleale fra le imprese.

Un altro punto molto discusso è quello dell’innalzamento al 40% del limite per il subappalto…
Non farei una guerra sulle percentuali. Bisogna infatti evitare che sia proibito un livello ragionevole di integrazione fra diverse specializzazioni. L’importante è che ci sia un forte controllo della stazione appaltante e che sia questa ad essere effettivamente la responsabile dell’opera. Del resto l’Unione europea ha aperto una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia per le norme del nostro Codice dei contratti che limitano al 30% i subappalti pubblici e in tutti i casi, senza distinguere le situazioni in cui il subappalto è giustificato dalla natura delle opere. A me, comunque, il 40% sembra un limite ragionevole.

Categories: Notizie

Dipendenza da videogiochi. Capitanucci (And): “Per arginare fenomeno determinante ruolo di genitori e figure educative”

Sat, 15/06/2019 - 10:01

L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha inserito la dipendenza da videogiochi (online e offline) tra le patologie mentali dell’International Classification of Diseases, l’elenco ufficiale delle malattie riconosciute il cui aggiornamento è stato pubblicato di recente. Ne parliamo con la psicologa e psicoterapeuta Daniela Capitanucci, presidente onorario di And-Azzardo e Nuove Dipendenze.

Cos’è il gaming disorder?

Con questo termine si intende

la perdita di controllo su attività quali digital-gaming o video gaming che da ludiche diventano prioritarie rispetto a qualsiasi altro interesse,

causando effetti negativi e, ciò nonostante, il giocatore non riesce a fermarsi.

È una dipendenza che colpisce quali fasce d’età?

Colpisce maggiormente bambini e giovani, ma anche gli adulti possono esserne affetti.

Questa decisione dell’Oms quali ricadute concrete avrà in Italia?

Verosimilmente dovranno essere strutturati dei servizi appositi per la presa in carico dei soggetti problematici e sarà da prevedere un iter per l’inserimento di una nuova patologia nei Lea. In parallelo, potranno essere previsti programmi di prevenzione.

Quali sono i segnali che devono preoccupare i familiari?

Sono quelli tipici di altre dipendenze comportamentali: tra questi, focalizzarsi solo sul gioco a scapito di altre attività anche vitali come mangiare e dormire, sperimentare irritazione e alterazioni dell’umore quando si interrompe il gioco, incrementare progressivamente il tempo passato a giocare; anche l’aumento della conflittualità nelle relazioni con le persone prossime, specie quando si discute riguardo l’abitudine contestata, ed essere in preda al “craving”, inteso come bramosia irrefrenabile di giocare, sono altri segnali che indicano che il gioco è sfuggito dal controllo.

Come si può intervenire? La proibizione aiuta?

L’intervento dovrà basarsi sulle evidenze scientifiche e su una adeguata comprensione di come è insorto il disturbo. Verosimilmente l’origine è multifattoriale (cause individuali, motivazionali, familiari, sociali, di esposizione ambientale, di gestione del tempo libero…) e quindi

andrà previsto un intervento multidisciplinare,

che vada ad intercettare ciascuno dei fattori causali o predisponenti, magari diversissimi da un ragazzo all’altro. La sospensione del comportamento di gioco è necessaria alla cura, per spezzare quelle routine quotidiane che sostengono i comportamenti disfunzionali stessi. Nel nostro organismo, quando si gioca, si attivano neuromediatori in grado di modificare lo status quo biologico, che andrà ripristinato attraverso l’astensione. Inoltre, alcuni videogiochi si basano su schemi di condizionamento attraverso rinforzi che rendono difficile da interrompere proprio quel comportamento una volta appreso. Non dimentichiamo di considerare anche cosa sta a monte di un discontrollo al gioco: non è certo un comportamento che il ragazzo compie per stupidità, quanto piuttosto probabilmente è un modo inadeguato che viene utilizzato per rispondere a un bisogno profondo e spesso legittimo.

Cosa consiglierebbe a un genitore di un adolescente dipendente dai videogiochi?

