Agenzia SIR

Subscribe to Agenzia SIR feed
Servizio Informazione Religiosa
Updated: 1 hour 29 sec ago

Between Bosnia and Croatia, the desperate “game” of migrants to the EU

Tue, 05/03/2019 - 18:51

Among insiders, some call the Bira centre the worst centre for migrants in the whole of Bosnia, and among the worst on the whole Balkan Route. Try to picture it: an old, abandoned refrigerator factory, consisting of massive concrete warehouses side-by-side which make up an industrial area of over 20,000 square meters altogether. Inside, among peeling, punched-through walls and dim lighting, migrants sleep 120 to each tent, while an area of containers with six places each is set aside for families and minors.

The centre was opened by the International Organization for Migration last autumn as a temporary measure to tackle an emergency situation on the border between Bosnia and Croatia, and now hosts over 2,000 people, many more than the official maximum capacity of 1,500.

We are in Bihać, provincial capital of the Una-Sana canton, at the northern frontier of  Bosnia and Herzegovina, a hot border of Europe. The “Bosnian route” passes through here. It is the route taken by migrants attempting to bypass the stiffening of checks along the Serbian-Croat and Serbian-Hungarian borders. According to the official data of the International Organization for Migration,

24,000 migrants passed through Bosnia in 2018, most of them attempting to cross the northern border, going towards Bihać and Velika Kladuša.

Most of them are men or boys, alone, from Pakistan, Afghanistan, Iran and to a lesser extent from Morocco, Tunisia and India, but there are also Syrian and Iraqi families with small children. These last ones resist in Bira while they wait to be transferred to Borici, another camp just outside the city which has just been renovated by IOM, and assigned to families and the most vulnerable. The camp, which used to be a halls of residence for students, is currently home to 150 people, but it will be able to host over 500 when it is fully operational.

Migrants arrive in  Bihać on foot or on buses, regardless of the cold and the snow that still covers the mountains, and they wait for the right moment to cross the border: some go for it alone, at times aided by smartphone maps and the advice of those that already made it, while others rely on traffickers, whose business around here has never been better.

Migrants call it  the “game”, because for most of them, each attempt ends them up right where they started. A macabre game of chutes and ladders which often gives rise to physical and psychological injuries.

“Those who come back to Bira often return with injuries, especially on their feet: excoriations, cuts and bruises, frostbite”, says Selam Midžić, local secretary of the Red Cross. This is due to hours spent in the woods, or from crossing the river Una, but also because of the Croatian police’s collective refoulement: a practice forbidden by European legislation, but which goes on here as along other frontiers.

 

“The number of people passing through the Balkans has lessened considerably following the March 2016 agreement between Turkey and the European Union, but clearly the flow has not stopped and Bosnia is the area with the most kilometres of border to attempt a crossing”, tells to SIR Silvia Maraone, co-ordinator of the Balkan Route interventions for Caritas and IPSIA (an ACLI affiliated NGO), showing her concern for what might happen in the coming months.
“Since the closure of the Central Mediterranean route” – the worker explains – “there is the risk of mounting pressure on the Balkan Route”. It looks like the government in Sarajevo does not want to face this possibility, as it refuses to take over the management of the country’s existing centres, which are all managed by IOM.

On top of this, there is growing resentment in local communities: for example, authorities in the Una-Sana canton have threatened to close all centres in the canton if the maximum capacity is not adhered to, and have increased the transfers of migrants from the border areas towards Sarajevo. So for the past few weeks entries to Bira are blocked –

at least on paper – as confirmed by Mite Cilkovski, in charge of the camp, and this increases the number of people forced to spend the nights outside.

Alongside IOM, only local and international NGOs, Caritas, and independent volunteers who regularly come from Europe to bring aid remain to help the migrants. IPSIA has opened a “Social Café” inside Bira, open three hours a day during which it serves over 400 cups of Caj, the name given to tea in Turkey and several other countries in Asia and the Middle East. We visited the café with a delegation from Caritas Ambrosiana and Caritas Como, who are supporting projects for migrants along the Balkan Route together with other donors and with the Italian Caritas.

“We began with a few thermal flasks” – says Greta Mangiagalli, aid worker with IPSIA in Bihac – “serving the first cups of caj on Christmas Eve; then came the tables, a ping pong table, and the board games. The Social Café is the only space inside Bira where you are allowed to sit quietly, to sit down for a chat”. It is a “garrison inside the Bira where you know you will be listened to”, adds Michele Turzi, a volunteer with Caritas Mantova.

“It is vital for us to work in a camp like Bira, because of the state in which people find themselves. The social café and similar interventions are of the greatest importance for them, to maintain their dignity. It’s not about offering a cup of tea, it’s about recognising each individual as a person”, concludes Silvia Maraone.

It’s one o’clock and the kiosk must close. Some migrants help to put away the tables of the café, which they feel is partly their own. We move towards the exit feeling impotent in the face of this humanity on the move. For the last time we watch the faces of migrants sitting outside the tents, and they appear suspended between the hope of making it and the resignation of having ended up in limbo: too far from home to go back, and too tired to go forward. But it lasts only a moment: the border is so close, and they will all try again, even if it should be the last step they take.

Categories: Notizie

Papa in Marocco. Mons. López Romero (Rabat): “Siamo la Chiesa del Buon Samaritano”