È sempre necessario cercare di comprendere il bisogno a cui risponde quel comportamento che con il tempo è diventato eccessivo: magari all’inizio è servito a migliorare l’autostima o a evitare relazioni con i pari, a gestire la solitudine o a molto altro ancora. Non è il caso di generalizzare.

Sono previste delle tutele, nel nostro ordinamento, per i soggetti fragili rispetto alla pervasività dei videogiochi?

Esistono delle prescrizioni in merito all’età a partire dalla quale un determinato gioco può essere reso accessibile a un minore (in genere ciò è indicato con sigle tipo 13+, a significare che il gioco può essere praticato da ragazzini che hanno più di 13 anni). Ma anche in questo caso torniamo al nodo centrale della faccenda: spetta anche a chi riveste una funzione educativa nei confronti del minore la verifica puntuale della tipologia e struttura di giochi che intende far utilizzare ai propri figli, per evitare spiacevoli sorprese. Provare a giocare a quel gioco prima di consentirlo, farlo insieme al figlio e sperimentare le emozioni che suscita possono dare delle indicazioni sul tipo di limiti che è opportuno porre.È diverso, in ogni caso, agire da un punto di vista preventivo (cioè per ridurre il rischio che uno svago si trasformi in mania) e da un punto di vista riparativo (cioè per interrompere un comportamento che ha già compromesso altre sfere di vita del proprio figlio, come il tempo dedicato a tale attività, i risvolti negativi sulla performance scolastica, l’isolamento sociale, l’umore…). In quest’ultimo caso sarà necessario avvalersi anche di un consulente esperto con il quale avviare un percorso familiare.

Quanto pesa sul diffondersi della dipendenza il fatto che oggi la rete offre un numero ingente di videogiochi?

Evidentemente l’offerta è uno degli elementi che concorre a favorire la pratica di tali giochi e, di conseguenza, l’ampiezza dell’offerta è in parte correlata allo strutturarsi di comportamenti di discontrollo: in altre parole, l’ampia gamma di giochi disponibili, alcuni dei quali con caratteristiche piuttosto aggressive, con buona probabilità consentirà a chiunque di trovare il proprio gioco favorito, cioè quello che risponde al suo personale bisogno (di sedazione, di attivazione, di socializzazione virtuale …). Tuttavia, l’offerta da sola non è un elemento del tutto sufficiente. Banale, ma forse utile da ribadire, è il fatto che

un ruolo determinante lo hanno i genitori e le figure educative di riferimento.

Oltre ad essere capaci di porre limiti, anche la loro capacità di dedicare tempo di qualità sin da piccoli ai propri figli, costruire dapprincipio un lessico condiviso riscoprendo il fare insieme, leggere, giocare a giochi di società e molte altre attività in alternativa ai giochi solitari che il bambino può fare per conto proprio, giochi “comodi” perché liberano l’adulto dal suo impegno, sono gli ingredienti preventivi centrali che sostengono una crescita sana e promuovono il benessere del giovane. Certamente, partecipare alla vita dei propri figli richiede tempo, impegno, disponibilità, costanza e dedizione. Ma non sono queste le caratteristiche del ruolo educativo?

Categories: Notizie

Bruxelles: arrivano i nuovi eletti. Entriamo con loro al Parlamento

Sat, 15/06/2019 - 10:00

Entreranno ufficialmente in servizio il prossimo 2 luglio alle ore 10 i 751 eurodeputati che i cittadini europei hanno eletto il 26 maggio scorso. A quell’ora e in quella data infatti si aprirà a Strasburgo la prima sessione plenaria del rinnovato Parlamento. Fino ad allora restano in servizio e percepiscono lo stipendio coloro che sono eurodeputati dal 2014. Tuttavia i “nuovi” europarlamentari hanno una serie di pratiche da sbrigare, ed è per questo che hanno già iniziato ad arrivare in ordine sparso alla sede del Parlamento a Bruxelles.