Tue, 05/03/2019 - 12:59

“Un momento storico” per il Marocco e la piccola comunità cattolica del Paese. Un viaggio all’insegna del dialogo, in particolare con l’islam, della fede cristiana vissuta in armonia ecumenica in terra a maggioranza musulmana e del servizio ai più vulnerabili, i migranti. Questi i tre tratti che caratterizzeranno il viaggio di papa Francesco a Rabat, il 30 e il 31 marzo. A sottolinearli al Sir è mons. Cristóbal López Romero, arcivescovo di Rabat, che oggi a Casablanca ha presentato alla stampa locale la visita del Papa che ha scelto come motto “Servitore di Speranza”, con la croce cristiana e la mezzaluna islamici rappresentati nei colori del Marocco e della Santa Sede. Nel Dossier stampa che è stato dato ai giornalisti, si sottolinea che il papa sarà accolto dal Re Mohammed VI e il suo viaggio in terra marocchina comincerà pertanto all’insegna “del dialogo interreligioso, della comprensione reciproca tra fedeli delle due religioni e della promozione della pace e della tolleranza”. La visita inoltre si svolge nell’anno in cui si celebrano gli 800 anni dell’incontro tra san Francesco di Assisi e il sultano al-Malik al Kâmil e gli 800 anni della presenza francescana in Marocco (1219-2019). 34 anni dopo il viaggio di Giovanni Paolo II (il 19 agosto 1985), questa nuova visita rappresenta quindi un “momento che permetterà di continuare a far vivere questo messaggio di pace tra cristiani e musulmani”. Altro segno distintivo del viaggio di papa Francesco è la solidarietà verso i migranti “in un Paese – si legge ancora nel Dossier – che ha da subito optato verso una politica di accoglienza degna e coraggiosa. Un’occasione per riaffermare il sostegno di papa Francesco al Global Compact sui migranti delle Nazioni Unite che è stato adottato a Marrakech nel dicembre scorso e per richiamare di nuovo la comunità internazionale a operare con responsabilità, solidarietà e compassione verso i migranti”. Nel Dossier, oltre a ripercorrere tappa per tappa la visita del papa a Rabat, si danno alcune informazioni pratiche. La Messa che domenica 31 marzo il Papa celebrerà allo stadio Prince Moulay Abdellah, sono attese dalle 7 alle 10mila persone. Ci saranno i membri della comunità cattolica del Paese ma anche “tutti gli amici della Chiesa cattolica”. Il Vangelo sarà quello della Parabola del Figliol Prodigo, nel segno – si legge nel Dossier – della “Misericordia di Dio” in sintonia con il “Dio clemente e Misericordioso” invocato all’inizio di ogni sura del Corano. Il Marocco ha accolto negli ultimi 15 anni numerosi studenti provenienti dai paesi sub-sahariani di cui una gran parte sono cristiani e questa loro presenza ha dato nuovo vigore anche alla Chiesa cattolica locale. Sono 30mila i cristiani che vivono in Marocco, di cui 20mila cattolici e 10mila protestanti. Una Chiesa giovane la cui età media è intorno ai 35 anni. Il Sir ha raggiunto telefonicamente l’arcivescovo di Rabat, mons. Lopez Romero, prima della conferenza stampa di Casablanca.

Che cosa avete detto ai giornalisti per presentare il viaggio di papa Francesco?

E’ un momento storico. Si svolge in un contesto di dialogo interreligioso. Per il popolo marocchino questo viaggio è molto importante perchè è in qualche modo un riconoscimento di tutti gli sforzi che il Marocco sta compiendo per progredire verso un islam moderato, di dialogo, tollerante.

Con quale stato d’animo il popolo marocchino sta aspettando papa Francesco?

I media ancora non hanno dato rilievo alla notizia del suo arrivo. In questi giorni il Marocco ha ricevuto prima il Re di Spagna e solo qualche giorno fa il principe Harry con la sua consorte . I giornali hanno dato pubblicazione del programma della visita del Papa ma le aspettative non sono ancora cominciate. Ci aspettiamo con questa conferenza stampa di Casablanca che nei prossimi giorni la notizia dell’arrivo di papa Francesco comincerà a fare presa sulla opinione pubblica.

Siete una piccola comunità cattolica. Che cosa significa per la Chiesa in Marocco accogliere Papa Francesco?

E’ il nostro Padre che arriva e arriva per confermarci nelle tre virtù teologali. Viene per confermarci nella fede, viene per donarci speranza (tra l’altro il motto della visita è “Servitori della speranza”) e viene per abbracciarci nell’amore perché possiamo essere amore in questo Paese.

Il Marocco è un paese di passaggio per i tanti migranti che dall’Africa tentano di raggiungere l’Europa. Quale sforzo fa la Chiesa per soccorrere queste persone?

E’ uno sforzo molto forte. Noi ci definiamo come una Chiesa del Buon Samaritano. E come il Buon Samaritano indicato nel Vangelo vogliamo guarire, curare colui che è ferito e malato. Il Marocco non è solamente, come lei diceva, un paese di passaggio. E’ anche un Paese di emigrazione, in quanto sono molti i marocchini che migrano verso l’Europa ed è un Paese di destinazione. Qui ci sono persone provenienti dall’area sub-sahariana che decidono di rimanere qui in Marocco. Quello che cerchiamo di fare è dare delle risposte soprattutto ai più vulnerabili. Non possiamo fare tutto ma ci sono più di 120 persone che nelle due diocesi del Paese, Tangeri e Rabat, lavorano a livello professionale in Caritas per aiutare i migranti. Caritas è l’organizzazione più importante in Marocco che lavora con i migranti. E questo lavoro lo facciamo seguendo le 4 indicazioni date da papa Francesco: accogliere, proteggere, promuovere e integrare. Lavoriamo su questi 4 livelli ma soprattutto per accogliere e proteggere i migranti più vulnerabili. Ogni anno più di 11 mila migranti vengono accolti e protetti da Caritas e la Chiesa destina a questo scopo un budget considerevole.

Categories: Notizie

Apertura degli Archivi vaticani su Pio XII. Riccardi (storico): “La completezza renderà giustizia all’azione della Santa Sede”

Tue, 05/03/2019 - 12:59

“Pio XII è una figura importante che esprime l’antico ma proietta la Chiesa verso il nuovo, un riferimento nodale per capire il ‘900. Ma non tutti i Papi devono necessariamente diventare santi, altrimenti si rischia di creare una identificazione che va a discapito di quei pochi che non saranno canonizzati”. Andrea Riccardi, storico e fondatore della Comunità di Sant’Egidio, parla all’indomani dell’annuncio di Papa Francesco di aprire gli Archivi Vaticani per il pontificato di Pio XII il 2 marzo 2020.

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

Come ha accolto la decisione del Santo Padre?
Me l’aspettavo da anni. La circospezione con cui si aprono certi archivi vaticani non è produttiva per la storia e per la Santa Sede. La chiusura, infatti, ha favorito il senso di segretezza e rifiuto della storia che si è diffuso nell’opinione pubblica e in certi studiosi. Sappiamo che questo ritardo è dovuto alla faticosa e complessa preparazione di un materiale ingente, ma la storia contemporanea ha i suoi ritmi.

Abbiamo lavorato su Pio XII senza avere accesso agli archivi vaticani, operando su quelli personali, degli Stati e dei prelati. Tutto ciò ha portato a considerazioni storiche ormai consolidate che ora andrebbero ridiscusse.

Ma quando si sono aperti gli archivi di Pio XI, ad esempio, non c’è stata questa volontà di ridiscutere le questioni. Di fronte alla mole degli archivi, gli studiosi non sono andati a fondo. Con Pio XII forse è diverso, perché la materia è ancora calda.

Pio XII è considerato una figura controversa. Dipende forse dal fatto che non lo si conosce davvero bene?
Ogni grande figura è controversa. Pio XII è vissuto in tempi impossibili per una internazionale come la Chiesa cattolica, che era lacerata dal conflitto mondiale. Era un periodo terribile: il nazismo era arrivato a dominare Roma per nove mesi, fin sotto le finestre del Papa; il comunismo aveva distrutto come un nuovo conquistatore la Chiesa cattolica in tutto l’oriente europeo.

Ci furono alternative impossibili per la chiesa di Pio XII: con il comunismo, negoziare o condannare? Con il nazismo, denunciare o salvare quante più vite possibili?

Papa Pacelli, però, non gioca solo sulla difensiva.
Partecipa a grandi iniziative: il processo di creazione europeo a cui aderisce in maniera convinta, la fondazione della Democrazia cristiana in Italia, l’avvio di una Chiesa decolonizzata. C’è poi la questione riguardante la Cina, e sarà interessante vedere dagli archivi vaticani cosa successe con l’avvento di Mao e l’inizio della crisi dei rapporti tra il Vaticano e il governo comunista di Pechino.

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

Nulla da temere dalle carte contenute negli archivi?
Quello che doveva venire fuori è già venuto dagli archivi diocesani e privati. Non c’è niente da temere. Bisogna considerare, invece, che la completezza delle informazioni rende giustizia alla complessità dell’azione del Vaticano. Ne sono convinto.

Quando non si ha tutta la documentazione, siamo prigionieri della logica degli scoop.

Un documento, invece, va inquadrato in un contesto. La completezza renderà giustizia all’azione della Santa Sede e dei Papi. E alle figure di importantissimi collaboratori dei pontefici, che hanno fatto la storia della Chiesa. Penso a Montini, Roncalli, Cardini: hanno lavorato all’ombra dell’istituzione ma hanno lasciato tracce importanti. L’apertura sarà estremamente positiva e il mio auspicio è che si vada in fretta per il pontificato successivo.

Questa decisione avrà conseguenze anche per il processo di canonizzazione?
Non conosco bene lo stato del processo di Pio XII, ma ho presente la sensibilità ebraica nei confronti della sua figura. Per tanti ebrei l’atteggiamento di Pio XII risulta incomprensibile di fronte alla Shoah. Non ritengo che tutti i Papi debbano diventare santi. Come storico, mi sento di dire che Pio XII è una figura importante e inevitabile per chi vuole studiare la storia politica e religiosa tra guerra e dopoguerra. È una figura che esprime l’antico, ma che cerca di proiettare la Chiesa verso il nuovo.

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

Con l’apertura degli archivi potrà cambiare l’approccio del mondo ebraico?
Dagli ebrei è venuta spesso la richiesta di conoscere meglio i documenti, e quindi credo che questo porterà a una considerazione più positiva o quantomeno più storica della figura di Pio XII. Del resto, voglio ricordare il grande contributo che abbiamo avuto con la coraggiosa pubblicazione degli “Actes et documents du Saint Siège relatifs à la Seconde Guerre Mondiale” su decisione di Paolo VI. Quelle carte fanno vedere un atteggiamento sfaccettato della Santa Sede. Ci sono anche delle cose che non erano proprio a favore. Penso ad alcune battute di monsignor Dell’Acqua su un padre cappuccino che si dava da fare per gli ebrei a Roma. Dopo il coraggio di Paolo VI del 1965, abbiamo aspettato tanto. E spero che questo tempo non lenisca la passione storiografica di chi vuole conoscere quel periodo e quelle figure.

Categories: Notizie

The Pope’s visit to Morocco. Msgr. López Romero (Rabat): “We are the Church of the Good Samaritan”

Tue, 05/03/2019 - 12:59

“A historic moment” for Morocco and the country’s small catholic community. A journey under the banner of dialogue with Islam in particular, of a Christian faith which lives in ecumenical harmony in a majority Muslim land, at at the service of the most vulnerable: the migrants. These are the three traits characterising Pope Francis’ trip to Rabat on March 30-31, which Msgr. Cristóbal López Romero, archbishop of Barat, who introduced today the Pope’s visit to the local press, illustrates to SIR. The motto of the visit is “Servant of Hope”, with the Christian cross and the crescent in the colours of Morocco and the Holy See. Journalists were handed a dossier desribing how the Pope will be met by King Mohammed VI and that his trip to Morocco will be under the banner “of interreligious dialogue, mutual understanding between the followers of the two faiths and the promotion of peace and tolerance”. The visit takes place in the year of the 800th anniversary of the meeting between Saint Francis of Assisi and the sultan al-Malik al Kâmil, as well as the anniversary of the Franciscan presence in Morocco (1219-2019). Thirty-four years after the visit of John Paul II (on August 19, 1985), this new journey represents therefore a “moment that will keep alive this message of peace between Christians and Muslims”. Another noteworty feature of Pope Francis’ trip is the solidarity with migrants “in a country – the dossier states – that chose a policy of worthy and courageous reception from the very beginning.