Accolti dal personale dell’unità amministrativa devono identificarsi e poi riempire una serie di moduli: la dichiarazione di interessi finanziari (in cui devono autocertificare i propri redditi), la dichiarazione di non incompatibilità (per confermare ad esempio che il loro ruolo di europarlamentare non coincida con interessi privati o professionali), la dichiarazione di comportamento appropriato e sottoscrivere le regole sulla trasparenza. Ricevono poi tutta una serie di indicazioni pratiche, come il login informatico e il certificato WiFi, o aiuti, nel caso ad esempio siano alla ricerca di un assistente parlamentare. Degli uffici potranno prendere possesso solo dopo il 1° luglio a Strasburgo e l’8 luglio a Bruxelles, in quanto fino al 28 giugno possono usufruirne i deputati uscenti. Quanto all’alloggio dei parlamentari a Bruxelles o Strasburgo, sono invece i singoli che devono trovare la propria sistemazione.

Nel frattempo gli edifici del Parlamento a Bruxelles ospitano le riunioni dei gruppi politici cui si iscrivono gli stessi eurodeputati. Alcuni gruppi politici (per formarne uno occorrono almeno 25 deputati provenienti da 7 Stati diversi) stanno nascendo in queste ore, fra cui il sovranista “Identità e democrazia”; altri, quelli “storici”, preparano programmi e strategie per la nuova legislatura. Si sta fra l’altro riscontrando una convergenza dei 4 principali gruppi “europeisti” (o ritenuti tali): popolari, socialdemocratici, liberali (“Renew Europe”) e verdi, che si sono dati appuntamento il 13 giugno e si rivedranno il 17: vorrebbero inviare una nota al Consiglio europeo (riunione dei capi di Stato e di governo Ue) del 20-21 giugno, con priorità politiche per il prossimo quinquiennio e valutazioni circa le alte cariche – i top job – dell’Ue: i presidenti di Parlamento, Commissione, Consiglio europeo e Bce, nonché l’Alto rappresentante per la politica estera. Da queste trattative in atto restano al momento esclusi i gruppi “euroscettici” di destra e il gruppo della sinistra unitaria.

foto SIR/Marco Calvarese

Categories: Notizie

Papa a Camerino: nella “zona rossa” il futuro non crolla

Sat, 15/06/2019 - 09:17

(da Camerino) Anche Papa Francesco dovrà indossare il casco d’ordinanza, per entrare nella cattedrale della Santissima Annunziata. Piazza Cavour, per l’occasione, il 16 giugno cesserà di essere considerata “zona rossa”, come è attualmente tutto il centro storico di Camerino. Dopo la prima tappa alle “casette” in località Cortine, nella seconda parte del viaggio in una delle città più colpite dal sisma che due anni e mezzo fa ha messo in ginocchio il Centro Italia il Papa transiterà da via Venezian e via Roma per accedere alla piazza che un tempo era il centro nevralgico della vita cittadina, e che ora appare agli occhi del visitatore come un paesaggio ferito ma tenacemente interessato a restare in piedi grazie agli ingombranti sostegni di legno e di acciaio, tra le arcate dei portici e sula facciata della basilica.

Mentre facciamo in anteprima lo stesso percorso del Papa e attraversiamo grazie ad un permesso speciale la “zona rossa”, le case, i palazzi nobiliari e le saracinesche dei negozi mostrano in bella vista le ordinanze di inagibilità e le gru dei Vigli del fuoco lavorano senza sosta per mettere in sicurezza il percorso che farà Francesco per raggiungere piazza Cavour, scrollando i calcinacci troppo pericolanti dalle facciate dei palazzi che faranno da cornice ai suoi passi. Hanno resistito al devastante terremoto del 1799, ma non a quello che ha fatto registrare le due scosse – le più tremende, che si sentono ancora nelle ossa, sotto i piedi, nel cervello e nel cuore – il 26 ottobre del 2016. La prima alle 19.10, la seconda alle 21.18. Ogni abitante di Camerino le ha scolpite nella memoria, in una sorta di fissità sorda e remota che continua a farti compagnia anche quando vorresti scacciarla per un po’, con tutte le tue forze.

 

Nel palazzo arcivescovile adiacente alla cattedrale, tutto è rimasto fermo a quella sera.