It is a chance to reaffirm Pope Francis’ support for the Global Compact on Migration of the UN, adopted in Marrakesh last December, and appeal once more to the international community to work with responsibility, solidarity and compassion towards migrants”. The dossier highlights some practical information as well as laying out the Pope’s visit to Rabat step-by-step. Between 7,000 and 10,000 people are expected to attend the Pope’s mass, which will be celebrated on Sunday March 31 at the Prince Moulay Abdellah stadium. Members of the country’s catholic community will be there as well as “all the friends of the Catholic Church”. The Gospel will be that of the Parable of the Prodigal Son, in the sign of the “Mercy of God”, which resonates with the “compassionate and merciful God” invoked at the beginning of every sura of the Koran.

Over the last 15 years, Morocco has welcomed many students from sub-Saharan countries, many of whom are Christians, and their presence has re-invigorated the local Catholic Church. There are 30,000 Christians in Morocco, of whom 20,000 are Catholics and 10,000 are Protestants. It is a young Church, whose members’ average age is about 35 years old. SIR spoke on the phone with the archbishop of Rabat, Msgr. Lopez Romero, before the Casablanca press conference.

With what words did you introduce Pope Francis’ trip to the journalists?
It is a historic moment. It takes place in a context of interreligious dialogue. This trip is very important for the people of Morocco because it is in some way a recognition of Morocco’s efforts to progress towards a moderate, tolerant, dialoguing Islam.In what state of mind are the Moroccan people awaiting Pope Francis?

The media has yet to draw attention to the news of his arrival. In these days Morocco received first the King of Spain and only a few days ago Prince Harry with his wife. The newspapers have published the program of the Pope’s visit but expectations have yet to start. We expect that with this press conference in Casablanca, news of Pope Francis’ arrival will begin to take hold on public opinion in the coming days.

Yours is a small Catholic community. What does it mean for the Church in Morocco to welcome Pope Francis?

It is our Father who arrives, and he comes to confirm us in the three theological virtues.

He comes to confirm us in faith, he comes to give us hope (a propos, the motto of the visit is “Servants of Hope”) and he comes to embrace us in love so that we may be love in this country.

Morocco is a country of transit for the many migrants who attempt to reach Europe from Africa. What is the Church’s effort to aid these people?

It is a very big effort. We call ourselves the Church of the Good Samaritan, and just like the Good Samaritan of the Gospels, we want to heal and cure the injured and the sick.Morocco is not only a country of transit, as you said. It is also a country of emigration, given that many Moroccans migrate to Europe, and it is also a country of destination. There are people from Sub-Saharan Africa who choose to stay here in Morocco. What we try to do is provide answers, especially to the most vulnerable ones. We can’t do everything, but there are over 120 people in the country’s two dioceses, Tangier and Rabat, who are professionally employed by Caritas to help migrants. Caritas is the most important organization in Morocco working with migrants. We carry out our task following the 4 verbs of Pope Francis: Welcome, Protect, Promote, Integrate. We work on these four levels but especially to welcome and protect the most vulnerable migrants. Every year over 11,000 migrants are welcomed and protected by Caritas, and the Church sets aside a sizeable budget for this purpose.

Categories: Notizie

The Vatican opens its Archives on Pius XII. Riccardi, historian: “Completeness will do justice to the action of the Holy See”

Tue, 05/03/2019 - 12:59

“Pius XII is an important figure which expresses the ancient, while guiding the Church towards the new; he is a crucial point of reference to understand the 20th Century. But not all Popes must necessarily become saints, or else we risk creating an identification which goes to the detriment of the few who will not be canonized”. Andrea Riccardi, historian and founder of the Community of Sant’Egidio, speaks on the day after Pope Francis’ announcement of the opening of the Vatican Archives on the papacy of Pius XII, on March 2 2020.

How did you react to the Holy Father’s decision?
I had been expecting it for years. The caution with which some Vatican archives are opened is not productive for history and for the Holy see. Indeed, closure has favoured a sense of secrecy and rejection of history that has spread throughout public opinion and among some scholars. We understand that this delay is caused by the laborious and complex preparation of considerable material, but contemporary history does have its own pace.
We went to work on Pius XII without access to the Vatican archives, so we relied on personal, states and prelates archives. All this led to well-established historical considerations that must now be called into question.

But when the archives on Pius XI were opened, for example, there was no desire to re-discuss the issues. Faced with the huge size of the archives, scholars did not get to the bottom of them. Perhaps it is different with Pius XII because the subject is still fresh.
Pius XII is considered a controversial figure. Could this be because we don’t know him well enough?
Every great figure is controversial. Pius XII lived in impossible times for an international institution such as the Catholic Church, which was being torn apart by the worldwide conflict. Those were dreadful times: Nazism had managed to rule over Rome for nine months, reaching right up to the Pope’s window; Communism had destroyed the Catholic Church in Eastern Europe, just like a new conqueror.

The Church of Pius XII faced impossible choices: condemn Communism, or negotiate with it? Denounce Nazism, or save as many lives as possible?But Pope Pacelli did not only play in defence.

He took part in important initiatives: the process of European integration which he joined with great conviction; the founding of the Christian Democrat Party in Italy; the beginning of a decolonized Church. There is also the question of China, and it will be interesting to see from the archives what went on with the arrival of Mao and the beginning of the crisis in relations between the Vatican and the Communist government of Peking.

Is there anything to fear from the documents in the archives?
Whatever had to come to light has already come out of diocesan and private archives. There is nothing to fear. We must consider instead that completeness will do justice to the action of the Holy See, I am sure of that.

When we do not have all available documentation, we succumb to sensationalism.

Instead, documents must be put into context. Completeness will do justice to the actions of the Holy See, of the Popes, and of the extremely important assistants of the Popes who made the history of the Church, such as Montini, Roncalli, Cardini: they worked in the backstage of the institutions but left important marks. The opening will be very positive and my wish is that we move quickly regarding the papacy that followed.

Will there be any consequences on the canonization process?

I am not familiar with the status of the process of Pius XII, but I know about Jewish sensitivity to his figure. For many Jews, the attitude of Pius XII in the face of the Shoah is incomprehensible. I do not think that all Popes must become saints. As a historian, I would like to say that Pius XII is an important and unavoidable figure for those who want to study political and religious history during the war and post-war periods. His figure expresses the ancient, while guiding the Church towards the new.

Will the approach of the Jewish world change with the opening of the archives?

Jewish people have often mentioned their interest in a better knowledge of the documents, so I believe that this will bring a more positive consideration – or at least a more historical one – of Pius XII. In fact, I would like to mention the important contribution that came with the courageous publication of the “Actes et documents du Saint Siège relatifs à la Seconde Guerre Mondiale<http://www.vatican.va/archive/actes/index_it.htm>”, by initiative of Paul VI. Those papers show a multifaceted attitude of the Holy See. Some of the items are not quite exemplary. I am thinking of some utterances by Monsignor Dell’Acqua about a Capuchin father who was helping the Jews in Rome, for example. We waited a long time after the courageous act of Paul VI in 1965. And I hope that the time elapsed does not lessen the historiographic passion of those who want to learn about the period and its figures.

Categories: Notizie

Tra i braccianti Sikh sfruttati nelle campagne dell’Agro Pontino: turni di lavoro di 16/18 ore, tutti i giorni

Tue, 05/03/2019 - 11:06

Il tempio Sikh di Borgo Hermada, nelle campagne dell’Agro Pontino, in provincia di Latina, non è facile da trovare. Superato il piccolo borgo dal nome spagnoleggiante, simile a tanti altri costruiti durante il periodo fascista per la bonifica di quelle terre malsane – facendo arrivare anche molti migranti dal Veneto, sic! – bisogna inoltrarsi tra prati e alberi di mimosa in fiore. Invece degli sfarzosi templi che caratterizzano la ricca e varia religiosità indiana, c’è una grande ed anonima tensostruttura bianca. Ironia della sorte, è molto simile alle serre di ortaggi dove migliaia di braccianti Sikh, giunti in queste zone da decenni, sono impiegati in condizioni di sfruttamento. Non solo nell’agricoltura, anche nelle stalle con il bestiame. Lavorano tutti i giorni, festivi compresi, da un minimo di 12/14 ore fino a 16/18 ore al giorno. Guadagnano nemmeno 4 euro l’euro. A fine mese, se va bene, riescono a mettere insieme uno stipendio di 800 euro. A volte in nero, a volte con contratti che regolarizzano solo la metà delle giornate lavorate, a volte con affiancata lettera di licenziamento da firmare in bianco appena assunti. Alcuni sono inseriti nel territorio e sono riusciti a far arrivare dal Punjab indiano anche le famiglie. Altri vivono in 6/8 persone in baracche o container senza acqua ed energia elettrica, pagando affitti irragionevoli. Il caporalato e le mafie della zona fanno affari d’oro in queste zone, interfacciandosi anche con il vicino mercato agricolo di Fondi, notoriamente oggetto di interessi criminali. Negli ultimi anni sindacalisti e attivisti che hanno preso a cuore la vita di questi uomini miti e laboriosi hanno portato allo scoperto il malaffare e tante sono state le denunce e gli arresti.

Il sociologo Marco Omizzolo

“Braccia utili all’agricoltura, erano pagati 50 centesimi l’ora”. “Quando abbiamo iniziato i braccianti erano pagati 50 centesimi l’ora ed erano costretti a chiamare ‘padrone’ i datori di lavoro”, racconta Marco Omizzolo, il sociologo che studia il fenomeno e li affianca da anni, tra i fondatori della cooperativa In Migrazione . “Erano obbligati a radersi i capelli e la barba: un tentativo di cancellare l’essere umano e la loro identità per farne solo braccia utili all’agricoltura”. Dopo un grande sciopero in piazza a Latina il 18 aprile del 2016, con oltre 4.000 braccianti Sikh, qualcosa ha iniziato a muoversi:

“Molti hanno avuto il coraggio di denunciare lo sfruttamento e al Tribunale di Latina sono arrivate 150 denunce”.

“Ma se vengono trovati a parlare con sindacalisti e giornalisti rischiano la vita, ci sono frequenti minacce e ritorsioni”. Tanti sono ancora gli episodi di umiliazioni e sfruttamento, per questo, secondo Omizzolo, sono necessarie nuove lotte: “Dobbiamo scendere di nuovo in piazza. O ci ribelliamo o siamo complici”.

Nel tempio Sikh di Borgo Hermada si entra senza scarpe. Anche gli ospiti devono mettere sulla testa, per rispetto, copricapi colorati. La scorsa settimana una folta delegazione di magistrati della storica associazione Magistratura democratica, ha scelto di aprire il congresso annuale in un luogo simbolico delle ingiustizie di questi tempi. Seduti in terra ad aspettare c’erano già centinaia di braccianti indiani con i loro affascinanti turbanti azzurri, bianchi, gialli, rossi, neri, arancioni. In un angolo buio, alcune donne. Perfino un bambino di 4/5 anni, dagli occhi vivaci e il sorriso raggiante. Nell’aria profumo di curry, cumino, cardamomo e altre spezie del sub-continente indiano. Nel luogo in cui si prega è compresa una cucina. Qualcuno serve il cibo, i braccianti stanchi del lavoro mangiano le samosa – triangolini piccanti riempiti di carne o verdure -, agli ospiti viene offerta aranciata, al termine dell’incontro anche rasgollah, gli zuccherosi dessert indiani intinti nell’acqua di rose.

Al servizio dei diritti e della giustizia. “Ringrazio Dio perché ci state vicino – dice Gurmuk Singh, presidente della Comunità indiana del Lazio -. I nostri problemi sono tanti: i ragazzi vengono pagati poco, ci sono difficoltà con i permessi di soggiorno, brutte condizioni degli alloggi. Ringraziamo i carabinieri di Terracina perché quando succede qualcosa intervengono, ma

lo sfruttamento ancora esiste e dobbiamo combattere tanto”.

Riccardo De Vito, presidente di Magistratura democratica, ribadisce quanto sia fondamentale, per i magistrati, la conoscenza diretta delle realtà con cui devono confrontarsi. “Noi siamo qui per far sì che i diritti e la Costituzione vengano presi sul serio”, sottolinea.