All’ultimo piano della Curia c’era la Casa del clero: era lì che dormivano 40 sacerdoti. Tutto è ancora come quella dannata sera di ottobre: il refettorio con le fette biscottate nel cestino del pane, i bicchieri sporchi di caffè, la bottiglia di liquore, forse sambuca, per “correggerlo”. L’atmosfera è cristallizzata in una bolla irreale, eppure iperrealista: come la cyclette in una delle stanze da letto, o la pioggia di macerie piombate dal soffitto senza preavviso sul letto di un’altra stanza. Il prete che la occupava sarebbe rimasto sepolto lì sotto, se il vescovo di allora non fosse intervenuto a liberarlo, insieme all’ingegnere subito accorso dopo la seconda scossa, quella più violenta, per i primi sopralluoghi. Insieme lo hanno portato in salvo in braccio, prima che soffocasse.

Le mura romaniche, che al piano terra erano state appena oggetto di un sapiente intervento di consolidamento, sono le uniche ad aver resistito alla furia devastatrice, grazie al loro metro e mezzo di spessore.

 

Tutto intorno, niente è rimasto al suo posto: la grande libreria riversa obliquamente a terra, le scrivanie ricoperte di calcinacci, con sopra l’ultimo numero de “L’appennino camerte”, il settimanale della diocesi, ancora imballato come avviene prima della consegna. “Oggi vende ancora di più, dopo il terremoto”, ci rivela con un certo orgoglio Mario Staffolani, che a Camerino si occupa di comunicazione a 360 gradi, dal giornale al sito alla radio. A fargli da ombra, Silvia Salustri e Martina Palena, giovanissime, che come tanti loro coetanei hanno deciso di restare, di non scappare: perché i segni di rinascita, su questo territorio, ci sono, nonostante tutto. La vita, concreta e tangibile, oltre le macerie. Gli Uffici della Curia si sono spostati vicino al seminario e fanno da raccordo tra il centro storico e la zona universitaria, in una città di 6mila abitanti con oltre 10 mila studenti. Camerino vive di università da sempre: è il 1336 la data di nascita dell’ateneo, un’eccellenza da queste parti. Quella sera, gli studenti che abitavano in centro si sono riversati in strada fin dalla prima scossa, ed è così che sono riusciti a salvarsi. Ora possono contare su uno studentato nuovo che è frutto dell’ampliamento di lavori già iniziati da Unicam già prima del sisma, e completati grazie a fondi messi a disposizione da privati. E sempre dai privati sono venute le risorse per riaprire una delle chiese-simbolo della città: la basilica di San Venanzio, il santo protettore, che riaprirà a metà dicembre. Nella zona delle “casette” è nato grazie ad altre donazioni anche un asilo nido, mentre  Sotto Corte Village è il centro commerciale dove i ragazzi hanno ricreato la loro piazza. E il Cotram, l’azienda di trasporti locali, che nei giorni drammatici del terremoto ha effettuato un servizio straordinario d’emergenza mettendo perfino a disposizione degli sfollati i pullman per dormire, in questa fase della ricostruzione garantisce corse potenziate agli studenti, per permettere loro di raggiungere comodamente – anche tramite nuove fermate bus – i nuovi alloggi, ci racconta il presidente, Stefano Belardinelli.

Scavare tra le macerie significa anche riportare “dalla polvere alla luce” le opere artistiche

contenute nei depositi, come recita il tema di una mostra curata dalla direttrice dei Musei diocesani, Barbara Mastrocola: “è il frutto della sinergia tra università, diocesi e comune”, ci tiene a precisare a proposito dell’esposizione, visitabile fino al 3 novembre. Prima di ripartire, una sosta alle “casette”, forse il momento più intimo del viaggio di Papa Francesco. Ci viene incontro Ciro Palombi, 68 anni. Sua moglie è morta da un anno e mezzo, ora vive alle Sae con una badante, i suoi figli sono in centro. “È una cosa bella”, ci dice con il suo sorriso sdentato riguardo all’ospite atteso. Il pensiero va al logo di una maglietta, raffigurata nella vetrina di un negozio della “zona rossa”: #ilfuturononcrolla. L’ha realizzata Unicam per finanziare, con i proventi, la ricostruzione.

Categories: Notizie

Pages