Magistrati, avvocati, sindacalisti e lavoratori si alternano al microfono. Si sente che i problemi sono seri e pressanti e che qui, in prima linea, si sta facendo la storia. A fianco agli uomini sfruttati c’è anche un prete diocesano impegnato nell’associazione Libera. Indossa il copricapo come gli altri, le sue parole sono sincere e appassionate. “Il vero problema in Italia non sono i migranti ma i mafiosi – scandisce don Francesco Fiorillo, del presidio di Libera Sud Pontino -. E il vero corto circuito è la solitudine.  Invece contro le mafie vince il ‘noi’, la corresponsabilità”. Don Fiorillo lancia un forte  appello “ad essere un po’ più coraggiosi”: “Oggi non si può più essere neutri, bisogna decidere da che parte stare ed alzare la voce, perché di prudente silenzio ce n’è già troppo”. Il sacerdote ci tiene a sconfessare “chi pensa che ci sia un conflitto tra religioni: l’autentica religiosità è mettersi insieme al servizio della giustizia”.

“Non basta indignarsi, bisogna impegnarsi”.

https://www.youtube.com/watch?v=wvx4ZQXQDpk

Categories: Notizie

Ore contate per l’Isis. Bertolotti (Ispi): “Sconfitto sul campo ma l’ideologia continua a vivere”

Tue, 05/03/2019 - 09:32

“Sconfitto sul campo di battaglia ma non sul piano della mentalità e dell’ ideologia. Da questo versante la risposta non può essere solo militare ma anche e soprattutto politica”: così Claudio Bertolotti, analista strategico dell’Ispi, l’Istituto per gli studi di politica internazionale, commenta al Sir la battaglia di Baghuz, l’ultima roccaforte dell’Isis in territorio siriano, poco distante dal confine iracheno.

Claudio Bertolotti

Le forze arabo-curde, con l’appoggio dell’aviazione americana, fronteggiano gli ultimi jihadisti asserragliati in un fazzoletto di terra, ben poca cosa rispetto a un terzo della Siria e un terzo dell’Iraq che avevano conquistato nel 2014. Ad alzare la posta di una eventuale resa il destino di 24 ostaggi, compresi alcuni occidentali. Tra loro potrebbe esserci anche il gesuita padre Paolo Dall’Oglio, come alcuni media libanesi hanno rilanciato. “Siamo davanti ad un risultato importante sul campo di battaglia” – dice l’analista che è anche direttore di Start InSight” (www.startinsight.eu)- possiamo parlare di

“sconfitta militare. Ma non è la fine della guerra. Lo Stato islamico va sconfitto anche come ideologia”.

L’Isis, infatti, aveva già messo in conto una sconfitta militare, e sin dal 2015, spiega Bertolotti, “ha adottato delle strategie di contrasto tornando ad essere una forza insurrezionale. Questo perché la comunità internazionale, con Siria e Iraq, non sono riusciti ad eliminare quelle cause sociali che lo hanno fatto emergere”. Chiaro il riferimento alle “divisioni interne, alla corruzione, all’instabilità politica, alla povertà, alla carenza di infrastrutture, servizi e di lavoro in questi due Paesi. L’esportazione della democrazia non ha prodotto risultati positivi da nessuna parte”.

L’Isis è stato sconfitto militarmente in Siria e in Iraq ma è ancora presente in Afghanistan, Mali, Filippine, Yemen, Sinai, Libia, Nigeria, Somalia. Una sorta di franchising del terrore, è così?
Lo Stato Islamico, con un approccio strategico di lungo respiro, ha capito che il suo futuro non avrebbe potuto essere territoriale o avere una forma statuale, ma avrebbe dovuto adattarsi alle dinamiche geopolitiche e ai tentativi di contrasto dell’Occidente e degli stessi Paesi arabi. A partire dal 2015 la strategia è stata quella di spingere i suoi potenziali miliziani a combattere nel territorio di residenza, in Europa o altrove, piuttosto che recarsi in Siria o Iraq. Al tempo stesso, avvalendosi di gruppi storicamente già consolidati come Boko Haram in Nigeria, si è passati ad una sorta di franchising in cui lo Stato islamico ha concesso il suo brand di successo in cambio della fedeltà al Califfo. Conflitti locali innestati dentro un contesto di guerra e di jihad globale. Ma Isis ha altri canali di diffusione ideologica come il web, il rientro dei reduci e combattenti dal fronte siro-iracheno nei loro Paesi di origine o il trasferimento degli stessi in Paesi terzi per continuare a combattere.

La guerra contro l’Isis che si combatte sul fronte dell’ideologia è decisamente più difficile da sradicare. Più che militare, servirebbe una risposta politica…
Il rischio che si corre è quello di commettere lo stesso errore fatto in Iraq, o in qualche modo che si sta commettendo anche in Afghanistan: quello di dare alla componente militare il peso maggiore in una strategia che deve essere anche politica. Un paese non può essere abbandonato dopo l’abbattimento di un regime terribile come quello dello Stato Islamico.

Occorre pensare ad una strategia di lungo respiro che lavori sul piano politico, che preveda il coinvolgimento di tutte le componenti nazionali e che risponda concretamente alle esigenze della popolazione locale in ambito di sicurezza, stabilità, infrastrutture, istruzione, lavoro, necessarie non a sopravvivere ma a vivere con dignità.

Chi potrebbe dare questa risposta politica? Anche quei Paesi dell’area che in un passato recente hanno mostrato di avere rapporti non troppo limpidi con lo Stato Islamico?
Se ci riferiamo a Paesi come l’Arabia o il Qatar, io credo che, da un lato, ci sia la presa di coscienza di un esperimento sfuggito di mano con risultati noti a tutti. Il supporto all’Isis non è mai avvenuto per canali ufficiali ma attraverso fondi, associazioni e fondazioni caritatevoli che in qualche modo hanno fatto giungere fondi allo Stato Islamico che poi ha attivato una serie di commerci di petrolio, beni archeologici, di sfruttamento dei flussi migratori arrivando a interagire con gruppi criminali collegati a terroristi. Si tratta di Paesi che hanno giocato non ufficialmente la carta di gruppo destabilizzante per potersi, una volta limitato l’Isis, avvantaggiare su eventuali tavoli negoziali con l’Occidente o con altri Paesi dell’area. Basti pensare alla conflittualità esistente tra Arabia saudita e Iran, alla presenza diretta di attori iraniani in Siria che hanno combattuto contro l’Isis o all’approccio da guerra di prossimità (proxy war) adottato dall’Arabia Saudita sostenendo gruppi islamisti tra cui l’Isis.

Il passaggio dello Stato islamico ha lasciato sul terreno non solo morti e distruzioni ma anche popolazioni divise, frammentate al loro interno. Da una parte chi ha sostenuto l’Isis e dall’altra chi lo ha combattuto o peggio subito, come le minoranze yazide, cristiane, mandee. Sarà possibile ricostruire i legami antichi di un tempo?
Il tessuto sociale in Siria e in Iraq è devastato. La contrapposizione tra sciiti e sunniti ha portato in Siria alla sostanziale sparizione di intere popolazioni che hanno abbandonato il Paese. Nel frattempo attraverso anche piani di investimento immobiliare l’Iran sta acquisendo ampie aree siriane precedentemente abitate da sunniti per ripopolarle con popolazioni sciite. Così facendo si modificano equilibri che hanno retto per almeno 100 anni, dagli accordi di Sykes-Picot (1906) che hanno regolato i confini degli Stati mediorientali dividendo intere tribù e famiglie. L’equilibrio di Sykes-Picot oggi è venuto meno. Il successo dello Stato islamico è quello di aver abbattuto anche fisicamente quei confini e il sistema sociale che ne derivava. Ripristinare un tale equilibrio è impossibile. I vuoti si riempiono velocemente ma

i trasferimenti di popolazioni portano a nuovi conflitti.

Il rischio è vedere altre contrapposizioni tra sciiti e sunniti impegnati a portare avanti i propri progetti di natura politica nascondendoli sotto il mantello della religione.

Il tutto a danno delle minoranze etnico-religiose o di quel che resta di queste che non possono vantare particolari aiuti, se non quello dell’Occidente…
Se l’Occidente vuole avere un ruolo nel futuro del Medio Oriente deve sostenere le popolazioni locali anche senza presenza diretta. Il ruolo dell’Occidente è proteggere – si tratta di un principio delle Nazioni Unite – le minoranze, quelle che hanno patito in questi anni di guerra le violenze peggiori. Pensiamo a yazidi e cristiani che hanno in gran parte abbandonato le loro terre in Siria e Iraq.

Altro problema posto dalla sconfitta militare dell’Isis è quello dei foreign fighters catturati e che dovrebbero essere rimpatriati. Molti governi occidentali sono riluttanti a riprenderli poiché sarebbe legalmente difficile formulare accuse e istruire processi, con il rischio di doverli rilasciare. Come gestire questo dossier?
I foreign fighters sono oggi la minaccia principale che va aggiunta a quella dei radicalizzati già presenti all’interno degli Stati. I foreign fighters di ritorno europei sono circa 4 mila. Si stima possano esserne rimasti in vita circa 2400, 800 quelli in mani siriane, irachene e curde e in attesa di processo. Il rientro dei foreign fighters è stato confermato anche dalla nostra intelligence pochi giorni fa in Parlamento.

Si parla di soggetti che stanno facendo ritorno, alcuni di questi – pochi in verità – anche attraverso i flussi migratori irregolari. Questo rappresenta un fattore di criticità. I soggetti che sono ancora in Siria, Iraq e in Nord Africa potrebbero rientrare o recarsi in Paesi terzi a combattere. Lo abbiamo già visto in Libia, in Afghanistan e nel Sud Est asiatico.Come affrontare nello specifico il caso degli 800 foreign fighters detenuti di nazionalità europea o occidentale?
Si tratta di un aspetto molto preoccupante al punto da spingere i governi europei a non prendere una decisione. Farlo potrebbe significare, da un lato, esporsi alle critiche dell’opinione pubblica, e dall’altro, trovarsi a gestire un problema difficile sul piano del diritto. La situazione più comoda – come dimostra la Gran Bretagna – è togliere la nazionalità ai propri cittadini e lasciare che vengano processati nel paese dove sono stati arrestati. Vale anche per l’Italia che ha tra i suoi 138 foreign fighters diversi detenuti nelle carceri curde. Non prendere una decisione può in parte risolvere o spostare in avanti il problema.

Tutti si chiedono che fine abbia fatto il Califfo al Baghdadi…
Negli ultimi due anni si sono registrate diverse notizie che, a vario titolo, davano al Baghdadi catturato o braccato. L’ultima risale a poche settimane fa. C’è chi vocifera che possa essere dentro una delle ultime sacche di resistenza. Detto questo credo si possa dire che se non si troverà vivo o almeno il corpo, in caso fosse deceduto, si verrà a realizzare il suo disegno strategico: scomparire fisicamente per essere sempre presente così come è stato per il Mullah Omar in Afghanistan, prima che si confermasse la sua morte. Indipendentemente dalla morte fisica, ciò che conta, per i suoi adepti, è la sua sopravvivenza ideale e ideologica.

Categories: Notizie

Tra Bosnia e Croazia il “gioco” disperato dei migranti verso l’Ue

Tue, 05/03/2019 - 09:04

C’è chi tra gli addetti ai lavori definisce il Bira come il peggior centro per migranti di tutta la Bosnia, tra i peggiori dell’intera Rotta Balcanica. Provate ad immaginarlo: una vecchia ditta abbandonata di frigoriferi, fatta di grandi capannoni di cemento affiancati l’uno all’altro a creare un’area industriale di oltre 20mila metri quadrati. All’interno, tra muri scrostati o forati, e scarsa illuminazione, i migranti dormono a gruppi di 120 per tenda, mentre a famiglie e minori è riservata un’ala con dei container da sei posti ciascuno. Complessivamente nel centro – aperto dalla Organizzazione mondiale delle migrazioni nell’autunno scorso per cercare di tamponare una situazione di emergenza al confine tra Bosnia e Croazia – sono ospitati oltre 2mila persone, molti di più rispetto ai 1.500 della capienza massima prevista.

Ci troviamo a Bihać, capoluogo del cantone dell’Una-Sana, alla frontiera nord della Bosnia ed Erzegovina, confine caldo d’Europa. È da qui che passa la “rotta bosniaca”, la via percorsa dai migranti che tentato di aggirare l’irrigidimento dei controlli lungo il confine serbo-croato e serbo-ungherese. Stando ai dati ufficiali dell’Organizzazione mondiale delle migrazioni

sono stati 24mila i migranti in transito in Bosnia nel corso del 2018 e la maggior parte di loro ha cercato di passare il confine a nord puntando verso Bihać e Velika Kladuša.

Sono per lo più uomini e ragazzi soli, provenienti da Pakistan, Afghanistan e Iran e, in misura minore, da Marocco, Tunisia e India, ma ci sono anche famiglie siriane e irachene con bambini piccoli. Quest’ultime resistono al Bira nell’attesa di essere trasferite al Borici, un altro campo appena fuori dal centro della città che è stato appena ristrutturato dall’Iom e destinato alle famiglie e ai soggetti vulnerabili. Attualmente nel campo, un ex studentato, sono accolte 150 persone ma, una volta a regime, la capienza sarà di oltre cinquecento persone.

I migranti a Bihac arrivano in bus o a piedi, nonostante il freddo e la neve che ancora ricopre le montagne e aspettano il momento buono attraversare il confine: c’è chi ci prova da solo, magari facendosi aiutare dalle mappe sullo smartphone e dai consigli di chi è già passato di lì, e chi invece si affida ai trafficanti, il cui mercato non è mai stato così florido da queste parti.

I migranti lo chiamano “game” (gioco) perché, per la maggior parte di loro, il tentativo si conclude nel punto esatto da cui sono partiti. Un macabro gioco dell’oca che spesso porta con sé danni fisici e psicologici.

“Chi torna al Bira è spesso ferito, sopratutto ai piedi, con escoriazioni, tagli, principi di congelamento”, confida Selam Midžić, segretario locale della Croce Rossa. Colpa delle ore passate nei boschi, dell’attraversamento del fiume Una, ma anche dei respingimenti collettivi da parte della polizia croata: una prassi vietata dalla legislazione europea, ma praticata qui come in altre frontiere.

“Dall’accordo tra Turchia e Unione europea del marzo 2016 i numeri di persone in transito nei Balcani si sono notevolmente ridotti, ma il flusso non si è certamente arrestato e la Bosnia resta il punto con più chilometri di confine dove poter attraversare”, spiega al Sir, Silvia Maraone, coordinatrice degli interventi lungo la Balkan Route per Caritas e Ipsia (Ong legata alle Acli), che non nasconde la preoccupazione per quanto potrà accadere nei prossimi mesi.

“Tenendo conto della chiusura della rotta del Mediterraneo Centrale – ci spiega l’operatrice -, c’è il rischio che la pressione sulla Rotta Balcanica torni ad aumentare”. Un’eventualità a cui il governo di Sarajevo non sembra volersi preparare rifiutando di farsi carico della gestione dei centri già esistenti nel Paese, tutti affidati dall’Iom. A questo si aggiunge il risentimento crescente delle comunità locali: le autorità del cantone dell’Una-Sana, ad esempio, hanno minacciato di chiudere tutti i centri presenti nel cantone se la capienza massima non verrà rispettata e hanno moltiplicato i trasferimenti dei migranti dalle zone di confine verso Sarajevo. Così,

da alcune settimane, gli ingressi al Bira sono, almeno sulla carta, bloccati, come conferma il responsabile del campo Mite Cilkovski, moltiplicando il numero di quanti sono costretti a passare la notte all’aperto.

Al fianco dei migranti, oltre all’Iom, restano così solo le Ong locali e internazionali, la rete Caritas, e i volontari “indipendenti” che dall’Europa arrivano periodicamente portando aiuti. Proprio Ipsia BIH è riuscita ad aprire all’interno del Bira un “Social Café” che serve ogni giorno – nelle tre ore di apertura – oltre quattrocento tazze di Caj, il té come viene chiamato in Turchia e in diversi Paesi di Asia e Medio Oriente. Lo abbiamo visitato accompagnati da una delegazione di Caritas Ambrosiana e Caritas Como che stanno sostenendo, insieme ad altri donatori e a Caritas italiana, i progetti per i migranti lungo la Balkan Route.

“Abbiamo iniziato con alcuni termos – ci racconta Greta Mangiagalli, operatrice di Ipsia a Bihac – servendo le prime tazze di caj alla vigilia di Natale, poi sono arrivati i tavoli, un ping pong, i giochi in scatola. Il Social Café è l’unico spazio dentro al Bira dove ti ho concesso di stare tranquillamente, di sederti e chiacchierare”. Si tratta di un “presidio all’interno del Bira” gli fa eco Michele Turzi, volontario della Caritas di Mantova, “dove sai di poter essere ascoltato”.

“Per noi – conclude Silvia Maraone – è fondamentale lavorare all’interno di un campo come il Bira proprio per le condizioni in cui si trovano le persone. Un intervento come il social café è assolutamente importante per mantenere la loro dignità. Non si tratta di dare una tazza di té, ma di riconoscere gli individui come persone”.

Si sono fatte le 13, il chiosco deve chiudere. Alcuni migranti aiutando a sistemare i tavoli di quello che sentono un po’ come il loro café. Andiamo verso l’uscita camminando tra le tende e portiamo con noi un senso di impotenza di fronte a questa umanità in viaggio. Guardiamo per l’ultima volta i volti dei migranti seduti all’esterno delle tende e ci appaiono come sospesi tra la speranza di potercela fare e la rassegnazione di essere finiti in un limbo: troppo lontani da casa per tornare indietro e troppo stanchi per andare avanti. Ma è solo questione di attimi: il confine è troppo vicino, tutti loro ci riproveranno. Fosse anche l’ultimo passo dalla loro vita.

Categories: Notizie

Pages